600 euro di rimborso per ritardi e cancellazioni aeree

Voli in ritardo? Cancellati? Imbarchi non possibili? Non tutti i passeggeri sanno che in questi casi è possibile fare richiesta, entro tre anni, alla compagnia aerea di un rimborso fino a un massimo di 600€ indipendentemente dal costo iniziale del biglietto. Dai diritti dei passeggeri.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Imbarchi negati, cancellazioni di volo, ritardi prolungati… Sono disguidi che spesso possono capitare a chi viaggia in aereo, in particolare nel periodo estivo quando all’aumento del numero dei passeggeri non sempre corrisponde un aumento di servizi, regolamentati dalla normativa CE 261/2004 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’11 febbraio 2004 che, di fatto, abroga il precedente regolamento (CEE) 295/91.
Scopo del regolamento è quello di aumentare i sistemi di protezione (in Europa e non laddove il volo sia operato da un vettore di uno degli stati membri) dei passeggeri qualora questi subiscano, da parte delle compagnie aeree, disagi gravi e fastidi eliminando, tra l’altro, la distinzione tra voli di linea e voli non di linea (si legge, infatti, nel regolamento: Poiché la distinzione tra servizi aerei di linea e non di linea tende ad attenuarsi, siffatta protezione dovrebbe valere non solo per i passeggeri dei voli di linea ma anche per quelli dei voli non di linea, compresi quelli dei circuiti 'tutto compreso').


Ecco, in linea di massima, cosa viene stabilito:
  • IMBARCHI NEGATI
    I passeggeri non consenzienti a cui viene negato l'imbarco dovrebbero avere la possibilità di annullare il volo, usufruendo del rimborso del prezzo del biglietto, o di proseguirlo in condizioni soddisfacenti e dovrebbero beneficiare di un'adeguata assistenza durante il periodo di attesa di un volo successivo. Lo stesso trattamento andrebbe riservato ai passeggeri che dietro richiesta rinunciano volontariamente alla prenotazione.
  • CANCELLAZIONE DI VOLI

    I disagi e i fastidi causati dalla cancellazione di un volo andrebbero, per quanto possibile, limitati. Per conseguire tale obiettivo si dovrebbe esigere che i vettori aerei informino della cancellazione del volo i passeggeri interessati prima dell'ora prevista per la partenza e offrano altresì loro di proseguire il viaggio con un volo alternativo ragionevole, affinché essi possano decidere diversamente. Se non ottemperano a questo obbligo i vettori aerei dovrebbero offrire una compensazione pecuniaria ai passeggeri, salvo qualora la cancellazione sia dovuta a circostanze eccezionali che non si sarebbero comunque potute evitare anche se fossero state adottate tutte le misure del caso. Ai passeggeri a cui è stato cancellato un volo dovrebbero ottenere il rimborso del prezzo del biglietto oppure dovrebbe essere offerta loro la possibilità di effettuare, comunque, il viaggio a condizioni soddisfacenti.
  • RITARDI
    I passeggeri il cui volo subisce un ritardo di durata definita dovrebbero beneficiare di un'adeguata assistenza e dovrebbero avere la possibilità di annullare il volo usufruendo del rimborso del prezzo del biglietto o di proseguirlo in condizioni soddisfacenti.


Per quanto riguarda la compensazione pecuniaria, questa è fissata in:

  • 250€ per tutte le tratte inferiori o pari a 1500km
  • 400€ per tutte le tratte intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le tratte comprese tra 1500 e 3500 km
  • 600€ per le tratte superiori ai 3500 km


Per quanto l’orario di arrivo di un volo offerto in sostituzione del primo, questo non dovrebbe superare, rispetto al biglietto originale:

  • Le due ore per tratte pari o inferiori a 1500 km
  • Le tre ore per tutte le tratte intracomunitarie superiori a 1500 km e per tutte le tratte comprese tra 1500 e 3500 km
  • Le 4 ore per tutte le tratte superiori a 3500 km


In caso di assistenza, il passeggero ha diritto a un rimborso di pasti e bevande consumate durante l’attesa, all’albergo nel caso in cui questa dovesse prevedere il pernotto e al rimborso delle spese di trasferimento dall’aeroporto all’albergo scelto per il pernottamento.

Per maggiori informazioni e per leggere per esteso il testo del Regolamento, cliccate qui

  • Commento inserito da Giulio il 7 agosto 2014 alle ore 15:37

    Alessandra, ti consiglio di non mollare: le compagnie purtroppo tendono spesso ad approfittarsene, ma hai tutti i presupposti per ottenere ciò che ti spetta. Ti consiglio di dare un'occhiata a questo link, dove si approfondiscono i punti emersi nell'articolo:

    http://europa.eu/youreurope/citizens/travel/passenger-rights/air/index_it.htm.



    A me è capitata una cosa simile 5 anni fa e mi sono rivolto a Salvaviaggio.com..che ha seguito tutta la pratica.

    Alla fine è andato tutto bene, anche se ho dovuto attendere i tempi della giustizia italiana e della compagnia aerea che doveva pagare!

  • Commento inserito da Alessandra il 31 luglio 2014 alle ore 10:59

    Peccato che questo si applichi soltanto nella teoria. Nella pratica le compagnie aeree fanno quello che vogliono. Settembre 2013, roma- Toronto partenza con alitalia dopo 4 ore e mezzo di ritardo, io e mio figlio di 3 anni. Nessuna assistenza, nessuna informazione niente, abbandonati da tutti. Ho presentato reclamo e mi hanno risposto che si scusano per il disagio ma non mi spettava niente. No comment, il solito imbroglio all'italiana.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Irlanda-Halloween

Halloween: in Irlanda si studia inglese con tutta la famiglia

Una settimana di vacanza-studio con tanto di lezioni di inglese la mattina per tutta la famiglia e accoglienza presso famiglie locali in pensione completa. Un modo diverso di pensare le vacanze autunnali e di vivere il giorno di Halloween. 

continua »
MuMo

MUMO. Il Museo per bambini si mette le ruote

 MuMo (Museo Mobile) è un museo itinerante nato nel 2011 in Francia con lo scopo di avvicinare i bambini all'arte contemporanea mostrandogliela là dove dove loro vivo.

continua »
TRANSILVANIA

Halloween: 6 mete perfette per vacanze in famiglia

Per il ponte del 1° Novembre, sei destinazioni perfette per famiglie in cui vivere e assaporare l'atmosfera di Halloween. Dalla Francia alla Scozia, ecco dove andare.

continua »
Jet-lag-bambini2017

Come affrontare il Jet Lag dei bambini

Vacanze quasi finite per tutti e per chi è di ritorno dopo un lungo viaggio intercontinentale uno dei primi problemi da afrontare potrebbe essere il jet lag dei bambini. Come comportarsi e come prevenirlo.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network