Con le pinne, fucile ed occhiali...

Il necessaire per la spiaggia quando ci sono bambini. Dalla crema solare agli occhiali da sole, dai giocattoli all'attrezzatura per bagni sicuri e divertenti.

Articoli Correlati

Braccioli, salvagente, secchiello, paletta, formine, creme solari, costumini di ricambio, accappatoio, telo mare, occhiali da sole, crema per il viso, borsa frigo…. Per chi ha bambini, l'equipaggiamento per la spiaggia potrebbe risultare infinito anche se, tra le tante cose che spesso ci si porta appresso, non tutto è utile e non tutto viene, poi, utilizzato. Ecco, dunque, quali sono gli indispensabili e cosa, invece, potrebbe alla fine risultare superfluo.

DA PORTARE SEMPRE CON SÉ


 
  • Solari: indispensabili sia per i grandi che per i piccini, durante i primi giorni al mare, ma anche alla fine, quando la pelle del bambino è già abbronzata. Infatti, le creme solari, oltre a prevenire arrossamenti e scottature, filtrano i raggi del sole considerati dannosi, limitando sempre e comunque i danni che un'esposizione sbagliata potrebbe arrecare alla salute, anche negli anni a venire. Se il bimbo ha la carnagione molto chiara e durante i primi giorni, meglio optare per un prodotto a protezione totale da applicare ripetutamente nell'arco della giornata in particolar modo dopo il bagno e se il piccino trascorre molte ore in acqua o sul bagnasciuga. Man mano, poi, che la pelle si scurisce, è possibile diminuire il fattore di protezione, sempre tenendo conto, però, dell'età del piccolo e del suo fototipo. Meglio evitare, invece, di utilizzare creme solari con i bambini sotto ai 6 mesi che vanno portati in spiaggia solo nelle prime ore della mattina e nelle ultime prima del tramonto, coperti con abitini in cotone e lasciati sotto l'ombrellone.
  • Un cappellino: giocando il bambino trascorre generalmente molte ore sotto al sole cocente. Nelle ore più calde, quindi, per evitare insolazioni e colpi di calore, proteggere la testa con un cappellino o un foulard, eventualmente bagnato.
  • Un telo mare: utile per asciugare il bambino dopo il bagno, ma soprattutto indispensabile nel caso in cui voglia sdraiarsi o sedersi vicino a voi tra un bagno e l'altro, tra un gioco e l'altro. Meglio, perciò, pensare anche all'asciugamano per lui, più pratico dell'accappatoio e con una duplice funzione.

     

    UTILI, MA NON INDISPENSABILI


     
  • Occhiali da sole: anche gli occhi vanno protetti dai raggi solari. Gli occhiali da sole, quindi, con una montatura in plastica e lenti infrangibili, potrebbero essere utili, anche se non è indispensabile che il bimbo li indossi per tutta la giornata in spiaggia.
  • Un costumino di ricambio: non è indispensabile cambiare il costume del bambino ogni volta che fa il bagno. Nel giro di 10 minuti, infatti, il costume si asciuga e al mare la sensazione di umidiccio non è particolarmente fastidiosa. Se la giornata, però, è fredda, umida o ventosa, il costume asciutto è senz'altro utile per sentire meno freddo.

     

    UTILI… A SECONDA DELL'ETÀ
     

  • Braccioli o salvagente: se il bambino non sa nuotare, braccioli o salvagente sono praticamente indispensabili per fargli, comunque, godere il momento del bagno in tutta sicurezza. I primi sono più indicati per i bimbi che già hanno una qualche dimestichezza con l'acqua che possono provare ad accennare un abbozzo di bracciata. I secondi, invece, sono consigliati per i più piccoli, possibilmente dotati di mutandine per una maggiore sicurezza. Se il bimbo, invece, ha già preso qualche lezione di nuoto, per aiutarlo a prendere confidenza con l'acqua, può servire portare con sé una tavoletta galleggiante tipo quelle usate in piscina che consente di imparare il movimento delle gambe e la respirazione sott'acqua.
  • Maschera, pinne, boccaglio: ovviamente non è indispensabile che il bimbo nuoti attrezzato di tutto punto con maschera, penne e boccaglio. Ma l'esperienza del sub è una di quelle cose imprescindibili dell'infanzia e a tutti i bambini piace immergersi per scoprire cosa si nasconde nelle profondità marine. Per altro, se il bimbo è già grandicello e se la cava bene con il nuoto, è possibile organizzare con lui delle vere e proprie uscite alla scoperta dei fondali, senza mai allontanarsi troppo dalla riva in modo che, nel caso sia stanco, possa tornare indietro senza difficoltà. È un modo diverso di vivere la spiaggia e il mare che, spesso, incontra il favore sia dei grandi che dei piccini.
  • Paletta, secchiello & co.: non a tutti i bambini piace giocare con secchiello, paletta e formine. Molto spesso, infatti, questi giocattoli da spiaggia vengono abbandonati per tutto il giorno sotto l'ombrellone senza essere degnati neppure di uno sguardo. Talmente tante, infatti, sono le attrattive che spesso i giochi 'artificiosi' vengono messi in secondo piano. Non vale la pena, perciò, portarsi dietro una montagna di giochi se il piccolo preferisce cercare conchiglie sulla riva, organizzare partite di pallone, giocare con il freesbee… Assecondare le passioni e i gusti del proprio figlio è fondamentale, quindi, in questi casi per non caricarsi di un bagaglio inutile.

     

    GLI INDISPESABILI… A SECONDA DELLA SPIAGGIA
     

  • Ombrellone: l'ombrellone è indispensabile se ci sono bambini per coloro che alle spiagge attrezzate preferiscono le calette solitarie. Obbligarli, infatti, i più piccoli a trascorrere tutta la giornata sotto il sol leone senza la possibilità di ripararsi all'ombra può essere snervante. Meglio, quindi, attrezzarsi di conseguenza.
  • Una borsa frigo: se nelle vicinanze ci sono bar e chioschetti dove acquistare bibite e panini, non ci sono problemi. Ma sempre per coloro che amano l'avventura e le coste selvagge la borsa frigo è fondamentale per conservare l'acqua (da offrire ai piccoli ripetutamente nell'arco della giornata per evitare che si disidratino) ed, eventualmente, la colazione al sacco (frutta, panini, succhi di frutta…).

     


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Foliage

Tutti pazzi per il foliage!

Impazza, per lo meno sui social, la moda del Foliage, il fenomeno naturale per cui in autunno le foglie di alcuni alberi cambiano colore e si vestono di giallo, rosso, marrone. Ecco, in Italia, dove si trovano le zone più belle per assistere allo spettacolo.

continua »
Irlanda-Halloween

Halloween: in Irlanda si studia inglese con tutta la famiglia

Una settimana di vacanza-studio con tanto di lezioni di inglese la mattina per tutta la famiglia e accoglienza presso famiglie locali in pensione completa. Un modo diverso di pensare le vacanze autunnali e di vivere il giorno di Halloween. 

continua »
MuMo

MUMO. Il Museo per bambini si mette le ruote

 MuMo (Museo Mobile) è un museo itinerante nato nel 2011 in Francia con lo scopo di avvicinare i bambini all'arte contemporanea mostrandogliela là dove dove loro vivo.

continua »
TRANSILVANIA

Halloween: 6 mete perfette per vacanze in famiglia

Per il ponte del 1° Novembre, sei destinazioni perfette per famiglie in cui vivere e assaporare l'atmosfera di Halloween. Dalla Francia alla Scozia, ecco dove andare.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network