Tempo di… fare splash!

Estate. Tempo di mare e vacanze in piscina. Anche quando il bambino è piccolissimo. Perché l’acqua lo aiuta a crescere, rafforza la sua autostima e migliora il rapporto genitore-bebè. Sin dai primi mesi.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

L’estate è arrivata e con l’estate la voglia di vacanze, bagni di sole, bagni in mare e bagni in piscina. Per le neomamme, poi, la possibilità di provare per la prima volta l’esperienza dell’acqua con il bebè, il primo bagnetto, il primo… splash!
Alcune di quelle che già durante l’inverno hanno frequentato con il bimbo un corso di acquaticità in piscina, infatti, sanno di cosa si tratta e conoscono i benefici dell’acqua sulla salute fisica e psichica del piccolo; per le altre, invece, sarà una scoperta constatare come anche bambini di pochissimi mesi siano perfettamente a loro agio nell’acqua e come questa sia, in un certo senso, parte della loro esistenza sin dalla vita prenatale.


 
PRIMI CONTATTI CON L’ACQUA: CONSIGLI PRATICI

Per le mamme che per la prima volta si apprestano a portare il bebè al mare o in piscina, alcuni consigli pratici sono doverosi, per evitare problemi e vivere quest’esperienza serenamente, cercando di evitare ansia, stress e inutili paure.


 
  • Innanzitutto è bene iniziare con un approccio graduale, magari nella vasca da bagno dove è più facile tenere sotto controllo parametri quali temperatura dell’acqua, temperatura esterna.... Non esiste un’età giusta (anche bimbi di pochissime settimane possono cimentarsi nel primo bagnetto!). Esiste, però, un atteggiamento “corretto”. Il consiglio dell’esperta, prima del vero e proprio “tuffo in piscina” è di immergersi nella vasca da bagno con il piccolo sperimentando insieme a lui il contatto con l’acqua, bagnandolo, provando a farlo galleggiare….
  • Una volta che il piccino avrà preso confidenza con l’acqua, lo si può portare in piscina (o al mare), cercando sempre di non avere fretta e provando a fargli vivere questa esperienza come un gioco, in modo piacevole e rilassato.
  • Coinvolegere il piccolo con tuffi, canzoncine, giochi legati al mondo acquatico… non solo lo aiuta a rilassarsi, ma gli consente di associare l’acqua a sensazioni piacevoli, di divertimento e condivisione con mamma e papà. Per questo è molto importante non trasmettere al bambino le proprie ansie o paure, i propri timori, i propri disagi. Nelle prime esperienze con l’acqua la serenità dei genitori è fondamentale!

    Qui troverete tantissimi consigli per iniziare a “nuotare” con il bambino forniti dall’istruttrice di nuoto Philomena Geary. Inoltre, potrete leggere settimana per settimana tutte le mosse da compiere per un approccio all’acqua graduale e che tenga conto delle esigenze del bimbo.

     

     
    MA PERCHÉ È COSÌ IMPORTANTE IL PRIMO BAGNETTO?

    Che il nuoto sia una delle attività sportive più complete, praticabile sin dalla più tenera età senza effetti collaterali per la salute, è risaputo.
    Il motivo, però, per il quale è importante abituare all’acqua anche i bambini più piccoli non ha solo a che vedere con il benessere fisico. L’acquaticità neonatale, infatti, non è una disciplina sportiva e non va intesa in questo senso.
    Dice Philomena Geary:
    L’acquaticità è un ottimo modo per legare con il bambino dal momento che per lui le occasioni di interazione sia con la mamma (papà) sia con gli altri bambini assumono un valore inestimabile. Il piccolo adorerà potersi muovere liberamente rafforzando i muscoli e aumentando la coordinazione. Inoltre, imparerà tecniche di galleggiamento che lo aiuteranno a sentirsi sicuro in acqua anche in futuro.
    Se ne evince che i principali benefici dell’acquaticità neonatale siano psichici, prima ancora che fisici. I bebè messi a contatto precocemente con l’acqua acquisiscono una maggiore consapevolezza nelle proprie capacità, la loro autostima ne viene rafforzata, migliora il rapporto con i genitori.

     

     
    LA MISE DEL PICCOLO NUOTATORE

    Che si tratti di mare o di piscina, per i primi tuffi con il neonato è necessario organizzarsi e portare con sé tutto il necessaire per non avere problemi:
     

  • Un asciugamano in cui avvolgere il bambino dopo il bagno
  • Una cuffia (per i bagni in piscina e laddove sia richiesto)
  • Un cambio per il dopo bagno
  • Un pannolino in grado di trattenere le fuoriuscite anche se immerso nell’acqua
    Perfettamente indicato a questo scopo, il pannolino Huggies® Little Swimmers®, disponibile dai 3 ai 14+ kg, non si gonfia a contatto con l’acqua permettendo al bambino totale libertà di movimento. Il materiale è super assorbente e le barriere laterali evitano le fuoriuscite. Inoltre, si apre e si chiude come un normale pannolino per semplificare i cambi (per richiedere il campione gratuito cliccate qui).

     

    Per saperne di più e per ottenere il certificato del piccolo nuotatore www.huggiesclub.it/Littleswimmers. Oppure consultate lo Speciale Acquaticità sul nostro sito.

    Questo articolo è sponsorizzato.


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Valigia-letto

Valigie con una marcia in più

Valigie intelligenti pensate per chi affronta lunghi viaggi con i bambini e sa quanto possa essere faticoso un viaggio in treno, in aereo o anche in auto con loro. Dalla valigia letto all'amaca per distendere meglio le gambe.

continua »
Pimpa-CittaInGioco

Città in gioco

Città in gioco è una collana di guide-gioco dedicata ai più piccoli per scoprire le città con la Pimpa e i suoi amici.

continua »
Foliage

Tutti pazzi per il foliage!

Impazza, per lo meno sui social, la moda del Foliage, il fenomeno naturale per cui in autunno le foglie di alcuni alberi cambiano colore e si vestono di giallo, rosso, marrone. Ecco, in Italia, dove si trovano le zone più belle per assistere allo spettacolo.

continua »
Irlanda-Halloween

Halloween: in Irlanda si studia inglese con tutta la famiglia

Una settimana di vacanza-studio con tanto di lezioni di inglese la mattina per tutta la famiglia e accoglienza presso famiglie locali in pensione completa. Un modo diverso di pensare le vacanze autunnali e di vivere il giorno di Halloween. 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network