Disturbi in vacanza: diarrea del viaggiatore

Diarrea. Un disturbo frequente per chi viaggia in Paesi esotici, con un'alimentazione diversa dalla nostra e condizioni igienico-sanitarie carenti. Come si presenta, come si cura, come si previene.

Articoli Correlati

di Manuela Magri
La diarrea del viaggiatore, che tende a comparire nei primi giorni di viaggio, è un disturbo frequente tra coloro che viaggiano in località esotiche, caratterizzate da un clima caldo o caldo-umido, condizioni igieniche carenti e un sistema alimentare molto diverso dal nostro.
Si presenta tipicamente con scariche giornaliere frequenti di feci liquide o semi-liquide, spesso accompagnate da dolori addominali, nausea, vomito, sudori freddi, febbre.


La causa l'ingestione di alimenti, ma più spesso bevande, contaminate da microrganismi che, una volta ingeriti, producono molecole tossiche per l'intestino.
Il decorso per un adulto sano è, generalmente, benigno con la regressione dei sintomi nel giro di 24-48 ore. Per quanto riguarda, invece, bambini e lattanti è fondamentale tenere monitorata la situazione dal momento che scariche frequenti possono compromettere il delicato sistema di idratazione e presenza di sali minerali che garantiscono il benessere dell'organismo. E' fondamentale, dunque, in caso di malattia, aumentare la dose di liquidi offerta al bimbo, reintegrando minerali preziosi quali potassio e magnesio con una dieta adeguata ed, eventualmente, integratori specifici. Inoltre, integratori di fermenti lattici sono fondamentali per ristabilire l'integrità della flora batterica.

COME PREVENIRLA
  • Prima di partire e nei primi giorni di soggiorno, può essere utile la somministrazione di fermenti lattici per rafforzare le difese intestinali e mantenere viva la flora batterica.
  • Bere solo acqua imbottigliata di cui si conosca la provenienza. L'acqua del rubinetto può essere bevuta solo dopo bollitura.
  • Evitare il consumo di ghiaccio e di bevande di cui non si conosca la provenienza (per esempio, succhi di frutta o limonate fatti in casa).
  • Utilizzare l'acqua minerale anche per la pulizia dei denti.
  • Evitare il consumo di cibi crudi (carne, pesce, verdura...), poco cotti o riscaldati.
  • Mangiare solo frutta che si può sbucciare.
  • Lavarsi sempre le mani prima (e dopo) dei pasti.
  • Evitare il consumo di latte e uova non pastorizzate e di gelato artigianale se non si è più che certi della sua manifattura.

    Ricetta della settimana

    Forse ti potrebbe interessare

    Foliage

    Tutti pazzi per il foliage!

    Impazza, per lo meno sui social, la moda del Foliage, il fenomeno naturale per cui in autunno le foglie di alcuni alberi cambiano colore e si vestono di giallo, rosso, marrone. Ecco, in Italia, dove si trovano le zone più belle per assistere allo spettacolo.

    continua »
    Irlanda-Halloween

    Halloween: in Irlanda si studia inglese con tutta la famiglia

    Una settimana di vacanza-studio con tanto di lezioni di inglese la mattina per tutta la famiglia e accoglienza presso famiglie locali in pensione completa. Un modo diverso di pensare le vacanze autunnali e di vivere il giorno di Halloween. 

    continua »
    MuMo

    MUMO. Il Museo per bambini si mette le ruote

     MuMo (Museo Mobile) è un museo itinerante nato nel 2011 in Francia con lo scopo di avvicinare i bambini all'arte contemporanea mostrandogliela là dove dove loro vivo.

    continua »
    TRANSILVANIA

    Halloween: 6 mete perfette per vacanze in famiglia

    Per il ponte del 1° Novembre, sei destinazioni perfette per famiglie in cui vivere e assaporare l'atmosfera di Halloween. Dalla Francia alla Scozia, ecco dove andare.

    continua »

    Cerca altre strutture





    Ricetta della settimana

    I piú cliccati

    Seguici sui network