Protezione 30 o 50? Quale scegliere?

Per i bambini è consigliabile usare la protezione 30 o 50? Esiste una reale differenza tra l'una e l'altra? Quando è consigliabile passare a una protezione più bassa? Oltre il marketing, alcune verità sulle creme solari.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Il fattore di protezione solare, da oltre 50 anni in tutto il mondo, indica la capacità di un prodotto solare di filtrare i raggi UV. Sebbene la procedura per determinare il SFP cambi da paese a paese, in realtà il numero determina quanti raggi UV vengono bloccati e quanto viene ritardato l'insorgere dell'eritema.
Naturalmente, l'idea che più alto sia il numero maggiore sia la garanzia che il prodotto protegga dal sole è piuttosto diffusa e le grandi case cosmetiche hanno giocato sul rilancio di questo numero (fino a qualche anno fa, negli Stati Uniti, si trovavano in commercio creme solari con fattore di protezione 200).


Proprio per evitare una pubblicità ingannevole per il consumatore, la Commissione Europea qualche anno fa stabilito le nuove linee guida per l'etichettetura dei prodotti solari accorciando di parecchio le distanze numeriche e suddividendo le creme in 4 macro categorie:
Crema con fattore di protezione basso (da 6 a 10)
Creme con fattore di protezione medio (da 10 a 25)

Creme con fattore di protezione alto (30 e 50)
Creme con fattore di protezione molto alto (oltre i 50)
In linea generale, poi, è stato stabilito che il valore numerico dovesse avere, dal punto di vista grafico, una rilevanza minore rispetto alla scala di valore stabilita e che le aziende avrebbero dovuto impegnarsi per non trasmettere nei consumatori idee non vere quando non del tutto false.

Come regolarsi, dunque, nella scelta del fattore di protezione più adatto per la pelle di una bambino?
Stabilito che non esiste una grande differenza tra 30 e 50, il consiglio è scegliere un prodotto a protezione alta o molto alta da stendere sulla pelle tutti i giorni, dal primo all'ultimo, avendo cura di stenderne la giusta dose su tutte le parti del corpo, ripetendo l'operazione più volta nell'arco della giornata e soprattutto dopo il bagno (anche in presenza di creme resistenti all'acqua).
La pelle dei bambini, infatti, è molto delicata ed evitare scottature nei primi anni di vita è fondamentale per regalare ai piccolo benessere e salute anche in futuro.

Le creme a protezione alta e molto alta fanno abbronzare?
L'idea generale è che le creme ad alta protezione sfavoriscano l'abbronzatura, ma non è così. Se, infatti, si allunga il tempo necessario perché la pelle prenda colore, è anche vero che protetta e idratata quest'ultima mantiene il colore più a lungo.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Jet-lag-bambini2017

Come affrontare il Jet Lag dei bambini

Vacanze quasi finite per tutti e per chi è di ritorno dopo un lungo viaggio intercontinentale uno dei primi problemi da afrontare potrebbe essere il jet lag dei bambini. Come comportarsi e come prevenirlo.

continua »
montagna_protezione

In montagna ad 'alta protezione'

Sulla neve, è importante proteggere pelle e occhi per evitare scottature, ustioni e congiuntiviti. Creme e occhiali sono, quindi, indispensabili.

continua »
Tendenze-mare2017

Tendenze mare 2017

Dai gonfiabili di tendenza alle borraccette di design, ecco alcuni oggetti perfetti per il mare che coloreranno di novità e freschezza l'estate 2017. Da non perdere. 

continua »
vitaminaD

Vitamina D: la vitamina dell'estate

A differenza di altre vitamine, la vitamina D, importantissima per il nostro organismo, viene per il 90% assorbita attraverso la pelle, attraverso l'esposizione ai raggi solari. Non è facile sopperire a carenze di vitamina D solo solo attraverso l'alimentazione'.  Ecco perché può essere considerata la vitamina dell'estate.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network