Metodologia della drammatizzazione

Come inserire all'interno della metodologia del gioco attività drammatico-teatrali per i bambini dai 2 agli 8 anni.

Articoli Correlati

La metodologia del gioco rappresenta nella scuola dell'infanzia e nel primo biennio della scuola primaria uno strumento di lavoro davvero efficace per raggiungere traguardi formativi di successo nel bambino dai 2 anni e mezzo agli 8 anni.
In modo particolare, una delle metodologie di eccezione è rappresentata dall'attività drammatico - teatrale: attraverso il corpo e il movimento e attraverso il travestimento viene favorita, infatti, l'espressione e la comunicazione nei piccoli dell'autonomia, dell'affettività e delle relazioni.


La strutturazione in ogni scuola di un laboratorio della teatralità diviene l'espressione di un luogo dove ogni bambino può:
 
  • riconoscere le proprie emozioni e i propri pensieri
  • accettare le diversità
  • superare le inibizioni
  • canalizzare adeguatamente forme di aggressività.

     


    Il travestimento, che spesso solo nel periodo carnevalesco viene a essere riconosciuto come elemento giocoso, dovrebbe costituire un elemento costante nella didattica delle scuole dell'infanzia e primarie.
    É pur vero che in quasi tutte le scuole esiste almeno un angolo del travestimento o un atelier dei vestiti: uno spazio - giochi strutturato, anche con materiali di risulta, come vestiti 'dei grandi', costumi di carnevale, borsette, scarpe, cappelli, foulards e, immancabile, uno specchio, diventa il luogo dell'espressione e della relazione interpersonale.

    Osservando i bambini in un angolo drammatico - teatrale, ogni docente (o a casa ogni genitore) scoprirà quanto l'imitazione e l'identificazione si trasformino in un momento divertente dove i ruoli mostrano un gioco di eccezionale spontaneità.
    Attraverso la sperimentazione e la simulazione di personaggi, infatti, emergono dinamiche familiari, emotività nascoste, inibizioni superate, palesando un contenuto didattico, spesso anche terapeutico, importantissimo.
    Simbolizzando le esperienze personali, il piccolo riesce anche a riconoscere e misurare l'intensità delle proprie emozioni: un'educazione all'espressione del sé, attraverso un progetto educativo di drammatizzazione, dovrebbe pertanto essere trasversale a ogni esperienza dell'offerta formativa scolastica.
    L'attività del travestimento, se per ogni bambino significa elicitare sentimenti e comunicare la propria identità, per l'adulto di riferimento rappresenta un campo di osservazione necessario a rilevare la positività della crescita del sé e del rapporto con l'altro, oltre che caratterizzarsi per elemento di raccolta di dati necessari a promuovere interventi educativi miranti alla socializzazione, all'integrazione nel gruppo, allo sviluppo del senso dell'iniziativa personale, al superamento di ruoli gregari.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Maria Jose Pastor Rodriguez il 19 marzo 2010 alle ore 07:59

    La drammatizzazione é anche un prezioso strumento per trasmettere delle conoscenze in diversi ambiti. E' ottimo per le fattorie didattiche. Io lo applico nei laboratori d'apicoltura.

  • Commento inserito da EL il 6 aprile 2009 alle ore 21:44

    Sono pienamente d'accordo. A casa noi abbiamo un cesto pieno di vestiti, stoffe, zaini etc.
    Quando vengono i bimbi a giocare le mamme si stupiscono dicendo "ma non è più Carnevale!!!"

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Minitennis

Tutti a scuola di minitennis!

Se il tennis è sconsigliato nei bambini troppo piccoli, il minitennis che sempre più centri sportivi stanno proponendo ai bimbi è un sport completo perfetto già a partire dai 3 anni. Ecco di cosa si tratta. 

continua »
FakeNews_Mascherine2

No-mask: mascherine e fake news

Dopo i no-vax ora è la volta dei no-mask di diffondere false informazioni, in questo caso, sull'uso delle mascherine e più in particolare sull'uso delle mascherine nei bambini. Ecco 5 bufale smentite anche dalla Società Italiana di Pediatria.

continua »
Back-to-school-qualita-aria

3 regole per un Back to school in sicurezza

A scuola in sicurezza. Non solo per limitare eventuali focolai di covd, ma anche per diminuire il rischio di contagio da altri virus che, normalmente, circolano nelle classi.

continua »
Vaccino-antinfluenza2020

Perché gli operatori sanitari spingono verso il vaccino influenzale?

Dal momento che distinguere il Covid dalla comune influenza è pressoché impossibile senza il tampone, l'unica soluzione per tracciare eventuali focolai è praticare la vaccinazione influenzale almeno a un italiano su quattro.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network