Vademecum per i lunghi viaggi

Giornate calde per chi è in partenza per le vacanze. Nei prossimi giorni e settimane, infatti, si prevedono sulle autostrade italiane centinaia di veicoli in circolazione. Alcuni consigli per viaggiare sicuri e senza stress.

Vademecum per i lunghi viaggi


Giorni caldi per chi è in procinto di mettersi in viaggio. Come tutti gli anni, infatti, nelle prossime settimane si prevedono esodi di massa verso le località turistiche, folle nelle stazioni e negli aeroporti, traffico e code sulle autostrade. Insomma, se non stessimo parlando di vacanze, potrebbe sembrare la fuga verso l’inferno. Ogni anno, per altro, la cosa si ripete e ogni anno i consigli per chi sta per lasciare le città e i paesi di residenza, sono sempre i medesimi.
Eccoli.



 
IN MARCIA LUNGO L’AUTOSTRADA

Code, file, incidenti, imbottigliamenti… Le autostrade sono il centro nevralgico della maggior parte degli spostamenti estivi in Italia e affrontarle in questi weekend da bollino rosso può diventare un vero e proprio incubo, soprattutto con bambini a bordo, insofferenti alle attese, annoiati, stanchi dopo ore e ore seduti nella medesima posizione.



 
  • Programmate le vostre partenze tenendo conto di quelle che sono le previsioni di traffico.
  • Se ne avete la possibilità, in caso di viaggi molto lunghi, dividete il tragitto, fermandovi a mangiare fuori dall’autostrada o a dormire qualora lo spostamento sia superiore alle sei ore di macchina.
  • Se ne avete la possibilità, scegliete percorsi alternativi, abbandonando l’autostrada rovente per amene strade secondarie: lo spostamento sarà senz’altro più lungo, ma il viaggio, alla fine, risulterà meno stancante. D’altra parte, ricordate, il viaggio fa parte della vacanza e le sorprese più belle, spesso, ci attendono lungo la strada (Jack Kerouac docet).
  • Per distrarre i bambini, portate con voi giochi da viaggio, cd e qualunque cosa sia in grado di attirare la loro attenzione distraendoli dal percorso. Questo agevolerà chi guida e il viaggio sarà più rilassante per tutti.
  • Meglio partire nelle ore fresche della giornata, piuttosto che con il solleone.
  • Niente alcolici prima di guidare. Potrete concedervi un aperitivo di benvenuti una volta giunti a destinazione.
  • Fermatevi spesso per sgranchirvi le gambe e farle sgranchire ai bimbi. Rimanere troppo a lunghi intrappolati su seggiolini e sedili non è sano, oltre a essere decisamente noioso.

     

     
    PREVENIRE IL MAL D’AUTO

    Di cinetosi, termine scientifico per indicare il malessere causato dal movimento e che spesso viene associato all’automobile, soffrono, soprattutto, i bambini, generalmente dai 2 anni in su. La causa è dovuta a un’eccessiva stimolazione delle membrane preposte al controllo dell’equilibrio che si trovano nell’orecchio interno. Nausea, pallore, sudorazione fredda e vomito sono i sintomi più diffusi.
    Sebbene non si tratti di nulla di grave, affrontare uno spostamento, più o meno lungo, con un bimbo che ne soffre, può diventare veramente stressante, sia per il piccolo che per i genitori.
    In commercio esistono farmaci ad hoc per risolvere il problema. Altrimenti, è possibile prevenirlo con qualche piccolo accorgimento da mettere in pratica prima e durante il viaggio.
     

  • Non lasciare il bambino a stomaco vuoto prima del viaggio, evitando pasti troppo abbondanti e preferendo cibi ricchi di carboidrati (pasta, pane, crackers….).
  • Durante il viaggio, offrire al bambino piccoli spuntini. Anche in questo caso, gli alimenti più indicati sono quelli a base di farinacei.
  • Evitare bibite, acqua e succhi di frutta durante gli spostamenti.
  • Evitare che il bambino legga o sfogli libri e giornali.
  • Evitare di fumare all’interno dell’abitacolo.

     


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Influenza-o-covid

Covid o influenza? Come distinguerli?

Mentre alcuni pediatri lanciano un allarme per il numero eccessivo di tamponi eseguiti sui bambini, come possono i genitori distinguere i sintomi influenzali da quelli del covid?

continua »
Capoeira-2020

Capoeira: tra danza e lotta

Salti, calci, piroette e movimenti dolci. In una parola Capoeira. La danza che arriva dal Brasile e piace tanto ai bambini di tutte le età. Perché sceglierla tra i corsi sportivi.

continua »
Kumon

Kumon. Un metodo di apprendimento per inglese e matematica

Nato in Giappone 60 anni fa e molto diffuso nel mondo, il metodo Kumon ha l'obbiettivo di fornire ai bambini, dall'età di 2 anni, gli strumenti per 'imparare a imparare'. Facilitando, in questo modo, l'apprendimento delle lingue straniere.

continua »
Shopping-scuola-2020

Back to school: i must have del 2020

Oltre a penne, matite e quaderni, ecco i must have che non devono assolutamente mancare nella lista delle cose da comprare per la scuola.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network