Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

Cause di infertilità: il varicocele



Circa il 15% degli uomini in età fertile sono affetti da varicocele, una patologia piuttosto diffusa e generalmente asintomatica che costituisce una delle maggiori cause di infertilità maschile (secondo i dati del Ministero della Salute circa il 40%).


Si tratta, in pratica, di una disfunzione che interessa il sistema vascolare del testicolo che determina una dilatazione delle vene testicolari con conseguente reflusso di sangue dall’alto e incremento della temperatura.
L'ambiente che si viene a creare è, perciò, sfavorevole alla produzione e alla sopravvivenza degli spermatozoi che di conseguenza risultano essere in numero inferiore rispetto alla norma e con peggiori condizioni di motilità.
Non è un caso, dunque, che di fronte a uno spermiogramma che presenta valori alterati riguardo al numero, alla motilità e alla forma degli spermatozoi (oligo-asteno-teratospermia), il pziente venga indirizzato da uno specialista andrologo per un’accurata visita al fine di diagnosticare o escludere la presenza di varicocele.


CAUSE DEL VARICOCELE

Sebbene le cause siano ancora incerte e sebbene il varicocele colpisca anche ragazzi molto giovani (10-14 anni) con un'incidenza pari a quella degli adulti, alcune teorie per ipotizzarne l'insorgenza sono state fatte:
  • Insufficienza del sistema valvolare venoso
  • Differente pressione idrostatica lungo la vena spermatica sinistra, più lunga della destra
  • Schiacciamento della vena renale da cause diverse
  • Aumento del flusso arterioso testicolare durante la pubertà superiore al volume che il sistema venoso è in grado di accogliere

DIAGNOSI

Generalmente, la diagnosi di varicocele, che come dicevamo sopra è, per lo più asintomatico, arriva dopo uno spermiogramma sballato e la richiesta da parte del medico curante di una visita urologica di approfondimento.
Il controllo consiste in un'accurata ispezione dello scroto da parte dell'urologo/andrologo e in un'eco-doppler che permette di definire l’entità del reflusso e i gradi del varicocele (1°, 2°, 3°, 4° grado).

LA CURA

Per quanto frequente e per quanto spesso responsabile di infertilità di coppia. il varicocele si risolve velocemente e senza conseguenze con un intervento chirurgico (esistono anche pratiche meno invasive che vengono eseguite ambulatoriamente in anestesia locale) che normalizza la situazione (ci vogliono circa 4-6 mesi dopo l'intervento perché la qualità dello sperma possa tornare a parametri di normalità).

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Perdite-impianto

Perdite da impianto: come si riconoscono

Solo effettuando un test di gravidanza è possibile distinguere le perdite ematiche dovute all'impianto dell'embrione dalle perdite dovute all'inizio del ciclo mestruale.

continua »
Fecondazione-tempo-Covid

Al via i trattamenti di fecondazione assistita dopo lo stop di marzo

Lo comunica l'Istituto Superiore di Sanità con la Circolare CNT-ISS: I trattamenti per la fecondazione assistita, sospesi lo scorso marzo per l'emergenza Covid-19, possono riprendere.

continua »
Prevenire-infertiita

10 consigli del Ministero per proteggere la fertilità

Il 22 settembre si è celebrata la IV Giornata nazionale informazione e formazione sulla fertilità per promuovere l'attenzione e l'informazione sul tema della fertilità umana.

continua »
Vaccinazioni-incinta

Vaccinazioni raccomandate per le donne in età fertile

Le raccomandazioni del Ministero della Salute in tema di vaccinazioni per le donne che desiderano avere un bambino e per le future mamme in dolce attesa.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network