Perché i ricordi sono importanti?

Ricordare non significa memorizzare, fissare nella memoria. La dimensione del ricordo ha sempre a che fare con la parte emotiva di ciascuno di noi. Per questo i ricordi sono importanti e ci aiutano a costruire il nostro presente. Ce ne parla la dottoressa Chiara Corte Rappis


Questo mese vorrei parlare della dimensione del ricordare.
Il ricordo non è la memorizzazione di qualcosa, il tenere a mente un fatto, una persona, un volume, una lezione, un evento.


Come ci viene raccontato nell'ultimo libro Mi sa che fuori è primavera della giornalista e scrittrice Concita De Gregorio: Dimenticare è ricordare.
Il ricordare ha una parte costituita proprio dall'oblio, dalla dimenticanza.
Perché, come ho detto all'inizio, è importante differenziare il ricordo dalla memoria. Il ricordare ha un’implicazione di sentimento e di cuore.


Si ricorda qualcosa: un profumo, un sapore, un gioco, un evento dell’infanzia, una persona del passato che non è più con noi nel presente; ma che subito mette in moto la nostra parte affettiva, della quale abbiamo avuto un’esperienza tangibile, forte e concreta.
L’esperienza del ricordo è una parte molto importante della nostra vita: siano essi ricordi belli o brutti.

Il ricordare ci permette di tornare quando ne sentiamo il bisogno a luoghi realmente vissuti, a persone concretamente amate, a eventi o fatti che ci hanno coinvolto; senza per questo rimanere intrappolati nel passato, è questa la funzione del ricordo, poterci tornare, per superare momenti critici, di passaggio obbligatori nella nostra vita di adolescenti (salto dall’infanzia all’adolescenza), di giovani adulti, di adulti e di anziani.
Non è una dimensione fantastica, né di sogno, ma ha la proprietà di essere distante nel tempo, quindi non ha i contorni di durezza del nostro presente, ma ha una velatura e una sfumatura che solo il ricordo con la sua lontananza temporale può offrirci.

Senza la dimensione del ricordo, noi saremmo nulla; il passato ci restituisce le nostre radici, quello che siamo stati, ci dice da dove veniamo, chi siamo, che percorso stiamo facendo o abbiamo concluso e ci aiuta a non fare gli stessi sbagli, ci protegge da incontri o strade intraprese che ci hanno fatto soffrire.
Ogni donna e ogni uomo non potrebbe vivere senza un passato, che rappresenta la sua storia, e neppure senza un presente che rappresenta il qui e ora.
Solo Passato e Presente insieme possono offrire la possibilità e l’apertura a un Futuro.
Possiamo solo pensare all’esperienza di certe persone, che per i più diversi traumi, non ricordano più nulla di loro, del loro passato: deve essere un’esperienza terribile, perché non hanno più una loro identità e senza sapere chi si è non c’è alcuna speranza verso il futuro.

Anche chi dice voglio cancellare il mio passato, con tutti i suoi ricordi, non potrà farlo. Il ricordo tornerà nel sogno o in qualche sintomo. Il ricordo non può e non deve essere cancellato, va elaborato, interrogato, raccontato, portato alla luce per poterlo in parte restituirlo al buio della dimenticanza, perché anche un brutto ricordo fa parte di noi. L’elaborazione di un ricordo permette l’oblio di quell’evento e apre la possibilità di scrivere la prima pagina di un nuovo capitolo della propria vita.

Poiché, poi, i bambini sono come spugne, e noi adulti di riferimento (genitori, educatori, familiari) siamo tutto il loro mondo almeno fino al decimo anno di età, sarà, soprattutto, il nostro comportamento a segnare i loro ricordi, anche quando pensiamo che sono troppo piccoli perché ciò accada. I ricordi dell' infanzia, quindi, incidono molto sulla qualità della vita adulta.

Per scrivere o contattare la dottoressa Chiara Corte Rappis è possibile scrivere all'indirizzo chiara.corterappisATyahoo.it oppure telefonare al numero 349-7898300. Per maggiori informazioni, è possibile anche consultare il sito www.spazioeterotopico.it

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da camilla il 7 giugno 2017 alle ore 22:09

    stupendo questo articolo! complimenti davvero

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Ginnastica-intima-donne

Ginnastica intima per donne

Per prevenire i dolori mestruali, per una pancia piatta, per la gravidanza o il parto, Ginnastica intima per donne. Riscopri la tua femminilità con il metodo Gymintima® è il libro di Simona Oberhammer pensato per le donne.

continua »
Pasta_madre

Pasta madre: pane in casa, decisamente biologico

Impazza la moda del pane in casa fatto con pasta madre. Sano, sottoposto a un corretto processo di lievitazione che lo rende più leggero e digeribile e sicuramente più economico del pane acquistato in panetteria. Una mini guida per coloro che vogliono percorrere questa strada.

continua »
Unicorno-mania

Unicorno-mania: ecco alcune idee regalo

Il tuo bambino impazzisce per gli unicorni? La tua migliore amica si è riempita la casa di mini-pony come se avesse ancora 10 anni? Ecco alcune idee regalo in grado di soddisfare l'unicorno-mania che impazza ovunque (e a qualunque età).

continua »
Black-Friday

6 consigli per prepararsi al Black Friday

L'attesa sta per finire e Black Friday è dietro l'angolo. Venerdì 24 novembre, tutti con le mani sulla tastiera per gli acquisti più economici e convenienti. Ecco 6 consigli per vivere al meglio questa giornata.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network