Perché la piccola Ferragnez è nata in una sala parto con le luci viola

Avvolta da luce viola e con una lucina rossa in mano. La piccola Vittoria Lucia Ferragni è venuta al mondo secondo i principi della cromoterapia che stanno cambiando l'illuminazione all'interno delle sale parto.

Articoli Correlati

Perché la piccola Ferragnez è nata in una sala parto con le luci viola



La prima foto della piccola Vittoria Lucia Ferragni, nata il 23 marzo presso la Clinica Mangiagalli di Milano, la ritrae già meravigliosa illuminata da una rilassante luce blu tendente al violetto.
La piccola, infatti, che in poche ore è riuscita ad attirare gli sguardi, i commenti e i like, di tutta la nutrita folla di follower dei noti genitori, è nata in una sala parto all'avanguardia che applica i principi della cromoterapia all'illuminazione delle stanze, in modo da regalare alla partoriente, al papà e a tutta l'equipe medica presente, serenità e un senso di tranquillo rilassamento.


Si tratta di luci biodinamiche utilizzate finora soprattutto per migliorare il ritmo sonno-veglia in persone affette da demenza e che, da quanto ci ha fatto scoprire Chiara Ferragni, vengono adottate anche in alcune strutture ospedaliere per favorire una sensazione di benessere a tutti durante il parto.

LE LUCI DELLE SALE PARTO

Sebbene questa della cromoterapia in sala parto sia una realtà ancora sconosciuta ai più, molto si sa, invece, degli effetti benefici della cromoterapia durante le ore del travaglio e del parto.
Alcuni studi, di cui il più recente effettuato dall'Università di San Paolo in Brasile, infatti, dimostrano come l'uso di luci soffuse nelle ultime ore prima del parto, aiuti la futura mamma a rilassarsi e a vivere con più intensità e naturalezza la nascita del bambino.
Non solo. Sembrerebbe anche che la luce determini anche il comportamento del personale medico, più tranquillo e rilassato se l'illuminazione non è quella classica gialla da sala operatoria.
Il viola, poi, è universalmente riconosciuto come un colore calmante, capace di attenuare le emzoioni negative, e di rilassare il sistema nervoso e i muscoli.
Particolarmente, indicato, dunque, nelle fasi del travaglio prima e del parto poi.

Per il momento, non sono molte le strutture ospedaliere che utilizzano la cromoterapia e le luci biodinamiche al loro interno.
La notorietà che, però, ha conferito a questa pratica la neomamma Chiara, forse, farà si che pian piano diventi prassi consolidata, adottata su larga scala dalla maggior parte degli ospedali, per il beneficio di tutte le future partorienti.


 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
Madri_2019

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network