Ribimbo: scambio, compro, vendo

Nato dall’idea di due mamme, Ribimbo.com si pone come obiettivo la valorizzazione del riciclo e del riutilizzo dei beni per ridurre l’impatto dei rifiuti sull’ambiente, tutelando, così, la natura.

Articoli Correlati




 

www.ribimbo.com nasce dall’idea di due mamme con l’intento di promuovere lo scambio e il riutilizzo di beni di consumo destinati all’infanzia in modo tale da divulgare il rispetto e l’amore per l’ambiente e la natura attraverso concetti quali riutilizzo, riciclo, riduzione dei rifiuti.
Gestito dall’Associazione Bimbo e Ribimbo Onlus il sito, completamente gratuito, diventa, quindi, un luogo di incontro per genitori e neogenitori che vogliono entrare a far parte di quella nutrita schiera di famiglie che si presentano come famiglie ecologiche, attente a tutto ciò che concerne il rispetto (per gli altri e l’ambiente) e l’aiuto reciproco.


Non solo, quindi, merce usata da scambiare (e vendere), ma anche pannolini e detersivi ecologici da acquistare, materiale da raccogliere e donare a bambini e famiglie bisognose… (il tutto in fase di progettazione e sviluppo dal momento che Ribimbo è una realtà giovane in crescita e divenire).

 
COME FUNZIONA IL SITO

Per poter accedere alle pagine di compravendita di www.ribimbo.com è necessario registrarsi (in modo completamente gratuito) inserendo la propria mail. Una volta confermata, l’utente ha la possibilità di accedere alle pagine di scambio e vendita oppure inserire un oggetto di cui ci si vuole sbarazzare. Il meccanismo, insomma, è molto semplice.
Tutti gli oggetti presenti sono suddivisi in categorie merceologiche (Abbigliamento Bimbi, Abbigliamento Premamam, Cura del Bambino, Giocattoli, Nanna, Passeggini e seggiolini, Varie). Ciascuna categoria è a sua volta suddivisa in sottocategorie per semplificare ulteriormente la ricerca.
È, inoltre, possibile effettuare ricerche per provincia dal momento che la merce presente proviene da tutta Italia.
I prezzi sono decisamente competitivi e ogni scheda prodotto è corredata con una foto, una breve descrizione, il prezzo e la provenienza dell’inserzionista.

Per quanto riguarda, invece, le inserzioni degli oggetti da vendere, queste sono completamente gratuite, vengono gestite dall’inserzionista stesso e possono essere modificate o eliminate in qualsiasi momento.

Insomma, tutti sappiamo quante cose si accumulino in casa nei primi anni di vita del bambino e che, man mano che questi cresce, diventano sempre più inutili. Perché, dunque, buttarle vie?
Il riciclo rimane senz’altro la soluzione più indicata, economica, veloce e pratica per eliminare quello che non serve più!

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
NumeroBambiniItalia

Italia: un Paese di vecchi

Secondo l'ultimo rapporto ISTAT, diminuiscono ancora il numero di nascite in Italia che è, ormai, ai minimi storici. L'età media è 45 anni.

continua »
Corso-tagersmutter

A Milano corso per diventare Tagersmutter

Viene presentato oggi 30 gennaio il Corso di formazione Professionale Tagersmutter 2018. Alle ore 18.00 presso la sede di Baby 360.

continua »
Saporiforti

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

continua »
laika_zelia_home

Super compatto senza limiti o essenziale in città?

Laika o Zelia? Ecco gli ultimi due passeggini entrati a far parte della famiglia Bébé Confort.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network