Riciclare i pannolini? Ora si pu - Neonato - Bambinopoli






Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.


Quanti pannolini cambia in media un neonato al giorno? Sei, sette?
Ecco. Moltiplicando questo numero per il numero di neonati presenti in Italia, è chiaro come il primo anno di vita del bambino sia all'insegna dell'inquinamento e della produzione di rifiuti difficili da smaltire.


Per anni, la soluzione green al problema sono stati i pannolini in stoffa, ritenuti gli unici in grado di tenere sotto controllo la quantità di rifiuti prodotta (a scapito, però, dello spreco energetico - quante lavatrici fa una mamma che ogni giorno deve cambiare 7 pannolini in stoffa?).
Naturalmente, l'uso del ciripà richiede la presenza di una mamma a tempo pieno o quasi e rappresenta un netovole effort, in termini di tempo impiegato al cambio, tra questo e il lavaggio dei pannolini stessi.

A Treviso hanno trovato la soluzione. Proprio qui, infatti, è stato inaugurato il primo impianto al mondo per riciclare pannolini. A Lovadina di Spresiano (Treviso), infatti, nel primo impianto su scala industriale al mondo in grado di riciclare il 100% dei prodotti assorbenti usati (pannolini per bambini, per l'incontinenza e assorbenti igienici), i pannolini vengono trasformati in materie prime ad alto valore aggiunto come plastica, cellulosa e polimero super assorbente.
L'impianto, unico in Europa e nel mondo, ha come obiettivo quello di trattare, a regime, 10.000 tonnellate l'anno di prodotti assorbenti usati, così servendo una popolazione di circa 1 milione di persone. Sarà ubicato presso la sede di Contarina Spa, società che si occupa di gestione e di raccolta dei rifiuti in 50 comuni del bacino Priula.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Margherita il 10 gennaio 2018 alle ore 16:42

    Finalmente!ottima notizia!non dimentichiamoci però che già da qualche anno esistono i pannolini compostabili. Perciò quelli in stoffa non sono l'unica alternativa per rispettare l'ambiente :)

  • Commento inserito da Ilaria il 23 novembre 2017 alle ore 10:10

    Bravi, ottima idea! Ogni volta che cambio un pannolino, penso all'ambiente e mi viene da piangere.... ma lavorando full time non ho tempo per i pannolini di stoffa...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Rituale-nanna-perfetto

Il perfetto rituale della nanna

Per instaurare un buon rituale della nanna sin dai primissimi giorni sono sufficienti tre mosse. Che aiutano il piccolo ad associare i vostri gesti al momento di spegnere la luce e chiudere gli occhi.

continua »
home_bimbogenome

Vuoi conoscere il DNA del tuo bambino? Adesso puoi

Tra qualche anno potrebbe divenire una procedura di routine: analizzare e decifrare, alla nascita, tutto il genoma di ogni neonato, ricavando informazioni utilissime subito e preziose anche in futuro, per tutta la vita.

continua »
Mare-neonato-consigli

Neonati al mare: 7 consigli per non avere problemi

Per le neomamme che ne hanno la possibilità, nulla di più consigliato, ora che l'estate è finalmente arrivata, di portare al mare al mare il bebè. Ecco, alcuni consigli per vivere la spiaggia serenamente. 

continua »
anagrafe-regole-nome-blu

Chiamano la figlia Blu. Il giudice autorizza

Sebbene esista una norma di legge che prevede una corrispondenza tra il nome e il genere sessuale, un giudice autorizza una coppia a chiamare la propria figlia Blu. 

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network