Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.

Riciclare i pannolini? Ora si può


Quanti pannolini cambia in media un neonato al giorno? Sei, sette?
Ecco. Moltiplicando questo numero per il numero di neonati presenti in Italia, è chiaro come il primo anno di vita del bambino sia all'insegna dell'inquinamento e della produzione di rifiuti difficili da smaltire.


Per anni, la soluzione green al problema sono stati i pannolini in stoffa, ritenuti gli unici in grado di tenere sotto controllo la quantità di rifiuti prodotta (a scapito, però, dello spreco energetico - quante lavatrici fa una mamma che ogni giorno deve cambiare 7 pannolini in stoffa?).
Naturalmente, l'uso del ciripà richiede la presenza di una mamma a tempo pieno o quasi e rappresenta un netovole effort, in termini di tempo impiegato al cambio, tra questo e il lavaggio dei pannolini stessi.

A Treviso hanno trovato la soluzione. Proprio qui, infatti, è stato inaugurato il primo impianto al mondo per riciclare pannolini. A Lovadina di Spresiano (Treviso), infatti, nel primo impianto su scala industriale al mondo in grado di riciclare il 100% dei prodotti assorbenti usati (pannolini per bambini, per l'incontinenza e assorbenti igienici), i pannolini vengono trasformati in materie prime ad alto valore aggiunto come plastica, cellulosa e polimero super assorbente.
L'impianto, unico in Europa e nel mondo, ha come obiettivo quello di trattare, a regime, 10.000 tonnellate l'anno di prodotti assorbenti usati, così servendo una popolazione di circa 1 milione di persone. Sarà ubicato presso la sede di Contarina Spa, società che si occupa di gestione e di raccolta dei rifiuti in 50 comuni del bacino Priula.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Francesca il 19 gennaio 2019 alle ore 13:59

    Come posso fare a riciclare i pannoloni se nel mio comune non è attivo il sistema?

  • Commento inserito da Margherita il 10 gennaio 2018 alle ore 16:42

    Finalmente!ottima notizia!non dimentichiamoci però che già da qualche anno esistono i pannolini compostabili. Perciò quelli in stoffa non sono l'unica alternativa per rispettare l'ambiente :)

  • Commento inserito da Ilaria il 23 novembre 2017 alle ore 10:10

    Bravi, ottima idea! Ogni volta che cambio un pannolino, penso all'ambiente e mi viene da piangere.... ma lavorando full time non ho tempo per i pannolini di stoffa...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primo-mese-di-vita

Il primo mese di vita del neonato

Cosa succede nel primo mese di vita del neonato? Quali sono le prime difficoltà che mamma e papà devono affrontare nei primi giorni a casa con il bambino? 

continua »
SIN_SEPSI

Sepsi neonatale

Per la Societa'  Italiana di Neonatologia (SIN) e' necessario tenere alta l'attenzione su questa problematica che e'¨ tra le principali cause di morte neonatale

continua »
Estate_home

Come vincere il caldo

Temperature elevate per più giorni consecutivi e alti valori di umidità mettono a dura prova la salute, soprattutto dei più deboli. I consigli del Ministero della Salute per difendersi dal caldo.

continua »
Percentili-cosa-sono

A cosa serve il calcolo dei percentili

I percentili altro non sono che l'unità di misura inserita all'interno della curva di crescita che permette di stabilire se il neonato (e il bambino) cresce in modo regolare per la sua età. Ecco come si calcolano. 

continua »
Cerca altre strutture