Riciclare i pannolini? Ora si può

Inaugurato a Treviso il primo impianto per il riciclo dei pannolini. Da una tonnellata di pannolini si ricaveranno 150 kg di cellulosa, 75 kg di plastica e 75 kg di polimero super assorbente.


Quanti pannolini cambia in media un neonato al giorno? Sei, sette?
Ecco. Moltiplicando questo numero per il numero di neonati presenti in Italia, è chiaro come il primo anno di vita del bambino sia all'insegna dell'inquinamento e della produzione di rifiuti difficili da smaltire.


Per anni, la soluzione green al problema sono stati i pannolini in stoffa, ritenuti gli unici in grado di tenere sotto controllo la quantità di rifiuti prodotta (a scapito, però, dello spreco energetico - quante lavatrici fa una mamma che ogni giorno deve cambiare 7 pannolini in stoffa?).
Naturalmente, l'uso del ciripà richiede la presenza di una mamma a tempo pieno o quasi e rappresenta un netovole effort, in termini di tempo impiegato al cambio, tra questo e il lavaggio dei pannolini stessi.

A Treviso hanno trovato la soluzione. Proprio qui, infatti, è stato inaugurato il primo impianto al mondo per riciclare pannolini. A Lovadina di Spresiano (Treviso), infatti, nel primo impianto su scala industriale al mondo in grado di riciclare il 100% dei prodotti assorbenti usati (pannolini per bambini, per l'incontinenza e assorbenti igienici), i pannolini vengono trasformati in materie prime ad alto valore aggiunto come plastica, cellulosa e polimero super assorbente.
L'impianto, unico in Europa e nel mondo, ha come obiettivo quello di trattare, a regime, 10.000 tonnellate l'anno di prodotti assorbenti usati, così servendo una popolazione di circa 1 milione di persone. Sarà ubicato presso la sede di Contarina Spa, società che si occupa di gestione e di raccolta dei rifiuti in 50 comuni del bacino Priula.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Margherita il 10 gennaio 2018 alle ore 16:42

    Finalmente!ottima notizia!non dimentichiamoci però che già da qualche anno esistono i pannolini compostabili. Perciò quelli in stoffa non sono l'unica alternativa per rispettare l'ambiente :)

  • Commento inserito da Ilaria il 23 novembre 2017 alle ore 10:10

    Bravi, ottima idea! Ogni volta che cambio un pannolino, penso all'ambiente e mi viene da piangere.... ma lavorando full time non ho tempo per i pannolini di stoffa...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Anno-Cane

I bambini del segno del cane

Con la fine dei festeggiamenti per il Capodanno Cinese il 16 febbraio si è ufficialmente entrati nell'anno del Cane. Come saranno i bimbi del 2018 nati sotto questo segno?

continua »
NumeroBambiniItalia

Italia: un Paese di vecchi

Secondo l'ultimo rapporto ISTAT, diminuiscono ancora il numero di nascite in Italia che è, ormai, ai minimi storici. L'età media è 45 anni.

continua »
Corso-tagersmutter

A Milano corso per diventare Tagersmutter

Viene presentato oggi 30 gennaio il Corso di formazione Professionale Tagersmutter 2018. Alle ore 18.00 presso la sede di Baby 360.

continua »
Saporiforti

Sapori forti durante l'allattamento? Perché no?

Esposizione precoce agli antigeni durante l'allattamento o approccio restrittivo? Il dibattito è aperto, ma l'OMS favorisce l'introduzione di cibi forti nell'alimentazione della mamma.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network