Vuoi conoscere il DNA del tuo bambino? Adesso puoi - Neonato - Bambinopoli





Vuoi conoscere il DNA del tuo bambino? Adesso puoi

Tra qualche anno potrebbe divenire una procedura di routine: analizzare e decifrare, alla nascita, tutto il genoma di ogni neonato, ricavando informazioni utilissime subito e preziose anche in futuro, per tutta la vita.

Articoli Correlati




Non è fantascienza: le moderne metodiche della genomica e dell’analisi bioinformatica consentono già oggi di “sequenziare” - questo è il termine tecnico - l’intero genoma di ogni individuo e di ottenere un file digitale contenente tutta la sequenza del DNA, da cui ricavare informazioni utilissime per la salute, la crescita e il benessere.
Diversi studi, negli Stati Uniti, in Asia e più recentemente anche in Europa, hanno iniziato a indagare la possibilità e i benefici, di un simile approccio.
Sequenziare l’intero genoma alla nascita, con la possibilità, quindi, di diagnosticare precocemente una miriade di patologie e condizioni di rischio e di consegnare a ogni neonato la copia virtuale del suo genoma, fornendo in tal modo a lui, e soprattutto al suo pediatra e ai genitori, il “libretto di istruzioni” per ottimizzare scelte terapeutiche, alimentari, di vita. In pratica, sfruttare al meglio tutto il potenziale dei geni.


PERCHÈ SEQUENZIARE IL DNA È COSÌ IMPORTANTE?

Perché questo approccio può essere cosi importante? E che cosa sono DNA, geni, cromosomi e genoma?
Il DNA è una molecola che codifica e trasmettere i messaggi che determinano la realizzazione di importanti funzioni quali la produzione delle proteine o il funzionamento delle cellule.
Tratti di DNA di diversa lunghezza costituiscono i geni, le unità fondamentali dell’informazione genetica. In ognuna delle nostre cellule ci sono tutti i nostri geni, circa 30.000, in forma di cromosomi.
Ogni cromosoma è costituito da DNA spiralizzato e contiene un certo numero di geni. Nella specie umana, ogni cellula contiene 23 coppie di cromosomi; di ogni coppia, un cromosoma è ereditato dal padre e l’altro dalla madre. L’insieme di tutto il DNA contenuto in una cellula costituisce il genoma.


 

Il genoma è, quindi, l’insieme dei 30.000 geni umani, che costituiscono l’1/2% del totale, e delle sequenze cosiddette “non codificanti”, che costituiscono il 98%.
Ogni gene ha una sua lunghezza e una sua funzione, ci sono, cioè, geni che codificano l’informazione per il colore degli occhi, della pelle, o per la produzione di sostanze importanti come l’insulina.
Ogni parte o funzione del nostro corpo è codificata in uno o più geni. Per questo, mediante lo studio dei geni e del genoma, attraverso idonei test genetici o genomici, è possibile non solo individuare alcune patologie, ma anche comprendere alcune caratteristiche proprie di ogni singolo individuo.

Perché di fatto, siamo tutti uguali e tutti diversi! Pur rimanendo   all’interno del concetto di “normalità” e, quindi, di non   malattia, ogni essere umano è diverso dagli altri. A parte i gemelli omozigoti, che hanno di fatto lo stesso DNA e quindi gli stessi geni, non ci sono due esseri umani uguali. Questa “diversità nella normalità” è codificata dai geni. Ciascuno di noi ha geni leggermente diversi rispetto a tutti gli altri, e questa diversità costituisce l’unicità di ognuno di noi.  Questo non vale solo per l’aspetto esteriore, ma anche per tanto altro: per il   metabolismo e l’alimentazione, per la risposta ai farmaci, per la predisposizione   a svolgere attività sportiva, per la struttura della pelle e la tendenza ad   invecchiare, per l’apprendimento, e per molto, molto altro.
Studiando in maniera adeguata i geni, mediante appositi test, è quindi  possibile scoprire come ciascuno di noi “funziona” da determinati punti di vista, e cosa quindi è meglio o peggio.
A differenza dei test genetici, che studiano solo uno, due o alcuni dei 30.000 geni umani, il sequenziamento dell’intero genoma studia, in un unico esame, tutti 30.000 geni e tutta la parte non codificante del genoma, creando un potenziale incredibile!

Anche in Italia, recentemente, la società Nila Medica, in partnership con leader mondiali del sequenziamento e dell’analisi bioinformatica, ha lanciato il progetto bimbogenome: sequenziare l'intero genoma di 10.000 bambini di età compresa tra pochi giorni e i 16 anni, e seguirli nel tempo, al fine di contribuire a diffondere quanto più rapidamente e capillarmente possibile la possibilità di accedere a uno strumento tanto potente quale il sequenziamento e l'analisi dell'intero genoma e contribuire allo sviluppo della genomica.

Per informazioni:www.bimbogenome.com  - Via Corfù 54, 25124 Brescia - Info@nilamedica.com - Tel. 030 2423952

 

 

Questo articolo è sponsorizzato

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neonato-inverno

Il primo inverno del neonato

Le neomamme e i neopapà, oltre ai soliti dubbi che assalgono tutti i genitori alle prime armi, devono affrontare un'altra questione: come affrontare l'inverno con un bambino di poche settimane?

continua »
Fasciatoi-pubblici

Quanti pericoli nei fasciatoi pubblici?

Fasciatoi pubblici. Ad avercene! Spesso bar e ristoranti non ne sono attrezzati e nei negozi, trovarne uno, è un'utopia. Per lo meno in Italia. Laddove, però, ci sono, è comunque necessario rispettare alcune norme igieniche (e non solo) prima di utilizzarli.

continua »
Ingorgo-mammario

Ingorgo mammario: cosa c'è da sapere

L'ingorgo mammario è un problema che può intervenire durante l'allattamento al seno pregiudicandone, talvolta, il buon andamento. Ecco cosa fare e come comportarsi.

continua »
Passaggio-biberon-tazza

Dalla tazza al biberon in 5 mosse

Considerata una conquista minore rispetto ad altre più importanti (svezzamento, passaggio dal pannolino al vasino...), il passaggio dal biberon alla tazza rappresenta, comunque, un momento di crescita per il bambino.

continua »
Cerca altre strutture







Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network