You Tube for kids: video in streaming solo per bambini

Disponibile dal 23 febbraio, YouTube Kids è l'applicazione che consente di scaricare in streaming video e contenuti adatti solo ai bambini. Per smartphone e tablet.

Articoli Correlati

You Tube for kids: video in streaming solo per bambini


Rilasciata il 23 febbraio, disponibile per il momento solo per Android, la nuova app di You Tube è destinata esclusivamente ai più piccoli (e ai loro genitori), con contenuti adatti al pubblico degli under 12, un timer programmabile per evitare che i bimbi spendano troppo tempo su tablet e smartphone e un design decisamente a prova di bambino con le icone molto grosse e facilmente riconoscibili.
Realizzato da esperti del settore e della realizzazione di sistemi di parental control (tutti informatici, programmatori, sviluppatori… di Google), YouTube Kids nasce con l’idea di aiutare i genitori nella gestione e nella selezione dei filmati e dei video da far vedere ai loro piccoli.
I contenuti sono stati suddivisi per area tematica: Spettacoli, Musica, Esplorare, Imparare. Organizzati in 4 sezioni principali: show televisivi, stazioni radio, contenuti educativi e una sezione destinata alla ricerca tra i filmati disponibili.


È scomparsa la sezione commenti che poteva mettere in comunicazione facilmente i bambini con estranei. C’è la possibilità di selezionare una lista di contenuti già precedentemente approvata.

È evidente che un simile prodotto risponde a una precisa esigenza di mercato: i canali di intrattenimento per famiglie, infatti, è cresciuto negli ultimi anni del 200% rispetto al 50% del resto del sito a dimostrazione del fatto che l’utilizzo di You Tube da parte degli under 13 è aumentato grazie anche al benestare dei genitori che spesso lo utilizzano come sistema di intrattenimento alternativo alla televisione.
È indubbio, poi, che le nuove generazioni, nate con tablet e smartohone in mano siano assolutamente a proprio agio con queste tecnologie e non si pongano troppi problemi nell’uso dei vari strumenti messi a disposizione di tali dispositivi.
Altrettanto vero, però, che molti di questi strumenti, se usati nel modo sbagliato, possono rappresentare un pericolo per i più piccini. E non solo per il rischio di contatti con persone male intenzionate. Ma anche e soprattutto per la facilità con la quale informazioni, video, contenuti non adatti possono finire davanti a loro occhi, a portata di clic.
Ecco dunque che se vietare non ha senso, guidare, controllare, proteggere è assolutamente doveroso.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Redazione il 26 febbraio 2015 alle ore 14:48

    Ha ragione. L'applicazione al momento è disponibile (anche pe IOs) solo per il mercato americano.

  • Commento inserito da Likaus il 26 febbraio 2015 alle ore 09:22

    Avete dimenticato di aggiungere che per ora non è disponibile in Italia...

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Angolo-lettura-bambino

Come organizzare l'angolo lettura del bambino

Nella stanza del bambino, attrezzato con libreria, cuscinone e tappeto, ecco come organizzare l'angolo lettura per il bambino.

continua »
Michelle-Obama-Netflix

Michelle Obama su Netflix per i bambini

Michelle Obama approda su Netflix per svelare ai bambini, con l'aiuto di due simpatici amici, i misteri della cucina. Disponibile dal 16 marzo. 

continua »
Obesita-lockdown

Covid e obesità: in aumento i casi tra i bambini

Lockdown prolungati, mancanza di attività fisica, isolamento... Il Covid continua a fare danni tra i più giovani che, se è vero che vengono risparmiati dalla malattia, rimangono le principali 'vittime' dei danni collaterali che questa si lascia dietro. L'obesità è uno dei tanti.

continua »
Pedagogia-del-rischio

Pedagogia del rischio

Contro genitori sempre più iperprotettivi e preoccupati delle conseguenze che le azioni dei bambini potrebbero avere sulla loro salute si oppone la pedagogia del rischio, secondo cui i bimbi hanno diritto di correre alcuni pericoli.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network