Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?

Il Ministero della Salute ha reso noti i dati sulle caratteristiche delle mamme che hanno partorito nel 2019 e dei loro bimbi. Qual è il loro identikit?

Come sono le mamme che hanno partorito nel 2019?



Resi i noti i risultati del Rapporto annuale sull’evento nascita in Italia, a cura dell’Ufficio di Statistica del Ministero della Salute, condotto attraverso il coinvolgimento di 386 punti nascita (un numero decisamente elevato e consistente) presenti su tutto il territorio nazionale.
Chi sono le mamme di oggi? Qual è il loro identikit? Quale è stata la tendenza in merito a gravidanza, parto, primi mesi con il neonato?



IDENTIKIT DELLA MAMMA

  • Scelta della struttura sanitaria
    L’88,8% dei parti è avvenuto negli Istituti di cura pubblici ed equiparati, l’11,0% nelle case di cura e solo lo 0,1% altrove (altra struttura di assistenza, casa...).
     
  • Paese di origine della mamme del 2019
    Nel 2019, circa il 21% dei parti è relativo a madri di cittadinanza non italiana. In particolare mamme provenienti dall'Africa (27,6%) e dell’Unione Europea (22,1%). Le madri di origine Asiatica e Sud Americana costituiscono rispettivamente il 20,2% ed il 7,8% delle madri straniere.
     
  • Età media
    L’età media della madre è di 33 anni per le italiane mentre scende a 30,7 anni per le cittadine straniere
    . L’età media al primo figlio è per le donne italiane, quasi in tutte le Regioni, superiore a 31 anni, con variazioni sensibili tra le regioni del Nord e quelle del Sud. Le donne straniere partoriscono il primo figlio in media a 28,7 anni.
     
  • Livello di istruzione e professione
    Delle donne che hanno partorito nell’anno 2019 il 42,9% ha una scolarità medio alta, il 25,9% medio bassa ed il 31,2% ha conseguito la laurea. Fra le straniere prevale invece una scolarità medio bassa (43,8%).
    L’analisi della condizione professionale evidenzia che il 55,0% delle madri ha un’occupazione lavorativa, il 28,6% sono casalinghe e il 14,2% sono disoccupate o in cerca di prima occupazione. La condizione professionale delle straniere che hanno partorito nel 2019 è per il 52,7% quella di casalinga a fronte del 62,3% delle donne italiane che hanno invece un’occupazione lavorativa.

FECONDAZIONE ASSISTITA

Il ricorso a una tecnica di procreazione medicalmente assistita (PMA) risulta effettuato in media 3,06 gravidanze ogni 100. La tecnica più utilizzata è stata la fecondazione in vitro con successivo trasferimento di embrioni nell’utero (FIVET), seguita dal metodo di fecondazione in vitro tramite iniezione di spermatozoo in citoplasma (ICSI).
GRAVIDANZA E PARTO

  • Visite ostetriche ed esami diagnostici
    Nell’89,4% delle gravidanze il numero di visite ostetriche effettuate è superiore a 4 mentre nel 71,0% delle gravidanze si effettuano più di 3 ecografie. 
    Nell’ambito delle tecniche diagnostiche prenatali invasive sono state effettuate in media 3,9 amniocentesi ogni 100 parti. A livello nazionale alle madri con più di 40 anni il prelievo del liquido amniotico è stato effettuato nel 12,02% dei casi denotando un trend decrescente nell’ultimo triennio.
  • Parto
    I padri che hanno assistito al parto della compagna/moglie sono il 92,9% dei casi, il 5,7% è un familiare e l’1,3% un’altra persona di fiducia.
    Nel 2019 il 31,8% dei parti è avvenuto con taglio cesareo, con notevoli differenze regionali. Una tendenza comunque in calo e in linea con quanto stabilito tramite linee guida sulla medicalizzazione dei parti.

IDENTIKIT DEL BAMBINO

Lo 0,9% dei nati nel 2019 ha un peso inferiore a 1.500 grammi, il 6,2% ha un peso compreso tra 1500 e 2499 grammi, l’87,6% ha un peso tra 2500 e 3999 e il 5,2% supera i 4000 grammi di peso alla nascita.
Nei test di valutazione della vitalità del neonato tramite indice di Apgar, il 98,6% dei nati ha riportato un punteggio a 5 minuti dalla nascita compreso tra 7 e 10.
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Citomegalovirus2021

Virus in gravidanza: il citomegalovirus

Più diffuso di quanto si pensi, il CMV o citomegalovirus è un virus della famiglia degli herpes che se contratto in gravidanza può avere serie conseguenze sul nascituro.

continua »
Estate-Pancione2021

Estate col pancione in 10 domande

10 domande e altrettante risposte per affrontare al meglio i prossimi mesi estivi con il pancione. Dall’esposizione al sole ai bagni in mare, dal caldo ai viaggi.

continua »
Ipotesi-gravidanza

Dimmi che sei incinta senza dirmi che sei incinta

Quali sono i segnali che lasciano intuire che una donna è incinta sebbene ancora la pancia non si veda e i segni della gravidanza non siano ancora comparsi?

continua »
FONTE_ESSENZIALE

In gravidanza, un'acqua preziosa alleata di fegato e intestino

Depura il fegato e stimola l'intestino. Così Acqua Essenziale, povera di sodio e ricca di solfati e magnesio, in gravidanza diventa una preziosa alleata per la salute della futura mamma.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network