Indice di Apgar: l'esame del neonato

Alla nascita, immediatamente dopo il parto, il neonato viene sottoposto a una sorta di test che, seguendo dei parametri standard, serve a valutare le sue condizioni di salute nei secondi che seguono la nascita. E' l'indice di Apgar. Il primo esame del bebè.

Articoli Correlati

Indice di Apgar: l'esame del neonato


Nei secondi che seguono al parto, mentre la neomamma è ancora sotto i 'ferri' e, probabilmente, non ha ancora partorito la placenta, il neonato viene sottoposto a una serie di controlli che servono per valutarne lo stato di salute e la sua capacità di adattamento alla vita extrauterina.
Si tratta del'indice di Apgar che porta il nome dell'anestesista che lo ideò agli inizi degli Anni Cinquanta e che tuttora viene utilizzato negli ospedali di quasi tutto il mondo.
Si basa, sostanzialmente, sull'osservazione di cinque parametri ai quali viene assegnato un punteggio da 0 a 2 per un valore massimo di 10 e che viene ripetuto tre volte: dopo un minuto, dopo cinque e dopo dieci minuti dalla nascita (se occorre, il test viene ripetuto a oltranza fino a normalizzazione).



INDICE DI APGAR: I PARAMETRI PRESI IN ESAME<

  • Frequenza cardiaca: assente (0 punti), <100 bpm (1 punto), >100 bpm (2 punti).
  • Respirazione: assente (0 punti), debole o irregolare (1 punto), vigorosa con pianto (2 punti).
  • Tono muscolare: assente (0 punti), flessione accennata (1 punto), movimenti attivi (2 punti).
  • Riflessi (risposta al catetere nasofaringeo): assente (0 punti), scarsa (1 punto), starnuto, pianto vivace, tosse (2 punti).
  • Colore della pelle: cianotico e pallido (0 punti), estremità cianotiche (1 punto), normale (2 punti).


Un neonato con un punteggio inferiore a 4 è considerato gravemente depresso e bisognoso di cure, da 4 a 6 moderatamente a rischio, tra 7 e 10 normale.

COME PUO' CAPIRE LA MAMMA CHE IL SUO BAMBINO E' SANO?
Per quanto confusa, dolorante e immensamente felice, la neomamma (e il neopapà se presente in sala parta) può rendersi conto anche da sola dello stato di salute del suo bambino da alcuni semplici segnali: se il bimbo piange subito dopo la nascita, è probabile che stia bene. Sicuramente non ha grossi problemi respiratori. Attenzione, però, che a volte il pianto tarda qualche istante ad arrivare e questo non significa che il bebè abbia problemi.
Se gli si porge il dito, il piccolo tende ad afferrarlo con le manine. Se la mamma gli parla e la luce della sala parto non lo infastidisce, il bambino apre gli occhi e rivolge lo sguardo alla madre, attratto dal suo volto.
Appoggiato sul seno, lentamente ma con determinazione, il neonato cerca il capezzolo e quando lo trova vi si aggrappa in cerca di latte, con un istinto assolutamente naturale.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Elimination-Communication

Elimination Communication

Sembra incredibile, ma si può. Abituare il bambino sin dalla nascita non utilizzare il pannolino è possibile attraverso il metodo dell'Elimination Communication. Lo confermano anche i pediatri.

continua »
Abbandono-passeggino

Guida all'abbandono del passeggino

Dopo i 24 mesi è consigliato iniziare abituare il bambino a camminare da solo abbandonando gradualmente l'uso del passeggino. Alcuni consigli.

continua »
Nanna-Doudou-Neonato

Un doudou per il neonato

È il primo pupazzetto che, normalmente, si regala al neonato. Senza bottoni o parti removibili, è formato da una copertina con una testa al centro. E va posizionato nella culla del piccolo dopo che ha “raccolto” l’odore della mamma.

continua »
igiene-neonato-cordone-ombelicale

Primi giorni con il neonato: come disinfettare il cordone ombelicale

Nei primi giorni, tra le varie cure da prestare al neonato, c'è quella del cordone ombelicale, che dovrebbe staccarsi nell'arco di 15-20 giorni in modo naturale, ma che va disinfettato per evitare problemi.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network