Commenti all'articolo

Baby Blues

Leggi articolo

  • Commento inserito da Eleonora il 24 novembre 2011 alle ore 22:09

    Sto ancora vivendo questo momento buio. Il mio bimbo ha 25 gg e da quando è nato, complice anche un parto traumatico, non faccio altro che piangere, soprattutto quando sono sola perche il mio compagno non ne capisce il motivo. Mi sento profondamente triste, intimamente inadeguata a prendermi cura del mio piccolino. In più, ogni volta che si attacca al seno mi pervade una tristezza cosmica che mi impedisce anche di respirare. Mi rammarica l' incapacità di superare questa tristezza quando ho desiderato questo figlio con ogni cellula del mio essere. Spero che, come ho letto ovunque, tutto questo si risolva nel giro di poco tempo xchè fin'ora non ho vissuto nulla della poesia di essere madre.

  • Commento inserito da Eva il 13 novembre 2011 alle ore 20:29

    anche io ho sofferto di questo malessere, per fortuna ne sono uscita, e tutto si è risolto :)
    http://boscodelre.blogspot.com/

  • Commento inserito da elena il 27 aprile 2011 alle ore 16:26

    Andando contro il mio carattere ho chiesto aiuto, ne ho parlato con mamma, marito, parenti e amici, ho avuto aiuto e sostegno da tutti. La cosa più importante è stato capire che se qualcosa non va NON E' COLPA DELLA MAMMA NE' TANTOMENO DEL BAMBINO! gli orari sballati, i pianti indecifrabili, pannolini ecc. sono una novità per noi come per lui, ci scombussolano, danno frustrazione, ci stancano e scoraggiano, ma qs succede a noi come ai nostri piccolini. Non è colpa di quello che mangiamo o di quello che facciamo o non facciamo se lui piange, non è colpa sua se non dormiamo abbastanza o non abbiamo tempo per fare una doccia o una lavatrice, è un mondo nuovo con nuove regole da scoprire e scrivere insieme.

  • Commento inserito da daniela il 23 febbraio 2011 alle ore 20:45

    ho una bimba di un mese...stupenda.io ho fatto il parto cesario,e dopo due giorni dalla nascita di mia figlia ho avuto una crisi di pianto che è durata x un'ora circa,nn avevo voglia di vedere nessuno in ospedale odiavo le visite dei parenti,volevo stare da sola qualsiasi cosa che vedevo mi dava fastidio.questo è durato anche dopo uscita dall'ospedale il continuo via vai di gente a casa mi innervosiva.a volte la gente non riesce a capire lo stato della mamma dopo un parto e x la gioia di vedere la bimba nn si rendono conto che a volte possono essere troppo invadenti.adesso posso dire che sto meglio la crisi sembra passata.amo mia figlia e sono contenta di essere mamma.

  • Commento inserito da Sara il 19 ottobre 2010 alle ore 13:45

    Sto vivendo in pieno la "crisi post parto - ilmio bimbo ha 5 settimane, é bellissimo e pian piano si sta calmando...ma la stanchezza che ho forse pesa di piu' del calo ormonale, anche perche' credo che dopo 5 settimane gli ormoni si siano stabilizzati, o sbaglio? piango di meno dei primi giorni ma ogni tanto ho dei momenti di "sconforto" e scoppio...oggi per esempio mio marito mi diceva "pensa che in un attimo ce lo ritroveremo che avra' 1 anno" e sono scoppiata a piangere a questo pensiero "dove saro' io fra 1 anno? in cuor mio spererei qui con lui, ma se invece saro' al lavoro per 8 ore? o per mezza giornata? ce l'avro' fatta e come a staccarmi da lui?"

  • Commento inserito da Miranda il 13 giugno 2010 alle ore 16:41

    Io l'ho passato. Come quelle cose che credi sempre di saperle controllare, ma poi quando ce l'hai sprofondi ancora più in giù. A me è durata più di qualche giorno, credo un paio di mesi. Piangevo spesso, mi sentivo inadeguata, lo facevo piangere quando non ne potevo più, sensi di colpa a non finire. Non mi facevo aiutare da nessuno e poi ho capito che sbaglio grande ho commesso. Dopo qualche settimana ho cominciato a parlarne con qualcuno e poi piano piano la nebbia si è dissolta. Parlatene e fatevi aiutare, non restate da sole.

  • Commento inserito da Erica Volpi il 16 novembre 2009 alle ore 10:33

    Condivido appieno ciò che è riportato nell'articolo e ribadisco l'importanza di parlare di questi stati d'animo che spesso le donne vivono in solitudine e con un senso di colpa e inadeguatezza che va a peggiorare la situazione. Sono una mamma e una psicologa e mi occupo di queste problematiche a Milano. Bisogna fare di più per diffondere una cultura della gravidanza e del post parto che non chieda alla mamma di essere efficiente e perfetta ma che le lasci il tempo di adattarsi alla nuova situazione, sostenuta dalla rete dei familiari più stretti (partner, genitori e amici) che spesso sono latitanti e sottovalutano il disagio che può provare una neo mamma se non supportata adeguatamente. ERica Volpi






Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network