Bacche di gojy e altri super alimenti

Sono alimenti dalle proprietà nutrizionali uniche. Che, se consumati regolarmente, aiutano l'organismo a ritrovare salute e benessere. Dalla papaya alle bacche di Gojy ecco quali alimenti vengono considerati 'super'.

di Alice Demare

Antiossidanti, antiaging, nutrienti, energetici. In grado di garantire il benessere del corpo aiutando a ritrovare uno stato di salute ottimale.
Sono queste alcune delle caratteristiche di quelli che vengono definiti super alimenti, frutti, bacche, semi, oli…, che sembrerebbero racchiudere in sé il segreto di una vita lunga, sana e all'insegna del benessere.



PapayaPAPAYA
Dove si trova:

è una pianta della famiglia delle caricacee che cresce, soprattutto, nei paesi tropicali (Sud America, Asia, Africa) a temperature che non devono scendere mai sotto gli 0 gradi.
Caratteristiche nutrizionali:
è ricca di flavonoidi dalle note proprietà antiossidanti, carotene, provitamina A, vitamina C, magnesio, potassio, ferro.
A cosa serve: svolge un'azione antiossidante contrastando la comparsa di radicali liberi, protegge dalle infezioni batteriche, previene le disfunzioni renali, aiuta l'intestino a liberarsi dei germi, contrasta eventuali problemi digestivi o dell'apparato gastrico in genere, purifica l'organismo, migliora la digestione.
Come si consuma:
Si consuma sotto forma di frutta fresca, succhi, frutta secca e in Thailandia il frutto acerbo, tagliato a julienne, serve come base per il Som Tam, ovvero la papaya salad.

Bacche di GojyBACCHE DI GOJY
Dove si trovano:
Il Lycium barbarum è una pianta arbustacea, della famiglia delle Solanaceae (la stessa famiglia del pomodoro), che può innalzarsi anche fino a 3 metri di altezza. I suoi frutti sono costituiti da bacche carnose di colore rosso. Cresce allo stato selvatico nelle zone verdi del Tibet e, soprattutto, della Mongolia.
Caratteristiche nutrizionali:
tra i principi nutrizionali spicca, in particolare, la presenza di betacarotene, ferro, 21 tracce di minerali tra cui il germanio, 18 aminoacidi, vitamina E, vitamina C in quantità 500 volte superiore a quella contenuta nelle arance, vitamine del gruppo B (B1, B2 e B6), polisaccaridi, potassio, magnesio e zinco.
A cosa servono: consumate quotidianamente, rafforzano il sistema immunitario aumentando l'attività delle cellule preposte al suo funzionamento; svolgono un ruolo antinfiammatorio (ottime contro la gastrite e in alcune malattie dermatologiche quali, per esempio, psoriasi, alopecia, herpes, eczema…); hanno un'azione stimolante e rinvigorente; mantengono elevato il livello del testosterone; contrastano l'accumulo di grasso corporeo.
Come si consumano:
da sole (due cucchiaini da tè al giorno), nello yogurt o nel latte oppure sotto forma di succo.

Semi di linoSEMI E OLIO DI LINO
Dove si trovano:
sono i semi dei frutti della pianta del lino.
Caratteristiche nutrizionali:
sono la fonte vegetale più ricca di omega 3. Contengono mucillagini, sali minerali, proteine e lipidi ricchi di trigliceridi.
A cosa servono: regolarizzano le funzioni intestinali e sono ricchi di omega 3, i grassi buoni che combattono il colesterolo e aiutano a contrastare problemi cardiovascolari. Lasciati in ammollo in acqua per una notte e bevuti (si può bere anche il liquido ottenuto senza i semi), combattono stipsi e stitichezza. Sono ottimi ricostituenti per i capelli (l'olio di semi di lino, infatti, viene utilizzato anche come prodotto cosmetico per rendere più lucidi e setosi i capelli)
Come si consumano:
rigorosamente triturati aggiunti a insalate, yogurt, latte, frullati… E' fondamentale che il seme venga spezzettato perché così com'è, con l'involucro, l'organismo non riesce a spezzettarlo e, di conseguenza, a usarne i principi nutrizionali.
L'olio può essere utilizzato in sostituzione dell'olio extra vergine di oliva per condire insalate, pomodori, paste fredde… Una volta aperto, va conservato in frigorifero per un massimo di due mesi.


SEMI DI ZUCCA

Dove si trovano:
sono i semi della zucca.
Caratteristiche nutrizionali:
contengono triptofano un aminoacido precursore della serotonia, magnesio, proteine, omega 3, zinco, ferro, fitosteroli.
A cosa servono: aiutano a prevenire il cancro alla prostata, stimolano il sistema immunitario, prevengono artrite e osteoporosi, abbassano il livello di colesterolo nel sangue e contrastano l'insorgenza di cellule maligne. Migliorano la qualità del sonno notturno.
Come si consumano:
crudi o tostati nel forno e conditi con un pizzico di sale, possono essere consumati da soli, nelle insalate o negli impasti.

OLIO DI PESCE
Dove si trova:
si ricava principalmente dal salmone e dal fegato di merluzzo.
Caratteristiche nutrizionali:
è la fonte in assoluto più ricca di omega 3
A cosa serve:
svolge un'azione antinfiammatoria e abbassa i livelli ematici dei trigliceridi. E' fondamentale per contrastare la maggior parte delle malattie legate al sistema cardiocircolatorio.
Come si consuma:
sotto forma di perle gelatinose come integratore alimentare.

PollinePOLLINE
Dove si trova:
è una polvere fine e appiccicosa che costituisce la materia fecondata dei fiori.
Caratteristiche nutrizionali:
è ricchissimo di proteine, vitamine, aminoacidi, carboidrati, enzimi, sali minerali. Il tutto in misura variabile a seconda del fiore e del tipo di impollinamento da parte delle api.
A cosa serve: è utilissimo nella prevenzione di anemia, arteriosclerosi, astenia, fragilità capillare, colite, diabete, eczemi, influenza, stipsi, dimagrimento non voluto, reumatismi, occhi stanchi e prostatiti.
Come si consuma:
sotto forma di polvere, possibilmente a digiuno, in una dose che non deve superare il cucchiaio da minestra al giorno.



SEMI DI CHIA
Dove si trovano:
sono ricavati da una pianta chiamata Salvia Hispanica molto diffusa in Centro e Sud America.
Caratteristiche nutrizionali:
sono ricchissimi di calcio ma, soprattutto, di omega 3 e omega 6, vitamina C, ferro e potassio.
A cosa servono:
essendo la fonte principale di calcio nel regno vegetale (il loro apporto di questo minerale supera di 5 volte quello del latte), sono perfetti quando vi è una carenza in tal senso e quando ne aumenta il fabbisogno (per esempio durante la gravidanza). Il loro contenuto di oli essenziali, li rende particolarmente indicati per contrastare problemi cardio-vascolari e circolatori e per abbassare la pressione sanguigna. Inoltre, essendo ricchi di aminoacidi, sono perfetti come antiossidanti. Possono essere inseriti all'interno di una dieta ipocalorica, perché abbassano il livello di zucchero nel sangue, contribuendo ad arginare l'aumento di peso. Consumati regolarmente, forniscono energia all'organismo senza appesantirlo.
Come si consumano:
possono essere aggiunti nel muesli della colazione, nelle insalate, nei frullati. Oppure, insieme ad altri semi, consumati come snack.
Lasciati in ammollo, assorbono l'acqua in una quantità superiore al loro peso e sprigionano un gel benefico che, come nel caso dei semi di lino, può essere utilizzato per ripulire l'intestino e combattere la stitichezza. Inoltre, nelle diete vegane è un ottimo sostituto delle uova nella preparazione di dolci e sformati.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cibi-anti-stress

Lo stress si combatte a tavola

Se le vacanze sono già un ricordo lontano e la sveglia al mattino, gli impegni lavorativi, la gestione familiare.... aumentano il livello di stress giornaliero, provate a ritrovare tranquillità e pace inserendo questi alimenti nella vostra dieta.

continua »
Snack_time

La merenda per la scuola

Frutta, un pacchetto di biscotti secchi o crackers salati, una fetta di torta… Cosa proporre ai bimbi per l’intervallo a scuola che fornisca loro nutrimento ed energia senza, però, appesantirli e 'riempirli' con calorie inutili.

continua »
Cortilia-verdure

5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini

Il mio bambino non mangia le verdure! Quante voltte abbiamo detto o sentito questa frase?  Dai piatti che sprizzano creatività ai centrifugati, dai giochi in cucina alle micro porzioni. Ecco 5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini, divertendoli e coinvolgendoli.

continua »
Latte_vegetale

Latte vegetale: le alternative al latte vaccino

Di riso, di soya, di mandorle… Il latte vegetale, consumato da vegani e vegetariani, può diventare un’ottima alternativa al latte vaccino anche per chi vegano e vegetariano non lo è. Particolarmente indicato in caso di intolleranza al lattosio o in presenza di virus gastrointestinali quando latte e latticini andrebbero evitati.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network