Fiabe per bambini del XXI secolo

Cambiano i temi delle favole per bambini. Rimangono gli animali e le situazioni fiabesche. Si trasformano, però, i temi affrontati. Proprio per venire incontro alla nuova quotidianità dei bimbi di oggi.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Recentemente su Repubblica.it è apparso un articolo che analizza le recenti pubblicazioni della letteratura per l’infanzia e i temi affrontati nelle nuove fiabe rivolte ai bambini 2.0. Quei figli del XXI secolo che a pochi anni di vita ne hanno viste e sentite tante da farsi un baffo delle conoscenze e della saggezza dei loro nonni e/o genitori (anche se, poi, l’esperienza e la sapienza antiche sono indispensabili per fornire a questi piccoli moderni punti di riferimento saldi e centri di gravità permanenti).
In ogni caso, e questo è indubbio, il modo di parlare ai più piccoli è cambiato o deve cambiare. Perché i bambini di oggi sono lontani anni luce dai bambini di ieri e le loro paure e i loro bisogni sono completamente diversi dalle paure, dai bisogni e dalla realtà dei bimbi di un tempo.


 

 
BAMBINI IN PROVETTA, MULTICOLOR, CON 2 MAMME…

A pochi giorni dall’inizio del Festival della Letteratura di Mantova (7 – 11 settembre 2011), la giornalista Maria De Luca analizza, dunque, il modo in cui le case editrici, in particolare quelle minori, abbiano iniziato ad affrontare nelle loro pubblicazioni temi nuovi, strettamente connessi al presente e alla realtà delle nuove famiglie e senza allontanarsi troppo dal tono fiabesco e dalle atmosfere soft amate dai piccini abbiano, per la prima volta, cominciato a parlare di argomenti scottanti che, troppo spesso, nemmeno gli adulti vogliono affrontare: fecondazione assistita, bambini in provetta, adozioni, bambini “diversi”, famiglie allargate, coppie omosessuali….


Insomma, tutto quel variegato universo che, a pieno titolo, punta, giustamente, a ottenere il marchio di “famiglia”, nonostante il parere contrario di molti ben pensanti.
Perché è indubbio che i bimbi di oggi, nella loro quotidianità, vengono a contatto con mondi differenti rispetto a quelli dei loro genitori: bimbi nati grazie alla fecondazione assistita, figli di uteri diversi, figli adottivi e figli naturali, figli di coppie omosessuali. O semplicemente bambini considerati “diversi”, problematici, strani…
E questo mondo variegato con cui i piccoli si scontrano non solo va raccontato perché esiste, ma va spiegato, interiorizzato e accettato.

Ecco, quindi, titoli come Nei panni di Zaff che descrive le difficoltà incontrate da un maschietto a cui piaccia vestirsi da donna; oppure In famiglia che, utilizzando i soliti cari, vecchi animali, spiega come i tipi di famiglia siano più d’uno; o ancora Piccola storia di una famiglia: perché hai due mamme? o Piccolo uovo illustrato da Altan con i disegni della Pimpa

 

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »
Laboratori-creativi-autunno

Giocare con l'autunno

Idee per giocare con foglie, pigne, castagne e materiale raccolto in questa stagione al parco o in campagna. Il fascino dell'autunno in tanti laboratori creativi da fare in casa durante il tempo libero. 

continua »
Must-Have-Fall2017

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network