Mamma, non ho fame!

Inappetenza: problema fisico o psicologico? Il rifiuto del cibo, infatti, può nascondere il bisogno del bambino di comunicare un disagio che spesso non è di tipo alimentare.

Articoli Correlati

Spesso i piccoli comunicano i loro stati d'animo, le loro ansie e i loro dolori attraverso il cibo. Quest'ultimo, infatti, talvolta si trasforma in uno strumento di 'rivolta' contro i genitori o, semplicemente, in un mezzo per affermare la propria volontà e i propri desideri. Così non sempre l'inappetenza è una conseguenza di un cattivo stato di salute, ma il segnale di qualcosa d'altro che i piccoli vogliono lasciar trasparire senza essere costretti a dichiararlo apertamente.
Innanzitutto, una spiegazione, per così dire, 'genetica': l'essere buone o cattive forchette, o meglio, il senso di sazietà o di fame, è influenzato da alcune sostanze presenti nel cervello che si chiamano 'neuroregolatori' e che determinano il fatto che alcuni bambini abbiano più appetito di altri. È dimostrato, infatti, che spesso i bimbi inappetenti sono figli di genitori che a loro volta lo sono stati, così come tante altre caratteristiche dell'aspetto fisico o del carattere dei bambini derivano da quelle dei loro genitori. La cosa non dovrebbe, perciò, suscitare problemi: l'inappetenza, quando è genetica, non disturba e non rallenta la crescita e il piccolo si limita a mangiare ciò di cui il suo corpo ha bisogno senza chiedere di più.

Talvolta, invece, la mancanza di appetito è causata da fattori esterni: in inverno, per esempio, e quando sono malati i bambini mangiano meno, forse anche perché, consumando meno, bruciano meno calorie e, di conseguenza, hanno meno fame. I mesi compresi tra gennaio e luglio, poi, sono quelli in cui i piccoli, più che aumentare di peso, crescono in altezza: se in questo periodo, quindi, la lancetta sulla bilancia non sale non è, necessariamente, conseguenza di scarso appetito, ma del normale sviluppo del bambino.

Non è, quindi, il caso di allarmarsi davanti a un 'non ho fame' obbligando il piccolo a 'ingozzarsi' di cibo; meglio valutare quali possano essere le cause di questo rifiuto comportandosi di conseguenza a seconda dei singoli casi. L'importante è non creare nel bambino uno stato di ansia nei confronti della tavola facendogli vivere liberamente il suo rapporto con gli alimenti.
Se è costituzionalmente passivo, infatti, il bimbo non reagirebbe ad un'eventuale forzatura, limitandosi a mangiare tutto quello che gli viene messo nel piatto anche quando è sazio, cosa che potrebbe causare un eccessivo aumento di peso (anche oltre quello suo ideale). Se, invece, il piccolo è costituzionalmente attivo, potrebbe rifiutare il cibo cercando, in questo modo, di imporre la propria volontà rispetto a quella dei genitori e trasformandolo in un fattore di scontro tra lui e gli adulti. Il risultato sarebbe che davanti a una pressione (ovviamente esercitata a fin di bene) il bambino si ritrarrebbe in un guscio mangiando ancora meno di quanto, effettivamente, farebbe in condizioni normali.
La cosa importante è che i genitori trasmettano al bambino nei confronti della buona cucina il gusto e il piacere che questa comporta, imparando ad accettare quelli che sono i suoi limiti e le sue necessità e ricordando che un bimbo di 2 - 3 anni, in media, mangia la metà della porzione di un adulto e che tra i 2 e i 10 anni aumenta di circa due chili l'anno, valori che, se rispettati, risultano perfettamente nella norma anche quando il piccolo appare, in realtà, inappetente e privo di stimoli nei confronti del cibo.


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Tepee

Come costruire una tepee per bambini

La tepee è la tenda tradizionale dei pellirossa d'America. Una vera e propria attrattiva, generalmente, per i bambini che la utilizzano, in casa o in giardino, come uno spazio personale, segreto, quasi magico. In cui nascondersi a leggere o giocare. Ecco come costruirne una in modo semplice.

continua »
Paura-cacca

Perché alcuni bambini non vogliono fare la cacca nel vasino?

Spannolinare significa abituare il bambino a riconoscere lo stimolo della pipì e della cacca e abituarli a trattnerlo il tempo necessario per arrivare sul vasino. Spesso, però, il processo di apprendimento che riguarda le feci è più lungo ed elaborato rispetto a quello di urinare. Perché e cosa fare.

continua »
Bambini_ristorante2015

10 consigli per uscire a cena col bambino

Sempre più numerose le famiglie che non rinunciano a una cena al ristorante anche con bambini molto piccoli. Ecco alcune idee per intrattenerli. E qualche consiglio sulla scelta del locale giusto.

continua »
Bambini-rifiutanio-cibo

Il braccio di ferro a tavola? É inutile!

La tavola è spesso il terreno privilegiato di furibonde lotte combattute a colpi di cucchiaio tra genitori e figli. Ma il rifiuto del cibo nasconde spesso qualcosa di diverso. E instaurare un braccio di ferro affiché il bambino mangi qualcosa è controproducente.  

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network