Uno zecchino dal nasino d'oro

Il piccolo Massimo Spiccia (4 anni) vince il 55esimo Zecchino d'Oro con la simpatica “Il mio nasino”. Il mio Tango del gauchito (vedi a destra) è secondo!

di Mario Gardini

Come l’anno scorso, anche quest’anno voglio dare il mio voto personale alle 12 canzoni in gara allo Zecchino d’Oro.


La vincitrice “Il mio nasino” è una canzone un po’ banale ma che ha trovato nel bravissimo interprete Massimo Spiccia di 4 anni il suo punto di forza.
Per cui 7 alla canzone e 10 al bambino.


 
LE PAGELLE DELLO ZECCHINO D'ORO


Il 10 vorrei darlo (chissà come mai...) a Juan Francisco Greco, secondo classificato con la mia “Il canto del gauchito”.

Francamente non avrei mai pensato, mentre scrivevo il pezzo, che un tango potesse piacere così tanto ai bambini. Fortunatamente mi sbagliavo.
Terze classificate, a pari merito, “La banda sbanda” e “Il blues del manichino”.

La prima è divertente ma già sentita, per cui le aggiudico un 7 e mezzo, mentre la seconda ha un testo interessante che si presta a molteplici letture. Quindi, direi un bel 9.
Un altro 10 voglio darlo a “Verso l’aurora”, un brano dell’Ecuador molto coinvolgente e ben interpretato, che ci trasporta in un’altra dimensione.

Simpatica anche “La tarantella della mozzarella”, che si merita un 8 e mezzo, anche se forse l’interprete non era abbastanza “mozzarellosa”.

Francamente ho trovato un po’ noiose sia “Il sirtaki di Icaro” che “Lo gnomo Deodato”, per cui do ad entrambe un 6 e mezzo.

Carina “Lupo Teodoro”, che si merita un 7 e mezzo anche grazie al piccolo Giovanni Barelli, mentre Arianna Pinna regala alla sua “Quello che mi aspetto da te” una dolcezza da 8. Peccato che il testo ricordi un po’ troppo “Prova a sorridere” dell’anno scorso.
Simpatica “La ballata del principe azzurro”, una canzone alla Shrek cantata a due voci che si merita un 8 e divertente anche “Le galline intelligenti… ma sgrammaticate”.

 

A questa do 7 per via di un testo un po’ troppo banale che sembra riportare lo Zecchino d’Oro agli anni 70.

Detto questo, aggiungo che si è trattato comunque di una buona edizione, ben condotta dai bravi Veronica Maya e Pino Insegno.
Ma un applauso va sicuramente fatto a tutti i bambini del Coro dell’Antoniano, che non hanno sbagliato una canzone.  Ben diretti da Sabrina Simoni, hanno supportato tutti i cantanti in modo davvero esemplare.
Sono loro i veri vincitori di questo Zecchino d’Oro!


 

 

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »
rugbytots

Avete mai sentito parlare di rugbytots?

Nato in Inghilterra 11 anni grazie all'idea di Max Webb, il rugbytots è un programma di motricità che si avvale della palle ovale come strumento destinato ai bambini in età prescolare.

continua »

Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network