Bambini e cellulare

Ai bambini serve il cellulare? E se sì, qual è l’età giusta per dotare il piccolo del telefonino?

Articoli Correlati

Fino a qualche anno fa i bambini chiedevano giocattoli, qualche volta libri, al massimo lo stereo. Ma le loro richieste “si fermavano” lì. E dire sì o no era relativamente semplice. I problemi etici e morali sorgevano dopo, quando intorno ai 14 anni cominciavano a chiedere il motorino e i genitori si domandavano se fosse giusto dotare un ragazzino ancora immaturo e sicuramente incosciente di tale mezzo.
Le cose ora si sono complicate. A 7/8 anni i piccoli vogliono il cellulare. In casa lo posseggono tutti, i fratelli maggiori ce l’hanno sempre appiccicato all’orecchio e sono sempre lì a inviare sms, mms e tutti i ps (post scriptum) che vengono loro in mente.
Ma è giusto che un bimbo che ancora non guadagna ne abbia uno tutto suo? Sarà in grado di gestirlo? Riuscirà a capire che non è un giocattolo e che, come tale, va utilizzato nel rispetto di alcune regole ben precise?
La risposta non è così scontata.

Ai bambini il cellulare non serve. È un dato di fatto.
Però, potrebbe essere utile per i genitori per tenerli meglio sotto controllo. O per lo meno questa è la motivazione che a volte adducono le mamme e i papà sostenitori della tesi del “sì”. Tenerli sotto controllo rispetto a cosa però, ci domandiamo.
Un bimbo non dovrebbe andare in giro da solo (se non, talvolta, per brevi tragitti per recarsi a scuola o a casa del compagno a studiare. In questi casi, però, è sufficiente avvisare le insegnanti o la mamma del compagno di telefonare immediatamente ai genitori nell’eventualità che il piccolo non sia arrivato all’orario previsto!). Se, invece, resta a casa da solo, il telefono fisso, per fortuna, non è ancora stato dichiarato obsoleto e tutti ne posseggono uno. Sarà sufficiente contattarlo attraverso quello per accertarsi che non abbia dato fuoco all’abitazione durante l’assenza di mamma e papà.
E per i bambini che vanno in vacanza da soli? Beh, poiché pensiamo che non se ne vadano in giro per il mondo con uno zaino in spalla e un sacco a pelo sotto al braccio, contattare direttamente la struttura che li accoglie potrebbe essere un ottimo sistema per ovviare il problema e avere, comunque, la situazione sotto controllo.

Detto questo, arrivati cioè a escludere qualsiasi vera utilità nel possesso di un telefonino da parte del pargolo, resta da risolvere un’altra questione. Perché i bambini non possono avere il cellulare? In fondo, anche a molti adulti non serve eppure ne posseggono uno e, talvolta, più di uno. Ma qual è il vero motivo per cui i bambini non dovrebbero avere un cellulare.
I sostenitori del “no” potrebbero rispondere “perché è diseducativo”. Chiaro. Ma perché?
Forse perché un bambino non è in grado di mantenerselo. Ma se è questa la ragione, allora fino a che non è economicamente autonomo (14 anni? 18? Alla fine dell’università?) non ne avrà uno!
Oppure perché non sarebbe in grado di gestirlo (lo farebbe squillare in classe, in palestra, la sera mentre dorme). Questa spiegazione sembrerebbe più plausibile. Ma, ci domandiamo, il solo fatto di mettergliene in mano uno non lo renderebbe più responsabile? Probabilmente sì. A che età, però, è giusto regalargli il cellulare? Dipende dal bimbo, dal suo grado di maturità. Ovvio!
O ancora perché il telefonino nuoce alla salute e con tutto quello che già i bambini sono costretti a calarsi che danneggia la loro salute (smog, inquinamento, fumo di sigarette, alimenti geneticamente modificati, mucca pazza, pollo storpio, maiale fuoriuscito e chi più ne ha più ne metta) non è proprio il caso di aggiungere anche qualcos’altro che, per altro, già abbiamo visto, non è necessario. Bene. Possiamo essere d’accordo con questa tesi salutista. Ma la spiegazione ci soddisfa comunque poco.

Secondo noi, non esiste una risposta univoca a questa domanda. Ogni genitore dovrebbe sapere cosa è meglio per suo figlio.
Quello che pensiamo è che i piccoli non dovrebbero avere tutto quello che il mercato getta in pasto ai consumatori facendo credere loro che è indispensabile, utile, facilmente raggiungibile.
Il telefonino ha rappresentato per anni uno status symbol. Oggi è un oggetto di massa, come la televisione, il telefono fisso, la lavatrice. Ma non è un giocattolo (e anche molti adulti dovrebbero rendersi conto di questo fatto fondamentale) e, di conseguenza, andrebbe acquistato solo se serve, appunto come il telefono fisso o la lavatrice (per la televisione il discorso è diverso, ma non ci addentreremo in questa sede in questo spigoloso argomento).
Non c’è nessun vero motivo per cui i piccoli non dovrebbero possedere un cellulare. Ma non c’è neppure nessun motivo per cui dovrebbero possederne uno. E, quindi, perché comprarglielo? Per arricchire i produttori? Perché chi spende aiuta l’economia, come vuole farci credere una famosa pubblicità? Perché è difficile dire di no? Per non farli sentire esclusi? Ma se nessun genitore comprasse il telefonino al bimbo nessun bimbo si sentirebbe escluso! Semplice come bere un bicchiere d’acqua!

  • Commento inserito da nitram il 9 gennaio 2015 alle ore 19:51

    Io ho 11 anni in classe siamo in 29 di cui in 9 hanno un iPhone, e tutti gli altri hanno uno smartphone, io ho chiesto ai miei un iPhone 5c mi avevano detto di sì poi di no, poi mia mamma voleva cambiare cellulari e avrebbe lasciato a me il suo iphone 4, poi mi ha detto di sì x il 4s, poi mia mamma ha riscelto ll'opzione di cambiare il cellulare, poi parlando con un loro amico hanno scelto: no iphone fino a 18 anni. Vi sembra giusto???!!! Prima tante promesse poi niente!!!!

  • Commento inserito da Damiano il 31 dicembre 2014 alle ore 21:39

    io penso che i bambini di 10-12 anni abbiano bisogno di un telefono ma non dal valore di 500€ però penso che a tutto il mondo piacerebbe avere un iPhone 6 plus ecc.

  • Commento inserito da Ciao io la penso così: il 27 dicembre 2014 alle ore 11:22

    Io ho 12 anni e sto convincendo dopo ANNI di farmi dare un cellulare.

    Visto che le scuole medie sono attaccate a casa mia,i miei stanno valutando di acquistarlo ma privo si ricarica per le telefonate.E mi va anche bene.

    Io il cellulare,l'ho chiesto per tanti anni,(da 9 anni),perchè le mie amiche d'estate,uscivano dall'oratorio:"Ah!Ali poi ci sentiamo su WHATSAPP(o come si scrive),e ti faccio vedere quel video ahahahah!".

    E io chiedevo sempre di che cosa stessero parlando ma loro non me lo volevano dire.E poi ogni occasione era buona per utilizzarlo.

    Io le adoravo ed ero così loro amica che non mi passava per la testa che mi nascondevano qualcosa;poi chiamarono il gruppo di WHATSAPP col nome che io avevo inventato sulla chat di Clash of Clans di un clan.

    Io il cellulare penso si debba dare,PRIMA valutando i pro e i contro,e poi ovviamente valutando la maturità del richiedente.

    Lo userei solo quando alle gite dell'oratorio,quando torniamo,l'orario di ritorno non è sempre quello,per mandare un sms o quant'altro a mia madre per avvisarla di eventuali ritardi o non so che. Oppure durante l'estate(questa volta l'oratorio non centra ahah),per sentire i miei amici,perchè i miei per es. questa estate volevano andare a Riccione,lì c'era una mia amica,e con la chat di "Clash" le ho chiesto com'era il tempo,e lei visto che non era on-line non mi ha potuto rispondere...Anzi..Sì mi ha risposto...Quando eravamo già in viaggio...Risposta:Piove c'è brutto tempo,forse ce ne andiamo.

    ...😡CHE PALLE!!!

    😇Quindi prima di comprare un cellulare ai vostri figli,valutatene la reale necessità!

    P.s.Mi scuso per il poema!!

  • Commento inserito da GDO il 1 dicembre 2014 alle ore 16:03

    Io sono Gaia, ho 12 anni e sono dell'idea che bambini di 8-10-12 anni con smartphone di ultimo modello siano solo viziati che non sanno stare al mondo! Io il cellulare lo ho avuto a 10 anni ma solo e sottolineo SOLO xk avevo tutti 10 in pagella! Io ho amiche che cambiano cellulare 2 volte ogni 3 anni. Trovo che sia inutile! Ci sono bambini/e che anziché andare al parco o a fare un giro in bicicletta se ne stanno messaggiare in chat di gruppo con gente che magari neanche conoscono o addirittura a modificare la stato su Facebook già che ci siamo! Io auguro a queste persone di venire hackerate! A 10 anni bisogna imparare a comunicare con il mondo, non con i seguaci! Inoltre c'è gente, come in questi commenti, che si vanta di avere certi tipi di cellulari!

  • Commento inserito da wow! il 30 luglio 2014 alle ore 22:32

    A 10 anni iphone 5c e galaxy s3??? Anche io ho 10anni ma mica chiedo il mondo!....

  • Commento inserito da Sofia il 23 giugno 2014 alle ore 17:31

  • Commento inserito da LUCIA il 11 maggio 2014 alle ore 10:13

    QUESTA LA MIA RISPOSTA: VESTIRESTE VOSTRO FIGLIO DA ADULTO, CON SCARPE DAL NUMERO SUPERIORE AL SUO, CON UN ABITO NON DELLA SUA ETA?? NO DI CERTO.I BAMBINI DEVONO VIVERE LA LORO ETA',UN SEMPLICE TELEFONINO CLASSICO ANDREBBE BENE MA SENZA LE CHAT E TUTTO IL RESTO !

  • Commento inserito da christopher il 18 marzo 2014 alle ore 19:40

    Grazie mi è servito tantissimo

  • Commento inserito da moussa sall il 15 ottobre 2013 alle ore 12:39

    ho 10 anni al mio compleanno mi anno regalato iphone 5c posso fare tutto quel che ci ho voglia mi hanno messo un aplicazione per tenermi sotto contollo

  • Commento inserito da sara campanelli il 4 ottobre 2013 alle ore 17:27

    io ho 10 anni è ho gia un samsung galaxy s3 ...tie

  • Leggi tutti i commenti

Forse ti potrebbe interessare

Bambini-felici

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
Scuola-5-anni

A scuola a 5 anni. Cosa valutare?

All'anno scolastico 2015/2016 possono essere iscritti tutti i bambini che compiranno 6 anni entro il 30 aprile 2016. Anche bimbi, quindi, che entreranno a scuola a sei anni non ancora compiti, con un anno di differenza rispetto ai compagni. È giusto? Cosa valutare per effettuare la scelta?

continua »
Basta-compiti

Basta compiti! Cosa ne pensi?

Nasce in rete il movimento Basta Compiti! che chiede l'abolizione dei compiti a casa per tutte le scuole dell'obbligo ritenendoli inutili, dannosi e non conformi alle esigenze reali dello scolaro e della famiglia. Ma può esistere una scuola senza compiti a casa?

continua »
Iscrizioni-scuola-2015

Aperte le iscrizioni online per la scuola primaria

Saranno aperte dal 15 gennaio al 15 febbraio 2015 le iscrizioni scolastiche per gli aluni che il prossimo anno frequenteranno il primo anno della scuola primaria e per quelli che terminano quest'anno la scuola primaria e secondaria di primo grado.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network