Bambini e cellulare

Ai bambini serve il cellulare? E se sì, qual è l’età giusta per dotare il piccolo del telefonino?

Articoli Correlati

Fino a qualche anno fa i bambini chiedevano giocattoli, qualche volta libri, al massimo lo stereo. Ma le loro richieste “si fermavano” lì. E dire sì o no era relativamente semplice. I problemi etici e morali sorgevano dopo, quando intorno ai 14 anni cominciavano a chiedere il motorino e i genitori si domandavano se fosse giusto dotare un ragazzino ancora immaturo e sicuramente incosciente di tale mezzo.
Le cose ora si sono complicate. A 7/8 anni i piccoli vogliono il cellulare. In casa lo posseggono tutti, i fratelli maggiori ce l’hanno sempre appiccicato all’orecchio e sono sempre lì a inviare sms, mms e tutti i ps (post scriptum) che vengono loro in mente.
Ma è giusto che un bimbo che ancora non guadagna ne abbia uno tutto suo? Sarà in grado di gestirlo? Riuscirà a capire che non è un giocattolo e che, come tale, va utilizzato nel rispetto di alcune regole ben precise?
La risposta non è così scontata.

Ai bambini il cellulare non serve. È un dato di fatto.
Però, potrebbe essere utile per i genitori per tenerli meglio sotto controllo. O per lo meno questa è la motivazione che a volte adducono le mamme e i papà sostenitori della tesi del “sì”. Tenerli sotto controllo rispetto a cosa però, ci domandiamo.
Un bimbo non dovrebbe andare in giro da solo (se non, talvolta, per brevi tragitti per recarsi a scuola o a casa del compagno a studiare. In questi casi, però, è sufficiente avvisare le insegnanti o la mamma del compagno di telefonare immediatamente ai genitori nell’eventualità che il piccolo non sia arrivato all’orario previsto!). Se, invece, resta a casa da solo, il telefono fisso, per fortuna, non è ancora stato dichiarato obsoleto e tutti ne posseggono uno. Sarà sufficiente contattarlo attraverso quello per accertarsi che non abbia dato fuoco all’abitazione durante l’assenza di mamma e papà.
E per i bambini che vanno in vacanza da soli? Beh, poiché pensiamo che non se ne vadano in giro per il mondo con uno zaino in spalla e un sacco a pelo sotto al braccio, contattare direttamente la struttura che li accoglie potrebbe essere un ottimo sistema per ovviare il problema e avere, comunque, la situazione sotto controllo.

Detto questo, arrivati cioè a escludere qualsiasi vera utilità nel possesso di un telefonino da parte del pargolo, resta da risolvere un’altra questione. Perché i bambini non possono avere il cellulare? In fondo, anche a molti adulti non serve eppure ne posseggono uno e, talvolta, più di uno. Ma qual è il vero motivo per cui i bambini non dovrebbero avere un cellulare.
I sostenitori del “no” potrebbero rispondere “perché è diseducativo”. Chiaro. Ma perché?
Forse perché un bambino non è in grado di mantenerselo. Ma se è questa la ragione, allora fino a che non è economicamente autonomo (14 anni? 18? Alla fine dell’università?) non ne avrà uno!
Oppure perché non sarebbe in grado di gestirlo (lo farebbe squillare in classe, in palestra, la sera mentre dorme). Questa spiegazione sembrerebbe più plausibile. Ma, ci domandiamo, il solo fatto di mettergliene in mano uno non lo renderebbe più responsabile? Probabilmente sì. A che età, però, è giusto regalargli il cellulare? Dipende dal bimbo, dal suo grado di maturità. Ovvio!
O ancora perché il telefonino nuoce alla salute e con tutto quello che già i bambini sono costretti a calarsi che danneggia la loro salute (smog, inquinamento, fumo di sigarette, alimenti geneticamente modificati, mucca pazza, pollo storpio, maiale fuoriuscito e chi più ne ha più ne metta) non è proprio il caso di aggiungere anche qualcos’altro che, per altro, già abbiamo visto, non è necessario. Bene. Possiamo essere d’accordo con questa tesi salutista. Ma la spiegazione ci soddisfa comunque poco.

Secondo noi, non esiste una risposta univoca a questa domanda. Ogni genitore dovrebbe sapere cosa è meglio per suo figlio.
Quello che pensiamo è che i piccoli non dovrebbero avere tutto quello che il mercato getta in pasto ai consumatori facendo credere loro che è indispensabile, utile, facilmente raggiungibile.
Il telefonino ha rappresentato per anni uno status symbol. Oggi è un oggetto di massa, come la televisione, il telefono fisso, la lavatrice. Ma non è un giocattolo (e anche molti adulti dovrebbero rendersi conto di questo fatto fondamentale) e, di conseguenza, andrebbe acquistato solo se serve, appunto come il telefono fisso o la lavatrice (per la televisione il discorso è diverso, ma non ci addentreremo in questa sede in questo spigoloso argomento).
Non c’è nessun vero motivo per cui i piccoli non dovrebbero possedere un cellulare. Ma non c’è neppure nessun motivo per cui dovrebbero possederne uno. E, quindi, perché comprarglielo? Per arricchire i produttori? Perché chi spende aiuta l’economia, come vuole farci credere una famosa pubblicità? Perché è difficile dire di no? Per non farli sentire esclusi? Ma se nessun genitore comprasse il telefonino al bimbo nessun bimbo si sentirebbe escluso! Semplice come bere un bicchiere d’acqua!

  • Commento inserito da wow! il 30 luglio 2014 alle ore 22:32

    A 10 anni iphone 5c e galaxy s3??? Anche io ho 10anni ma mica chiedo il mondo!....

  • Commento inserito da Sofia il 23 giugno 2014 alle ore 17:31

  • Commento inserito da LUCIA il 11 maggio 2014 alle ore 10:13

    QUESTA LA MIA RISPOSTA: VESTIRESTE VOSTRO FIGLIO DA ADULTO, CON SCARPE DAL NUMERO SUPERIORE AL SUO, CON UN ABITO NON DELLA SUA ETA?? NO DI CERTO.I BAMBINI DEVONO VIVERE LA LORO ETA',UN SEMPLICE TELEFONINO CLASSICO ANDREBBE BENE MA SENZA LE CHAT E TUTTO IL RESTO !

  • Commento inserito da christopher il 18 marzo 2014 alle ore 19:40

    Grazie mi è servito tantissimo

  • Commento inserito da moussa sall il 15 ottobre 2013 alle ore 12:39

    ho 10 anni al mio compleanno mi anno regalato iphone 5c posso fare tutto quel che ci ho voglia mi hanno messo un aplicazione per tenermi sotto contollo

  • Commento inserito da sara campanelli il 4 ottobre 2013 alle ore 17:27

    io ho 10 anni è ho gia un samsung galaxy s3 ...tie

  • Commento inserito da sara campanelli il 4 ottobre 2013 alle ore 17:19

    mi piace tanto questo testo ma i ragazzi di 10 anni possono usare il telefono?

  • Commento inserito da Alex il 18 luglio 2013 alle ore 16:56

    Ciao sono Alex,ho 10 anni e secondo me tutti dovrebbero avere il telefono a 10 anni,con internet,e con tutti i numeri di tutti(metti che accade qualcosa,i ragazzi chiamano la mamma e il papa e non rispondono chiamano gli altri).





    E SECONDO ME TUTTI DEVONO AVERE IL TELEFONO ALLA COMUNIONE O QUALCHE GIORNO DOPO CHE SONO ANTICIPATARI O NO

  • Commento inserito da Alex il 18 luglio 2013 alle ore 16:55

    Ciao sono Alex,ho 10 anni e secondo me tutti dovrebbero avere il telefono a 10 anni,con internet,e con tutti i numeri di tutti(metti che accade qualcosa,i ragazzi chiamano la mamma e il papa e non rispondono chiamano gli altri).





    E SECONDO ME TUTTI DEVONO AVERE IL TELEFONO ALLA COMUNIONE O QUALCHE GIORNO DOPO CHE SONO ANTICIPATARI O NO

  • Commento inserito da ilaria il 21 giugno 2013 alle ore 13:33

    io ho 10 anni e sto convincendo i miei genitori a comprarmi un cellulare....ci sto riuscendo è solo ke mi hanno detto ke non devo starci appiccicata tutto il giorno

  • Leggi tutti i commenti

Forse ti potrebbe interessare

Easy_reading

EasyReading, il font per dislessici che facilita la lettura

Easy Reading è un font che sembra essere particolarmente adatto per i dislessici, ma che in realtà facilita la lettura per tutti. Ecco perché.

continua »
Esami-non-finiscono-mai

Gli esami non finiscono mai

Gli esami, le prove, i test, le difficoltà che i bambini si trovano ad affrontare nella prima infanzia, altro non sono che il preludio degli esami, delle prove, dei test e delle difficoltà che incontreranno nella vita. Ecco perché sono importanti e vanno affrontati nel modo giusto per avere un 'metodo' per le prove future. Ce ne parla la dottoressa Chiara Corte Rappis.

continua »
Compiti_vacanze2014

Compiti delle vacanze: come farli

Con la scuola chiusa da ormai un mese e la prospettiva delle vacanze alle porte (la maggior parte delle famiglie, infatti, andrà via ad agosto), è tempo di pensare ai compiti delle vacanze. In modo da non doversi portare (troppi) quaderni e libri in viaggio. Ecco come organizzarsi.

continua »
Castello-di-Masino-area-gio

Caccia al tesoro al Castello di Masino

Se state cercando un modo diverso per trascorrere il fine settimana, ecco la proposta del FAI rivolta a tutta la famiglia: caccia al tesoro per i bambini dai 4 ai 12 anni e scoperta del meraviglioso Castello di Masino per i grandi. All'insegna della cultura e del divertimento.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

  • Cicogna_alimentazione

    Un aiuto per la cicogna... dalla tavola

    Per chi sta cercando una gravidanza, ecco alcuni alimenti che favoriscono il concepimento e l’impianto dell’embrione nell’utero. Inoltre,...

    continua »
  • Passatempi_viaggio

    Giochi da viaggio

    In macchina, in pullman, in treno o in aereo, ecco come intrattenere i bambini durante i lunghi spostamenti. Giocando con loro e insegnando loro il fascino della...

    continua »
  • Arrivo_neonato

    Oddio è arrivato il bebè!

    L’arrivo di un bimbo stravolge le relazioni familiari che, se non son ben gestite, rischiano di mettere in crisi i rapporti, trasformando le prime settimane in...

    continua »
  • stelle-bambini-1

    Bambini e stelle cadenti

    La notte di San Lorenzo è un bellissimo momento per spiegare ai nostri bambini il mistero delle stelle cadenti, cercarle nel cielo insieme a loro e esprimere...

    continua »
  • Austria2014

    Austria: vacanze per famiglie

    In Austria, tra valli incontaminate e paradisi naturali, numerose offerte per il divertimento di grandi e piccini. Per una vacanza lastminute di fine estate, facilmente...

    continua »
  • Make_up_estate

    Il make-up dell'estate

    A prova di caldo (mare, piscina, sabbia e vento), anche il make-up va adatto alle esigenze estive. Scegliendo un trucco leggero, che garantisca tenuta e contrasti...

    continua »

Seguici sui network