Bambini e cellulare

Ai bambini serve il cellulare? E se sì, qual è l’età giusta per dotare il piccolo del telefonino?

Articoli Correlati

Fino a qualche anno fa i bambini chiedevano giocattoli, qualche volta libri, al massimo lo stereo. Ma le loro richieste “si fermavano” lì. E dire sì o no era relativamente semplice. I problemi etici e morali sorgevano dopo, quando intorno ai 14 anni cominciavano a chiedere il motorino e i genitori si domandavano se fosse giusto dotare un ragazzino ancora immaturo e sicuramente incosciente di tale mezzo.
Le cose ora si sono complicate. A 7/8 anni i piccoli vogliono il cellulare. In casa lo posseggono tutti, i fratelli maggiori ce l’hanno sempre appiccicato all’orecchio e sono sempre lì a inviare sms, mms e tutti i ps (post scriptum) che vengono loro in mente.


Ma è giusto che un bimbo che ancora non guadagna ne abbia uno tutto suo? Sarà in grado di gestirlo? Riuscirà a capire che non è un giocattolo e che, come tale, va utilizzato nel rispetto di alcune regole ben precise?
La risposta non è così scontata.

Ai bambini il cellulare non serve. È un dato di fatto.


Però, potrebbe essere utile per i genitori per tenerli meglio sotto controllo. O per lo meno questa è la motivazione che a volte adducono le mamme e i papà sostenitori della tesi del “sì”. Tenerli sotto controllo rispetto a cosa però, ci domandiamo.
Un bimbo non dovrebbe andare in giro da solo (se non, talvolta, per brevi tragitti per recarsi a scuola o a casa del compagno a studiare. In questi casi, però, è sufficiente avvisare le insegnanti o la mamma del compagno di telefonare immediatamente ai genitori nell’eventualità che il piccolo non sia arrivato all’orario previsto!). Se, invece, resta a casa da solo, il telefono fisso, per fortuna, non è ancora stato dichiarato obsoleto e tutti ne posseggono uno. Sarà sufficiente contattarlo attraverso quello per accertarsi che non abbia dato fuoco all’abitazione durante l’assenza di mamma e papà.
E per i bambini che vanno in vacanza da soli? Beh, poiché pensiamo che non se ne vadano in giro per il mondo con uno zaino in spalla e un sacco a pelo sotto al braccio, contattare direttamente la struttura che li accoglie potrebbe essere un ottimo sistema per ovviare il problema e avere, comunque, la situazione sotto controllo.

Detto questo, arrivati cioè a escludere qualsiasi vera utilità nel possesso di un telefonino da parte del pargolo, resta da risolvere un’altra questione. Perché i bambini non possono avere il cellulare? In fondo, anche a molti adulti non serve eppure ne posseggono uno e, talvolta, più di uno. Ma qual è il vero motivo per cui i bambini non dovrebbero avere un cellulare.
I sostenitori del “no” potrebbero rispondere “perché è diseducativo”. Chiaro. Ma perché?
Forse perché un bambino non è in grado di mantenerselo. Ma se è questa la ragione, allora fino a che non è economicamente autonomo (14 anni? 18? Alla fine dell’università?) non ne avrà uno!
Oppure perché non sarebbe in grado di gestirlo (lo farebbe squillare in classe, in palestra, la sera mentre dorme). Questa spiegazione sembrerebbe più plausibile. Ma, ci domandiamo, il solo fatto di mettergliene in mano uno non lo renderebbe più responsabile? Probabilmente sì. A che età, però, è giusto regalargli il cellulare? Dipende dal bimbo, dal suo grado di maturità. Ovvio!
O ancora perché il telefonino nuoce alla salute e con tutto quello che già i bambini sono costretti a calarsi che danneggia la loro salute (smog, inquinamento, fumo di sigarette, alimenti geneticamente modificati, mucca pazza, pollo storpio, maiale fuoriuscito e chi più ne ha più ne metta) non è proprio il caso di aggiungere anche qualcos’altro che, per altro, già abbiamo visto, non è necessario. Bene. Possiamo essere d’accordo con questa tesi salutista. Ma la spiegazione ci soddisfa comunque poco.

Secondo noi, non esiste una risposta univoca a questa domanda. Ogni genitore dovrebbe sapere cosa è meglio per suo figlio.
Quello che pensiamo è che i piccoli non dovrebbero avere tutto quello che il mercato getta in pasto ai consumatori facendo credere loro che è indispensabile, utile, facilmente raggiungibile.
Il telefonino ha rappresentato per anni uno status symbol. Oggi è un oggetto di massa, come la televisione, il telefono fisso, la lavatrice. Ma non è un giocattolo (e anche molti adulti dovrebbero rendersi conto di questo fatto fondamentale) e, di conseguenza, andrebbe acquistato solo se serve, appunto come il telefono fisso o la lavatrice (per la televisione il discorso è diverso, ma non ci addentreremo in questa sede in questo spigoloso argomento).
Non c’è nessun vero motivo per cui i piccoli non dovrebbero possedere un cellulare. Ma non c’è neppure nessun motivo per cui dovrebbero possederne uno. E, quindi, perché comprarglielo? Per arricchire i produttori? Perché chi spende aiuta l’economia, come vuole farci credere una famosa pubblicità? Perché è difficile dire di no? Per non farli sentire esclusi? Ma se nessun genitore comprasse il telefonino al bimbo nessun bimbo si sentirebbe escluso! Semplice come bere un bicchiere d’acqua!

  • Commento inserito da Ludmilla il 20 settembre 2017 alle ore 14:38

    Io ho 9 anni ma faccio dieci anni a dicembre e ho il telefono e messaggio

  • Commento inserito da aurora il 4 agosto 2017 alle ore 14:56

    Io ho 12 anni e possiedo un iphone 7plus ma nn mi ritengo affatto viziata

  • Commento inserito da Mami il 1 agosto 2017 alle ore 18:27

    Io ho 13 anni, sono molto studiosa,aiuto in casa ecc...

    Da 3 anni continuo a chiedere il telefono ma senza risultato. I miei lo ritengono inutile,ma per me è importante perché tutti i miei compagni di classe ce l'hanno e mi prendono in giro;anche se nn li ascolto mi fa FASTIDIO .

    Secondo voi vi sembra giusto ????



    Grazie per chiunque mi rispondesse

  • Commento inserito da Luca il 16 giugno 2017 alle ore 22:34

    Io fatto il telefono e adesso non vogliono più uscire da casa vi do un consigliò comprate un cagnolino

  • Commento inserito da Mauro pappalardo il 24 agosto 2016 alle ore 21:33

    Voi non state bene! il cellulare come il tablet danneggia gli occhi e rimbambisce Vs figlio/a regalategli attività sportive il più possibile! Quando saranno giovani OBESI non potranno più tornare indietro, ma potranno scrivere sui social!AUGURI

  • Commento inserito da Gianni il 22 aprile 2016 alle ore 10:00

    Pensavo di trovare risposte in questo articolo ed invece ho trovato più domande di quelle che avrei fatto io e rimango senza risposte.

  • Commento inserito da Carla il 17 aprile 2016 alle ore 13:43

    Guardate io non ho molta esperienza in questo campo ma vi posso assicurare che il telefono va dato dalla seconda media quano sono ovviamente responsabili

  • Commento inserito da Elisa il 8 aprile 2016 alle ore 18:35

    be io cel'ho e ho 9 anni ma domani ne compio 10

  • Commento inserito da Luca il 31 gennaio 2016 alle ore 10:34

    Solo cazzate, ai fagazzi serve il cell

  • Commento inserito da mattia il 31 agosto 2015 alle ore 15:35

    3275978412

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Shultute

Il primo giorno di scuola nel resto del mondo

Mentre il countdown è iniziato e i giorni di vacanza si contano sulle dita delle mani, ecco cosa succede il primo giorno di scuola nel resto del mondo. Tra prassi consolidate e tradizioni.

continua »
Back-to-school-2017

Back to school. Partire organizzati

La check list delle 7 cose da fare in queste ultime settimane che precedono l'inizio della scuola per non ritrovarsi il giorno prima con l'acqua alla gola e1000 cose da fare e comprare. 

continua »
Bambini-e-denaro

4 modi per insegnare ai bambini il valore dei soldi

Tra gioco e apprendimento, 4 attività divertenti per insegnare ai bambini ad avere il senso del denaro, capirne il valore e intuirne le diverse possibilità di utilizzo.

continua »
Topino-dentino

Il topino del dentino

Per quasi tutti i bambini, la caduta del primo dentino da latte è accompagnata dall'arrivo del del topino (o della fatina, a seconda delle tradizioni) del dentino che, portandosi via il dente da latte, lascia al suo proprietario una monetina o un piccolo dono per compensarlo della perdita. Una bella tradizione per accompagnare il bimbo verso una nuova fase della sua vita. 

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network