Bambini e cellulare

Ai bambini serve il cellulare? E se sì, qual è l’età giusta per dotare il piccolo del telefonino?

Articoli Correlati

Fino a qualche anno fa i bambini chiedevano giocattoli, qualche volta libri, al massimo lo stereo. Ma le loro richieste “si fermavano” lì. E dire sì o no era relativamente semplice. I problemi etici e morali sorgevano dopo, quando intorno ai 14 anni cominciavano a chiedere il motorino e i genitori si domandavano se fosse giusto dotare un ragazzino ancora immaturo e sicuramente incosciente di tale mezzo.
Le cose ora si sono complicate. A 7/8 anni i piccoli vogliono il cellulare. In casa lo posseggono tutti, i fratelli maggiori ce l’hanno sempre appiccicato all’orecchio e sono sempre lì a inviare sms, mms e tutti i ps (post scriptum) che vengono loro in mente.


Ma è giusto che un bimbo che ancora non guadagna ne abbia uno tutto suo? Sarà in grado di gestirlo? Riuscirà a capire che non è un giocattolo e che, come tale, va utilizzato nel rispetto di alcune regole ben precise?
La risposta non è così scontata.

Ai bambini il cellulare non serve. È un dato di fatto.


Però, potrebbe essere utile per i genitori per tenerli meglio sotto controllo. O per lo meno questa è la motivazione che a volte adducono le mamme e i papà sostenitori della tesi del “sì”. Tenerli sotto controllo rispetto a cosa però, ci domandiamo.
Un bimbo non dovrebbe andare in giro da solo (se non, talvolta, per brevi tragitti per recarsi a scuola o a casa del compagno a studiare. In questi casi, però, è sufficiente avvisare le insegnanti o la mamma del compagno di telefonare immediatamente ai genitori nell’eventualità che il piccolo non sia arrivato all’orario previsto!). Se, invece, resta a casa da solo, il telefono fisso, per fortuna, non è ancora stato dichiarato obsoleto e tutti ne posseggono uno. Sarà sufficiente contattarlo attraverso quello per accertarsi che non abbia dato fuoco all’abitazione durante l’assenza di mamma e papà.
E per i bambini che vanno in vacanza da soli? Beh, poiché pensiamo che non se ne vadano in giro per il mondo con uno zaino in spalla e un sacco a pelo sotto al braccio, contattare direttamente la struttura che li accoglie potrebbe essere un ottimo sistema per ovviare il problema e avere, comunque, la situazione sotto controllo.

Detto questo, arrivati cioè a escludere qualsiasi vera utilità nel possesso di un telefonino da parte del pargolo, resta da risolvere un’altra questione. Perché i bambini non possono avere il cellulare? In fondo, anche a molti adulti non serve eppure ne posseggono uno e, talvolta, più di uno. Ma qual è il vero motivo per cui i bambini non dovrebbero avere un cellulare.
I sostenitori del “no” potrebbero rispondere “perché è diseducativo”. Chiaro. Ma perché?
Forse perché un bambino non è in grado di mantenerselo. Ma se è questa la ragione, allora fino a che non è economicamente autonomo (14 anni? 18? Alla fine dell’università?) non ne avrà uno!
Oppure perché non sarebbe in grado di gestirlo (lo farebbe squillare in classe, in palestra, la sera mentre dorme). Questa spiegazione sembrerebbe più plausibile. Ma, ci domandiamo, il solo fatto di mettergliene in mano uno non lo renderebbe più responsabile? Probabilmente sì. A che età, però, è giusto regalargli il cellulare? Dipende dal bimbo, dal suo grado di maturità. Ovvio!
O ancora perché il telefonino nuoce alla salute e con tutto quello che già i bambini sono costretti a calarsi che danneggia la loro salute (smog, inquinamento, fumo di sigarette, alimenti geneticamente modificati, mucca pazza, pollo storpio, maiale fuoriuscito e chi più ne ha più ne metta) non è proprio il caso di aggiungere anche qualcos’altro che, per altro, già abbiamo visto, non è necessario. Bene. Possiamo essere d’accordo con questa tesi salutista. Ma la spiegazione ci soddisfa comunque poco.

Secondo noi, non esiste una risposta univoca a questa domanda. Ogni genitore dovrebbe sapere cosa è meglio per suo figlio.
Quello che pensiamo è che i piccoli non dovrebbero avere tutto quello che il mercato getta in pasto ai consumatori facendo credere loro che è indispensabile, utile, facilmente raggiungibile.
Il telefonino ha rappresentato per anni uno status symbol. Oggi è un oggetto di massa, come la televisione, il telefono fisso, la lavatrice. Ma non è un giocattolo (e anche molti adulti dovrebbero rendersi conto di questo fatto fondamentale) e, di conseguenza, andrebbe acquistato solo se serve, appunto come il telefono fisso o la lavatrice (per la televisione il discorso è diverso, ma non ci addentreremo in questa sede in questo spigoloso argomento).
Non c’è nessun vero motivo per cui i piccoli non dovrebbero possedere un cellulare. Ma non c’è neppure nessun motivo per cui dovrebbero possederne uno. E, quindi, perché comprarglielo? Per arricchire i produttori? Perché chi spende aiuta l’economia, come vuole farci credere una famosa pubblicità? Perché è difficile dire di no? Per non farli sentire esclusi? Ma se nessun genitore comprasse il telefonino al bimbo nessun bimbo si sentirebbe escluso! Semplice come bere un bicchiere d’acqua!

  • Commento inserito da Simona il 29 giugno 2016 alle ore 15:59

    Belle parole e bei consigli. Peccato che dopo aver contattato magoleo x la festa di compleanno di mia figlia e aver concordato con la sua assistente Jessica la partecipazione di tale Mago Matteo, perché Mago Leo non era disponibile nella data che cercavo io, nella data fatidica della festa Mago Matteo non si è presentato, irreperibile con tanto di cell staccato mentre la signorina Jessica, che di fatto era il mio unico contatto e riferimento, ha scaricato la responsabilità sul mago e tanti saluti. Per fortuna la festa è venuta bene lo stesso, ai bimbi abbiamo detto che Mago Matteo aveva fatto la magia di sparire. Mai vista cosi poca serietà e professionalità, la festa avrebbe potuto essere un disastro. Dopodiché niente mail di scuse quantomeno o una telefonata: servizio concordato, mancato, nessuna assunzione di responsabilità o scuse. Pessima esperienza da non ripetere e non consigliare.

  • Commento inserito da silvana il 27 giugno 2016 alle ore 13:58

    io dico di sì ma dalla 3/4 elementare prima è facile in più io gli regalerei un cellulare in 3 elementare senza internet ma con possibilita di chiamare/messagare le amiche

  • Commento inserito da rosy il 24 dicembre 2010 alle ore 19:23

    ma inofert può causare danno alfeto?

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Ultimo-giorno-scuola-regali

Regalo per la promozione: si o no?

E' giusto premiare il bambino con un regalo in caso di promozione e buoni voti o, così facendo, viene trasmesso un messaggio sbagliato? Quello, cioè, che ci si deve impegnare a raggiungere un risultato solo in cambio di una gratificazione materiale? 

continua »
Scuola-giugno

Scuole aperte fino a fine giugno?

Quest'anno, tra ponti ed elezioni amministrative, in moltissimi comuni in Italia tante scuole chiuderanno i primi di giugno. Pe rle famiglie un'ulteriore difficoltà che si aggiunge alla gestione dei figli. E se le scuole chiudessero a fine giugno? Se ne parla in rete.

continua »
Drynites-maggio2016

5 consigli per affrontare il problema dell'enuresi

Con i bambini enuretici, arrabbiarsi, gridare e disperarsi non serve a nulla. Quando il bimbo bagna il letto è fondamentale, invece, armarsi di pazienza, chiedere aiuto a un esperto, utilizzare gli strumenti giusti per alleviare il fastidio e adottare una strategia. Ecco 5 consigli per chi si trova ad affrontare adesso il problema.

continua »
Notte-museo

Notte al museo. Un pigiama party molto speciale

Diverse strutture museali offrono, una volta al mese, la possibilità di organizzare veri e propri pigiama party al loro interno per bambini di età scolare. Un modo divertente di vivere i musei e scoprirne le collezioni.

continua »

Cerca altre strutture

Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network