Automobiliste per forza!

Muoversi utilizzando i mezzi pubblici non è sempre semplice. Un'indagine di Quattroruote ha messo in evidenza quanto sia complicata la vita di una mamma senza auto in una città come Milano.

di Alessia Altavilla

Volere è potere? Non sempre, non per le mamme. Sono tante quelle che vorrebbero poter fare a meno dell’auto e spostarsi con i loro figli a piedi o con i mezzi pubblici, ma non possono.
Lo ha messo in luce il mensile Quattroruote, che per l’inserto dedicato a Milano del numero di novembre, ha trascorso un’intera giornata fianco a fianco ad alcune giovani mamme e ai loro bambini nel vano tentativo di muoversi agevolmente in città con i mezzi pubblici.


Risultato: quando va bene, non basta una giornata di 36 ore!
UNA GIORNATA SENZ’AUTO: LA METROPOLITANA

Lasciata la macchina in garage, la prima alternativa dovrebbe essere la metropolitana.
Peccato che nelle stazioni serva una caccia al tesoro per trovare un ascensore che, laddove esista (assente non giustificato alle fermate Duomo e San Babila) sia funzionante e accessibile ai passeggini (fuori uso a Comasina e Abbiategrasso, operativo solo in salita ad Assago Forum). Una volta raggiunti, non è meno problematico spostarsi tra i binari sotterranei e raggiungere le stazioni ferroviarie connesse.


A tale proposito una menzione particolare su Quattroruote spetta ai collegamenti in superficie della Stazione Centrale dove al centro dei tapis roulant si erge un dissuasore tondo che impedisce il passaggio alla carrozzina. Scale, e non mobili, anche a Lambrate e Garibaldi.


 
UNA GIORNATA SENZ’AUTO: I MEZZI DI SUPERFICIE

Con il tram la vita non è più facile dato che, fatta eccezione per le nuove linee, salirci implica il sollevamento del passeggino, l’inserimento dello stesso tra porta e corrimano centrale e veloce ricerca - tra la ressa - di un appiglio a cui attaccarsi con una sola mano perché l’altra dovrà mantenere in equilibrio lo stesso passeggino. Acrobazie impossibili senza l’aiuto di qualcuno. E il tutto si moltiplica per ogni spostamento: asilo, casa, sport, pediatra.
Quattroruote dà voce alle mamme e se da un lato auspica un maggior supporto del Comune nei confronti del servizio Pedibus - forse una buona alternativa per l’accompagnamento a scuola - dall’altro invoca il loro inserimento tra le categorie che non possono fare a meno della vettura, al pari di artigiani e commercianti.
Se volete vedere il video che racconta le disavventure delle mamme a Milano (ma la situazione non cambia molto nella altre città) cliccate qui.

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

seno_ottobre_17

Io ho scelto di prevenire

Nel mese della prevenzione al seno, abbiamo deciso di pubblicare la storia di una mamma che ci ha scritto e che ci fa capire quanto sia importante prevenire e sottoporsi a controlli regolari.

continua »
Baby-sitter-costi

Quanto costa una baby sitter?

Baby sitter: una necessità per molte famiglie che si trovano costrette a ricorrere a questa soluzione mentre mamma e papà lavorano. Quanto costa, però, una baby sitter in regola? Quali sono i doveri da parte del datore del lavoro e quali da parte della tata? 

continua »
Benefici_mare

La salute vien dal mare

Oltre al divertimento e al relax, una vacanza al mare comporta anche benessere per l'organismo. Ecco tutti i benefici in termini di salute che comporta.  

continua »
Prepare_valigie

La valigia perfetta

Consigli per preparare la valigia perfetta. Portando con sé tutto quello serve, lasciando a casa il superfluo ed evitando pesi eccessi o problemi per chi viaggia in aereo. Ecco come fare.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network