Banca del latte: un aiuto concreto

Due le banche del latte nate grazie ai finanziamenti della Regione Lombardia: una a Milano e l’altra a Varese. Entrambe saranno attive dal mese di maggio.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Approvati dalla Giunta della Regione Lombardia su proposta del presidente Roberto Formigoni e dell’assessore alla Sanità Luciano Bresciani, partiranno a maggio due progetti pilota tesi a dare un aiuto concreto alle neomamme in difficoltà.
Si tratta della creazione di due Banche del Latte Umano donato, una a Milano presso il reparto di Neonatologia del Policlinico-Mangiagalli-Regina Elena e l’altra a Varese presso il reparto di Neonatologia dell’Ospedale del Ponte che riceveranno, per il primo anno di attività, il finanziamento di 850.000€ di fondi regionali.


Le due Banche del latte che, appunto, saranno attive a partire da maggio, garantiranno il servizio di raccolta, selezione, processazione, stoccaggio e distribuzione del latte umano donato cercando di rispondere, in questo modo, alle esigenze di quante necessitano di questo insostituibile alimento per i primi mesi di vita del bambino.

Nulla, infatti, secondo quanto emerge dagli ultimi studi effettuati e dalle campagne promosse da Unicef e Organizzazione Mondiale della Sanità, può sostituire il latte materno in termini di qualità del nutrimento e completezza nutrizionale. Ecco perché una simile proposta comporta un notevole miglioramento delle condizioni di vita del neonato e un deciso contributo al contenimento delle spese per le famiglie. Il latte formulato che viene prescritto alle neomamme impossibilitate ad allattare il loro bimbo, infatti, ha costi, in Italia soprattutto, che non tutti sono in grado di sostenere e che incidono notevolmente sul budget familiare.
Inoltre, avere a disposizione latte materno controllato e gratuito permette di migliorare gli aspetti nutrizionali dei neonati che, per cause diverse, si trovano a dover trascorrere in ospedale, in terapia intensiva, i giorni e le settimane successive al parto, mettendoli al riparo da malattie, più o meno gravi, a breve e lungo termine. Infine, la presenza della Banca del Latte favorisce e promuove l’allattamento al seno innescando un meccanismo di solidarietà e scambio tra chi dona e chi riceve.


Per maggiori informazioni www.regione.lombardia.it.

Per concludere, segnaliamo un’altra iniziativa della Regione Lombardia volta a migliorare le condizioni delle famiglie e delle neomamme che consiste nell’offerta di servizi innovativi di assistenza sanitaria, psicologica e finanziaria dalla gravidanza fino al compimento di un anno del bambino, per un totale di 18 mesi.
Si chiama Fare rete e dare tutela e sostegno alla maternità e si svolge nell’ambito della Legge regionale 23/1999 per la famiglia. Vede coinvolti, per la sua attuazione, diversi organi, enti e associazioni ed è finalizzato a migliorare le condizioni psicofisiche ed economiche della gestante prima e della neomamma poi.

Per saperne di più di questa iniziativa www.regione.lombardia.it.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network