Parto prematuro: il mondo si tinge di viola!

In occasione della Giornata Mondiale della prematurità l'OMS richiama l'attenzione sul fenomeno in continuo aumento della nascita prematura.

Articoli Correlati

di

Sabato 17 novembre è stata la Giornata Mondiale della prematurità e moltissimi paesi hanno voluto onorare i 15 milioni di bambini prematuri che nascono ogni anno  nel mondo illuminando di viola i monumenti simbolo di ogni città. 
 




Con parto prematuro si intende il parto prima della 37ª settimana di gestazione.  Secondo l’Organizzazione Mondiale della  Sanità possiamo distinguere tre gradi di prematurità:

  • prematurità leggera per i nati dalla 32ma alla 37ma settimana (circa 85%)
  • prematurità media dalla 28ma alla 32ma settimana (circa 10%)
  • prematurità grave per i nati prima delle 28 settimane (circa 5%)
    Fonte www.perprimi.it

    CAUSE E SINTOMI

    L’aumento della prematurità sembra sia legato a vari fattori: ipertensione, diabete, infezioni, anomalie anatomiche dell’utero, gemellarità, gravidanze indotte, età della madre (sotto i 20 o sopra i 38 anni), stress, alimentazione scorretta, alcolismo, tabagismo, uso di droghe
    I segnali d'allarme del travaglio prematuro sono:
    • perdite di liquido o di sangue dalla vagina
    • contrazioni ogni 10 minuti o meno
    • pressione pelvica ( sensazione che il bambino stia spingendo per uscire )
    • mal di schiena concentrato nella zona lombare
    • forti crampi addominali, simili a quelli mestruali
    • diarrea
    Nel caso si avvertisse uno o più sintomi chiamare immediatamente il medio e/o andare in ospedale. Sarà d’obbligo in ogni caso interrompere qualsiasi attività, sdraiarsi per almeno un’ora  e bere molta acqua.

     
    PREVENZIONE

     

    L’unica prevenzione sembra sia ascoltare il proprio corpo e i segnali che ci manda. Fare controlli regolari dal ginecologo per controllare il buon andamento della gravidanza ed eliminare le cause eliminabili. Quindi assumere uno stile di vita sano, eliminare il fumo, eliminare le fonti di stress cercando di vivere i nove mesi in modo tranquillo e sereno prendendosi momenti di tranquillità anche quando non se ne sente il bisogno.

    CURA, ASSISTENZA E POSSIBILI COMPLICAZIONI

    Il parto pretermine non comporta particolari rischi per la mamma mentre può essere a rischio per il feto soprattutto in relazione alla sua settimana di gestazione. Il bimbo nato prima della 37ma settimana viene tenuto in incubatrice a circa 37° C, temperatura che tenta di emulare quella nella quale ha vissuto nella pancia della mamma. Inoltre viene costantemente monitorato per tenere sotto controllo l’ossigeno e la frequenza cardiaca. Il neonato uscirà dall’incubatrice  al raggiungimento di un certo peso indicato dal neonatologo come traguardo per la sua indipendenza fisica.
    Qualsiasi problematica di un neonato prematuro viene trattata nell’unità di terapia intensiva neonatale (TIN): si tratta di una divisione speciale dell'ospedale con ostetriche esperte e pediatri che si prendono cura del tuo bambino.

    Fonte e dati www.perprimi.it


Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network