Contro la glorificazione del parto naturale

Dopo anni a glorificare il parto naturale e a criticare le donne che scelgono il cesareo non per motivi medici, uno studio svedese si eleva a difesa del cesareo e della scelta libera e priva da condizionamenti della futura mamma.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Parto naturale vs parto cesareo. Un'annosa questione che negli ultimi anni sembrava essersi risolta ovunque a favore del parto naturale.
Non solo perché quest'ultimo rappresenta (o rappresenterebbe) la 'naturale' predisposizione della donna a mettere al mondo un bambino, ma anche perché da tutte le parti si sottolineano i rischi che un parto cesareo (di fatto un'operazione chirurgica a tutti gli effetti) potrebbe comportare.


Uno studio pubblicato sulla rivista di divulgazione scientifica New Scientist scritto da Claire Wilson sembrerebbe ribaltare queste posizioni.
I motivi sono molteplici:
  • Sebbene nessuno neghi i rischi legati a un intervento chirurgico (il parto cesareo), anche il parto naturale presenta le sue conseguenza sulla salute delle donne. A questo proposito la Wilson cita alcuni dati: circa il 40% delle donna che hanno partorito in modo naturale soffrono di incontinenza, contro il 29% di quelle che si sono sottoposte a un taglio cesareo. A questo si potrebbe ovviare consigliando la donna di prendere parte ad alcune sessioni di ginnastica perineale, cosa che, però, quasi mai viene fatta.
  • La decisione ultima di stabilire come partorire dovrebbe spettare alla donna informata di tutti i rischi e le controindicazioni cui potrebbe andare incontro optando per l'una o l'altra possibilità. 

    A questo proposito, interessante il caso della donna (citato nell'articolo) che ha chiesto e ottenuto dal Tribunale inglese i danni a scapito del medico responsabile che l'ha assistita durante il parto naturale. In quell'occasione, infatti, il bambino, incastrato nel bacino della mamma, ha subito gravi danni cerebrali che, a detta del tribunale, si sarebbero potuti evitare informando la donna della possibilità di sottoporsi a un taglio cesareo o, comunque, avvisandola di quelli che potevano essere le conseguenze di un parto naturale.


Nell'articolo, inoltre, la Wilson spiega anche che moltissime ostetriche optano, quando sono le dirette interessate, per il parto cesareo con una percentuale pari al 50% negli Stati Uniti e al 31% in Gran Bretagna.
Il dato è interessante e fa riflettere.
Così come fa riflettere il tentativo della Wilson di ridare alla donna la possibilità di scegliere della sua vita e di quella del figlio che porta in grembo, secondo il principio della libera scelta da non condannare, boicottare e ostacolare. 

 

  • Commento inserito da Eleonora il 12 agosto 2016 alle ore 21:51

    Sono d'accordo!!! La scelta dovrebbe essere della donna. Io ho avuto un cesareo d'urgenza ed onestamente sono contenta cosi.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network