Dalla coppia alla famiglia: la ricerca di un nuovo equilibrio

Come cambiano le relazioni di coppia quando in famiglia arriva un bambino. Come il bambino vero differisce da quello immaginato durante il parto e come mamma e papà, insieme, devono imparare a rapportarcisi.

Articoli Correlati

di Associazione Pollicino

La nascita di un figlio implica necessariamente dei cambiamenti e delle novità all’interno della coppia e rappresenta uno dei traguardi fondamentali del progetto genitoriale.
La gravidanza è un periodo di attesa che viene vissuto diversamente da ogni madre, in primis, e anche da ogni padre. I desideri e l’immaginazione genitoriali si trasformano in rappresentazioni riguardo il proprio bambino e il proprio futuro di genitore; le fantasie, i desideri e i sogni che nascono all’interno della coppia esprimono sia le speranze sia i timori sul proprio bambino e sul futuro che li attende. È un processo prezioso e necessario alla costruzione del proprio ruolo e della propria identità di madre e di padre.



Il momento della venuta al mondo del piccolo configura, quindi, una rottura: la nascita del bambino reale si scontra in qualche modo con le rappresentazioni e le aspettative materne e paterne. La realtà si impone pian piano nell’immaginazione ed è necessario far spazio, nella mente di mamma e papà, alla relazione reale con il nuovo arrivato. In altre parole, il nascituro si presenta con caratteristiche che spesso possono essere molto diverse da quelle immaginate e fantasticate dalla madre.
È quindi necessaria, dopo la nascita, l’integrazione tra il bambino ‘immaginato’ e quello reale che, disattendendo alcune aspettative e proiezioni della coppia, si presenta ai genitori non solo come figlio ma come ‘nuova persona’.

Si configura così una nuova costellazione familiare composta da un neonato, una neomamma e un neopapà. Tutti i membri sono in qualche modo neofiti e dovranno quindi fare i conti con nuovi equilibri, nuove dinamiche, nuove relazioni e anche nuovi impegni.
Essere genitore non è scontato, né immediato, ma rappresenta una conquista lenta che si ottiene anche grazie al proprio bambino.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network