Parto indolore: il protossido

Si affinano le tecniche analgesiche per rendere meno doloroso e traumatico il momento del travaglio e del parto. La rivoluzione in questo senso si chiama protossido.

di Alessia Altavilla

Si affinano le tecniche analgesiche per rendere meno doloroso e traumatico il momento del travaglio e del parto. La rivoluzione in questo senso si chiama protossido. Se l'epidurale ha rappresentato per anni la rivoluzione assoluta in fatto di tecniche analgesiche per ridurre i dolori del travaglio e del parto, la novità assoluta in questo senso, purtroppo ancora poco utilizzata e praticata nei reparti maternità degli ospedali italiani, si chiama protossido d'azoto meglio conosciuto come gas esilarante.
 


PROTOSSIDO D'AZOTO: IL GAS CHE ANESTETIZZA

Il protossido d'azoto, propriamente chiamato ossido d'azoto, è un gas incolore e dall'odore dolciastro in grado di produrre una depressione del sistema nervoso centrale con effetti, appunto, anestetizzanti.
Conosciuto sin dall'antichità, è stato utilizzato in campo medico soprattutto negli studi odontoiatrici e nei reparti di pediatria, mentre, per lo meno in Italia, poco noto è il suo utilizzo nelle sale parto e durante il travaglio.
Numerosi, invece, sarebbero i vantaggi dal momento che il protossido d'azoto è di facile somministrazioni, non presenta controindicazioni nè per la futura mamma nè per il bambino, può essere autosomministrato dalla partoriente stessa senza l'ausilio dell'anestesista e ha, una volta installata l'apparecchiatura necessaria, costi limitati anche per la struttura ospedaliera.



 
COME FUNZIONA

Il funzionamento è semplicissimo: dopo una semplice spiegazione che può essere impartita dalle stesse ostetriche, la pazienta può somministrarsi l'anestetico semplicemente indossando una mascherina e aprendo l'erogatore del gas (un po' come fanno i sub con l'ossigeno, per intenderci).
Il protossido va respirato pochi secondi prima dell'arrivo della contrazione e ha un effetto immediato nel portare sollievo alla donna, che è perfettamente vigile e cosciente di ciò che le sta accadendo, durante il travaglio.
Non esistono effetti collaterali e, a differenza dell'epidurale, non richiede esami che attestino lo stato di salute della donna (ricordiamo che la peridurale non può essere somministrata qualora risultino alterati i valori delle piastrine, del fibrinogeno e gli indici di fluidità del sangue - PT e PTT -, cosa che spesso, invece, si verifica in gravidanza senza che questa debba necessariamente essere rapportato a una vera e propria patologia).

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network