Parto indotto

Quando viene indotto il parto? Come avviene l'induzione al parto? Quali sono le differenze tra un travaglio naturale e un travaglio indotto? Quali sono i metodi utilizzati? 

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Due i casi principali per cui si decide di ricorrere a un'iduzione di parto:

  • quando si sono superate le due settimane dopo la data presunta di parto;
  • quando sono a rischio le condizioni di salute della mamma o del bambino

     

In assenza di particolari problemi, per esempio quando, appunto, si è superata la data presunta della nascita del bambino, il parto viene inizialmente 'indotto' in modo manuale, attraverso un'azione effettuata dalle ostetriche che prevede una stimolazione della membrana uterina che provoca un aumento naturale di un ormone chiamato prostaglandina.
In assenza di risultati, si passa all'inserimento tramite siringa di un gel di prostaglandine sintetiche in fondo alla vagina.
L'operazione, che può essere eseguita per un massimo di 4 volte a distanza di sei ore, produce generalmente risultati dopo il secondo o il terzo inserimento.



L'OSSITOCINA: L'ORMONE DEL PARTO
L'ossitocina è considerato l'ormone del parto e ha la funzione di stimolare la contrazione delle membrane lisce dell'utero dando avvio al travaglio. Altro fondamentale ruolo è quella di stimolo delle cellule dei dotti lattiferi delle mammelle. In tal modo l'ossitocina provoca una contrazione delle cellule muscolari e l'escrezione del latte.
Se la somministrazione di gel di prostaglandine non dà alcun effetto, si passa alla somministrazione di una flebo di ossitocina in infusione continua, con un dosaggio che varia da donna a donna a seconda della risposta dell'organismo.
Si tratta di un procedimento del tutto innocuo per il bambino ma molto doloroso per la donna alla quale, normalmente, viene anche praticata l'epidurale per alleviare il dolore provocato dall'induzione.
La differenza, infatti, rispetto a un travaglio naturale è che in questo caso le contrazioni iniziano sin da subito in modo molto doloroso e sono piuttosto ravvicinate tra loro. Non si assiste, quindi, a una fase crescente del travaglio.

Un ciclo di ossitocina, normalmente, è sufficiente per dare avvio al travaglio. Se, però, così non fosse, i casi sono due:
o tentare con un secondo ciclo. Oppure optare per un parto cesareo.

Se volete sapere come evolve la vostra gravidanza settimana per settimana, consultate lo speciale Gravidanza settimana per settimana pubblicata sul nostro sito.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network