Perdite nel primo trimestre

Per quanto possano allarmare la futura mamma, nel primo trimestre non sono infrequenti episodi di perdite e sanguinamenti. Quando preoccuparsi e quando no.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Va subito detto che, per quanto causa di paura e ansia, le perdite ematiche non sono così infrequenti nelle prime 12 settimane di gravidanza e i sanguinamenti vaginali, in tempi precoci, non sono necessariamente segno di problemi in corso o possibili complicazioni.
QUANDO LE PERDITE NON RAPPRESENTANO UN PROBLEMA

  • I primi episodi di sanguinamento in gravidanza si potrebbero verificare già dopo una settimana dal concepimento (e, quindi, dal rapporto sessuale) quando l'embrione si impianta nella parete uterina. Sono le cosiddette perdite da impianto. Non sempre si verificano e hanno una durata, generalmente, più breve rispetto al comune ciclo mestruale. In alcuni casi, infatti, possono protrarsi per un paio di ore nell'arco della giornata, in altri per qualche giorno. Di solito, si tratta di piccole perdite non molto abbondanti, di colore rosso scuro o marrone. Se, però, la gravidanza non è stata cercata, potrebbero effettivamente essere scambiate per mestruazioni anticipate.
  • Sebbene l'amenorrea sia il principale segnale di gravidanza, alcune donne (circa il 7% del totale), possono essere soggette a una sorta di falso ciclo che compare, talvolta anche in modo ritmico, in concomitanza dei giorni in cui avrebbe dovuto presentarsi la mestruazioni. Naturalmente, non si tratta affatto di un ciclo vero e proprio e il sanguinamento ha, di solito, caratteristiche leggermente diverse da quello classico: le perdite, di solito non accompagnate da caratteristici sintomi mestruali, sono meno abbondanti, spesso di colore marrone o, comunque, scuro e hanno una durata minore.

    Queste false mestruazioni, normalmente, non si protraggono oltre la sedicesima settimana e non costituiscono un problema per il normale proseguimento della gestazione.
  • Perdite ematiche si possono verificare anche in seguito a rapporti sessuali a causa dalla rottura di piccoli vasi sanguigni nel collo dell'utero. Sebbene il sesso non sia vietato nei nove mesi, è bene sapere che spesso provoca micro contrazioni dell'utero e andrebbe evitato nelle prime settimane e, comunque, quando ci sono problemi e la futura mamma non sta bene. QUANDO LE PERDITE SONO SEGNALE DI UN PROBLEMA

    Perdite rosse e abbondanti nelle prime settimane di gestazione possono essere segnale di problemi e non andrebbero assolutamente trascurate, soprattutto se appaiono improvvise e sono accompagnate da dolori al basso ventre, crampi, mal di schiena.
    In presenza di sangue rosso vivo, più o meno copioso, la futura mamma dovrebbe immediatamente rivolgersi a pronto soccorso e sottoporsi a una visita ecografica per escludere eventuali problemi all'embrione ed, eventualmente, far rientrare il problema.
    Spesso, infatti, il sanguinamento è segnale di distaccamento del trofoblasto, una sorta di rudimentale placenta che ha lo scopo di nutrire l'embrione. Si tratta di una patologia abbastanza diffusa nei primi mesi che nel 90% dei casi si risolve senza problemi sia per l'embrione sia per la mamma. Va, però, presa in tempo e curata attraverso il riposo assoluto ed, eventualmente, una terapia farmacologica a base di progesteroni (in ovuli o punture) e magnesio per ridurre le contrazioni.


  • Commento inserito da Antonella il 7 dicembre 2014 alle ore 22:28

    Io sono a poche settimane e ho delle perdite tipo acqua cosa vuol dire?

  • Commento inserito da mari il 15 agosto 2014 alle ore 07:41

    Io ho avuto un pochino di muco rosa chiaro chiarissimo cosa faccio

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cadere-gravidanza

Come evitare cadute in gravidanza

Il cambiamento del baricentro, il peso della pancia che sbilancia in avanti la futura mamma, la difficoltà ad adattarsi a una nuova fisionomia, possono aumentare il rischio di cadute. Che in gravidanza, però, sarebbero da evitare. Ecco alcuni consigli.

continua »
5-modi-sentirs-postpartum

5 modi per sentirsi in forma dopo il parto

Se durante la gravidanza pancia e chili di troppo sono ben visti dalle future mamme che li associano al bimbo e alla sua presenza nell'utero, dopo il parto una delle cose più difficili da sopportare per molte donne è proprio la pancetta e le forme arrotondate. Ecco 5 modi per sentirsi a proprio agio anche nei primi mesi di maternità. 

continua »
Gravidanza-al-mare

Al mare col pancione

Manca pochissimo alle tanto attese vacanze e finalmente si parte. Le località marine sono senza dubbio quelle più indicate per le future mamme in dolce attesa che possono godere di tutti i benefici del mare e del sole, sfruttando la vacanza per immagazzinare forze ed energia.

continua »
Diastasi-addominale

Diastasi addominale: patologia post parto non riconosciuta

La diastasi addominale è una vera e propria patologia spesso non riconosciuta dalle neomamme e sicuramente non ritenuta tale dal Ministero che può subentrare dopo il parto con evidenti problemi estetici e di salute.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network