Ondata di freddo: come difendersi

Le indicazioni del Ministero della Salute per difendersi dall'ondata di freddo che ha colpito l'Italia in questi giorni. Come affrontarlo. Quali i rischi.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Un’ondata di freddo eccessivo come quella abbattutasi sul nostro Paese nei giorni scorsi può essere pericolosa per la salute in particolare quando si tratta di persone anziane e bambini molto piccoli. Nello specifico, le principali patologie acute da freddo sono rappresentate da geloni, congelamento, ipotermia. Inoltre, possono aggravarsi patologie croniche quali, per esempio, cardiopatie e broncopatie croniche.
A questo proposito, per evitare rischi per la salute, ecco le indicazioni del Ministero della Salute per combattere freddo e gelo, all’aperto e in casa.


IN CASA

 


  • Regolate la temperatura degli ambienti interni su valori adeguati facendo in modo che l’aria non diventi troppo secca (soprattutto in presenza di persone che soffrono di problemi respiratori o asma), umidificandola con gli appositi contenitori d’acqua da appendere al calorifero (a questo proposito può essere indicato anche uno straccio bagnato appoggiato sul calorifero).
     
  • Evitate le dispersioni di calore controllando che da porte e finestre non entrino spifferi. In questo modo riuscirete non solo a isolare termicamente la stanza, ma risparmierete anche sul consumo del gas.
    La temperatura ideale negli ambienti chiusi
    Nella stagione invernale indossando l’abbigliamento idoneo e in condizione di sedentarietà i valori della temperatura interna dovrebbero essere compresi tra questi parametri:
     
  • Temperatura: tra 19 e 22°
  • Umidità relativa: 40-50%
  • Velocità dell’aria: 0,10-0,15 m/s
    Per evitare incidenti domestici dovuti a cattiva manutenzione della caldaia
     
  • Se ancora non lo avete fatto, controllate lo stato dell’impianto di riscaldamento, sia elettrico che a gas
  • In caso di riscaldamento a combustione (camini, stufe…) controllatene il corretto funzionamento rivolgendovi a personale specializzato che vi rilasci una certificazione di idoneità
  • Se utilizzate un camino a legna, controllate lo stato della canna fumaria e areate il locale di tanto in tanto dopo l’utilizzo

     

    FUORI CASA

     

  • Se la temperatura esterna è eccessivamente rigida, evitate di uscire nelle ore più fredde della giornata (la sera e la mattina molto presto).
  • Per le passeggiate all’aria aperta abbiate cura di indossare l’abbigliamento corretto, ricordandovi di non uscire mai senza sciarpa, cappello e guanti e utilizzando indumenti in grado di non far passare l’aria fredda. Il vento, infatti, può essere più fastidioso e pericoloso del freddo stesso e non sempre i cappotti in lana o panno sono adatti a questo scopo.

     

    L’ALIMENTAZIONE

    Un’alimentazione corretta durante la stagione fredda può essere un vero e proprio toccasana per la salute. Sì, quindi, al consumo di pasti e bevande calde nell’arco di tutta la giornata (perfetti brodi, tisane, tè… che favoriscono anche il corretto introito di alimenti liquidi).
    Sì al consumo di frutta e verdura di stagione che contengono i sali minerali e le vitamine necessarie all’organismo per contrastare il freddo (spremute d’arancia, cibi che contengono carotenoidi quali carote, zucche, patate, spinaci, cavolfiore, broccoli, cibi ricchi di vitamina E quali mandorle, nocciole, olio extra vergine d’oliva).
    Consigliabile il consumo di alimenti quali pasta con verdure o pasta con legumi che forniscono, in un solo piatto, energia e fibre.
    Da evitare, invece, il consumo eccessivo di alcolici che possono causare un’eccessiva dispersione del calore corporeo favorendo l’insorgere di ipotermia.


  • Commento inserito da barbara il 15 dicembre 2008 alle ore 13:42

    i consigli sono buoni ma spesso i bambini piccoli si ammalano anche perche'hanno difese immunitarie piu'basse e se vanno al nido e'tutto un'altro discorso perche'le influenze sono sempre in agguato,buon natale a tutti.

  • Commento inserito da gianna il 14 dicembre 2008 alle ore 11:16

    il problema e'che non sempre si riesce a far mangiare ai bimbi soprattutto la verdura

  • Commento inserito da KATIA il 11 dicembre 2008 alle ore 22:48

    CIAO PAOLA HAI PROPRIO RAGIONE

  • Commento inserito da paola il 11 dicembre 2008 alle ore 14:43

    ottimi consigli, il problema che i bambini non sempre hanno difese immunitarie per affrontare bene questi sbalzi di temperatura ciao

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network