A proposito di uova

Protagoniste della Pasqua, le uova sono un alimento basilare nell'alimentazione del bambino. Le nuove linee guida dell'OMS, tra l'altro, ne prevedono un inserimento precoce già a partire dagli 8 mesi. 

di Alessia Altavilla

L’uovo riveste un ruolo fondamentale nella piramide alimentare proprio per il suo alto valore nutritivo: poche calorie, un’elevata presenza di proteine (tanto da essere preso come unità di misura per tutte le altre “proteine animali”), una giusta quantità di grassi e una buona dose di vitamine e sali minerali.
Nonostante questo, l’uovo è purtroppo spesso oggetto di innumerevoli critiche e ingiustificati pregiudizi che lo relegano a un ruolo di secondo piano e addirittura lo fanno scomparire dalla tavola delle famiglie.


In particolare per quanto riguarda l’alimentazione dei bambini, non sono pochi coloro che lo ritengono responsabile dell’insorgere di allergie e intolleranze (e anche in materia vige sovrana la disinformazione) o la causa di problemi intestinali e inspiegabili “mal di pancia”.
Ecco perché è importante, a proposito di uova, dare qualche indicazione generale e sfatare qualche “mito” assolutamente privo di fondamento.
L’uovo ai bimbi piccolissimi…

L’uovo ha proprietà nutritive diverse a seconda che si tratti di tuorlo o di albume. Il primo, infatti, è molto ricco di grassi minerali e vitamine; il secondo (il cosiddetto “bianco d’uovo”) è privo di grassi ma contiene numerose proteine nobili. E sono proprio queste ultime che, se date troppo presto al bambino, possono scatenare fenomeni di intolleranza e allergia. È bene, dunque, che il piccolo assaggi l’uovo, nelle sue due componenti, in momenti diversi della sua vita: il tuorlo, a piccole dosi da aggiungere alla solita pappa, già a partire dall’8° mese; l’albume, non prima dell’anno quando il suo apparato gastrointestinale è meno vulnerabile e in grado di assimilarne le sostanze nutritive senza problemi. Da sapere anche, e questo vale sia per grandi che per piccini, che il colesterolo tanto demonizzato, si trova nel tuorlo, mentre l’albume ne è privo. Per quanto concerne la preparazione, per i bimbi così piccoli l’uovo alla coque è sicuramente il più digeribile.


 
Uova sempre freschissime…

Per evitare problemi di qualunque tipo all’apparato digestivo, è bene che le uova siano sempre freschissime. Per legge, su ciascun guscio deve essere indicata la data entro cui è preferibile consumare le uova (di solito 28 giorni dopo la data di deposizione delle stesse). In attesa di consumo, vanno conservate in frigorifero possibilmente nel loro contenitore di imballaggio poiché i vani nello sportello del frigo sono difficili da pulire e potrebbero diventare ricettacolo per virus e batteri. Inoltre, per capire se un uovo è fresco oppure no, è possibile ricorrere a metodi, diciamo così “empirici”:
 

  • il guscio deve essere opaco
  • Scuotendo leggermente l’uovo, non si deve avvertire alcun movimento al suo interno
  • Una volta rotte le uova nel piatto, il tuorlo deve avere un aspetto tondeggiante e non deve spaccarsi.
  • Il colore del tuorlo non è indice di freschezza: il fatto, infatti, che sia più o meno rosso dipende dalla presenza di coloranti nel mangime dato alle galline.

     
    Parlando di cottura

    Il metodo di cottura migliore è alla coque (l’albume, ben cotto, è più digeribile; il tuorlo è fluido e mantiene tutte le sue proprietà nutritive). Per chi ama le uova al tegamino (di solito le preferite dai bimbi) è importante non friggere con troppi grassi che andrebbero ad aggiungersi in quelli già presenti nel tuorlo. L’uovo crudo, invece, che una volta era considerato un vero toccasana per l’alimentazione dei più piccoli, oltre a poter diventare un veicolo privilegiato per la salmonellosi, è poco digeribile.

     
    In caso di allergie…

    Se il bimbo è intollerante alle uova, cercate di limitare se non di eliminare del tutto dalla sua dieta, creme, maionese, salse, biscotti e pasta all’uovo, polpettoni e polpette e tutto ciò che nell’impasto richiede la presenza dell’uovo.

     


  • Commento inserito da Milena il 14 luglio 2016 alle ore 13:22

    Buongiorno volevo porre un quesito in merito all'inserimento dell'uovo nell'alimentazione di un bambino....

    Io ho un bimbo di 17 mesi,a cui provai a dare l'uovo intorno al 10 mese,che però gli diede qlke piccolo fastidio(feci morbide,pelle arrossata in viso),insieme con la pediatra decidemmo quindi di riproporlo più avanti senza fretta!

    Ora mio figlio ha 17 mesi....suppongo sia il caso di iniziare,sapreste darmi qualche consiglio su come farlo?

    (La pastina all'uovo l'ho gia iniziata senza particolari fastidi) grazie.Milena

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network