Cibo e amore

Il primo incontro del bambino con il cibo/ latte rappresenta l’incontro con l’amore; l’altro, prendendosi cura del neonato e soddisfacendo un suo bisogno fisiologico, offre il proprio amore unico e irripetibile.

Articoli Correlati

di Associazione Pollicino

Il cibo e la dimensione affettiva si intersecano fin da subito: l’atto nutritivo costituisce un veicolo non solo di sostanze proteiche ma di messaggi che riguardano la dimensione relazionale.
L’atto nutritivo non implica solo la dimensione fisiologica: la poppata del piccolo e la pappa non costituiscono solo “cibo per la pancia”, ma anche “cibo per il cuore”. Il “cibo per il cuore” accompagnato dalle sensazioni tattili, dagli odori, dall’abbraccio materno, dallo sguardo e dalle parole della mamma nutrono il cuore del neonato e rappresentano una risposta alla domanda d’amore e al desiderio del bambino di “essere desiderato”.



Il bambino che ha fame attende la risposta sollecita della madre a questo suo bisogno, ma soprattutto il segno, nell’offerta del cibo, del suo amore. Il segno dell’amore è la risposta più complicata da fornire. Ad esempio, ci sono bambini che durante l’allattamento, una volta sazi, non si staccano dal seno: un bisogno si è saturato (il bambino ha la pancia piena) ma il desiderio è vuoto. Il bambino rimane attaccato al seno come se dicesse “dammi qualcosa d’altro oltre al cibo”, “dammi la tua presenza”. Ciò che in quell'attesa silenziosamente domanda il lattante è: “resta presente, non è importante che tu risponda al mio bisogno ma è importante per me sentirti presente”.

Attraverso la bocca, il bambino conosce il mondo e i suoi oggetti: mangiando o rifiutando il cibo singifica anche avere la possibilità di accettare o rifiutare qualcosa che proviene dall’altro e dall’esterno.
Rifiutandosi di mangiare il bambino vuole che l’altro lo consideri e lo riconosca come un soggetto e non solo un oggetto da accudire nei bisogni e nelle cure. Fin dall’inizio, dunque, l’intrecciarsi della dimensione affettiva con la funzione alimentare attraversa la relazione del piccolo prima con la propria madre, poi con l’ambiente familiare.
Questi sono i motivi per i quali il cibo e il comportamento alimentare possono veicolare dinamiche complesse, i cui riflessi possono avere delle conseguenze sia all’interno delle relazioni familiari, che nel rapporto stesso del piccolo con il cibo. Il momento del pasto non implica solo dunque un “riempimento della pancia “, bensì racchiude uno scambio relazionale. Offrire e ricevere cibo rappresenta la possibilità di riconoscere e accettare il legame che si stabilisce tra due persone: l’atto del cibarsi diviene dunque un atto sociale mediate il quale si può riconoscere o negare l’altro.

Il comportamento alimentare diventa dunque , molto presto, veicolo di messaggi: la connessione “ cibo- affetto- messaggio” fa’ sì che il piccolo possa manifestare il proprio malessere attraverso il suo comportamento alimentare. Al posto del pianto e della parola, il bambino utilizza il rifiuto del cibo o la voracità per esprimere le proprie emozioni, i propri dubbi e le proprie fatiche. Il comportamento alimentare rappresenta una modalità che il bambino utilizza per esprimere il proprio disagio , a cui è importante prestare attenzione e ascolto. Il comportamento alimentare dei bambini dunque non è solo qualcosa da educare ma, essendo strumento di comunicazione del bambino con il mondo, è importante che venga accolto, interrogato e compreso.

Per maggiori informazioni:
Associazione Pollicino e Centro Crisi Genitori Onlus
Via Amedeo d'Aosta 6 - Milano
info@pollicinoonlus.it
www.pollicinoonlus.it
Numero Verde: 800.644.622

 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Scatola-Baci

La scatola dei baci

Un'idea molto originale, ispirata a un libro, per aiutare i bimbi ad affrontare il distacco da mamma e papà: una scatola piena di baci da tirare fuori quando la mancanza dei genitori diventa insostenibile.

continua »
SAM2017

SAM - Settimana Mondiale Allattamento al seno

Si celebra dall'1 al 7 ottobre la Settimana Mondiale dell'Allattamento Materno (SAM), voluta per promuovere la cultra dell'allattamento al seno come forma esclusiva di alimentazione almeno fino a 6 mesi e per sensibilizzare l'opinione pubblica sull'argomento.

continua »
Genitorialita

Genitori: che fare?

Cosa significa essere genitori oggi? A cosa servono gli incontri di Terapia Familiare e perché può essere utile che una coppia decida di prendere parte a sessioni di training alla genitorialità? Ce ne parla la dottoressa Cristina Savatteri.

continua »
Paura-neonati

Di cosa hanno paura i neonati?

Dalla paura degli estranei e dell'abbandono a quella per i rumori forti, 3 paure molto comuni tra i neonati e i consigli per aiutarli a superarle.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network