Mondo food: Non aprite quella pappa!

Il libro Non aprite quella pappa cerca di fare chiarezza sul baby food e sulle operazioni di marketing legate al cibo per l'infanzia. In un quadro in cui la comunicazione su questo tipo di prodotti è spesso ingannevole.

di Alessia Altavilla

I Piccolini Barilla e le barrette di cioccolato Mars.
Due storie diverse, sicuramente non da scoop dell'ultima ora, che fanno, però, riflettere.


Non tanto sulla qualità del cibo che mangiamo e che mangiano i nostri figli, ma su come spesso il food marketing possa ingannare il conumatore, negargli l'evidenza, raccontandogliela.
Analizziamo i due casi.

La storia delle barrette Mars, in sé, non nasconde nessuna volontà di dolo, dichiarato o celato.
Il colosso USA, leader dei dolciumi, ritira da 55 Paesi compresa l'Italia, tutte le barrette Snickers, Mars, MilkyWay Minis e le scatole di dolciumi misti Celebrations dopo che un consumatore tedesco ha trovato in una barretta un pezzetto di plastica.
L'azienda ha immediatamente allertato tutti gli stabilimenti ed è risultato chiaro che la partita incriminata era stata prodotta nello stabilimento di Veghel, in Olanda, proveniente, probabilmente, da una copertura protettiva su un macchinario di fabbricazione.
Nessuno scandalo. Nessun dolo. E, alla fine, nonostante la pericolosità dell'accaduto in sé (nelle mani di un bimbo, il pezzetto di plastica avrebbe potuto diventare potenzialmente mortale), tutto rientrato velocemente.
La conclusione: cose che possono succedere.

Diversa la storia dei Piccolini Barilla, per altro non recente. 
In questo caso il problema non è una partita incriminata; ma nella polemica relativa al marketing del prodotto stesso. La pasta in questione, infatti, sembrerebbe essere indirizzata ai bambini più piccoli, i piccolini appunto. Con un prodotto ad hoc studiato appositamente per loro.
Sulle confezioni, naturalmente, è specificato che non è adatta sotto ai 3 anni. Rimane, però, l'inganno comunicativo portato avanti più o meno consapevolmente e per lungo tempo (le prime segnalazioni in merito risalgono a 3/4 anni fa).
Cosa non va nei Piccolini Barilla? La risposta è chiara, semplice: l'elevato contenuto di residui di antiparassitari e di micotossine non compatibili con gli stringenti requisiti dettati dalla normativa sugli alimenti per l’infanzia (0-3 anni).
L'azienda dichiara che il prodotto non è destinato a quella fascia di età e la questione, come è giusto che sia, finisce lì.

Eppure non è così. 
Non lo è in termini generali. I prodotti per la prima infanzia rappresentano una fascia di mercato enorme per le aziende. Il baby food è un business da milioni di euro in tutto il mondo.
Ma esattamente in cosa consiste? Ed esiste davvero un baby food? 
Il libro Non aprite quella pappa di Laura Bruzzaniti (Altreconomia, 2016) affronta questo argomento.
Il sottotitolo - Manueale di autodifesa per genitori e bimbi - la dice lunga su quelli che sono gli intenti.
L'idea è quella di mettere in guardia, senza pregiudizio alcuno, i genitori sul tema dell'alimentazione destinata all'infanzia, fornendo anche istruzioni per leggere le etichette e capire cosa si nasconde in ogni prodotto destinato ai bebè.
 

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Cibi-anti-stress

Lo stress si combatte a tavola

Se le vacanze sono già un ricordo lontano e la sveglia al mattino, gli impegni lavorativi, la gestione familiare.... aumentano il livello di stress giornaliero, provate a ritrovare tranquillità e pace inserendo questi alimenti nella vostra dieta.

continua »
Snack_time

La merenda per la scuola

Frutta, un pacchetto di biscotti secchi o crackers salati, una fetta di torta… Cosa proporre ai bimbi per l’intervallo a scuola che fornisca loro nutrimento ed energia senza, però, appesantirli e 'riempirli' con calorie inutili.

continua »
Cortilia-verdure

5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini

Il mio bambino non mangia le verdure! Quante voltte abbiamo detto o sentito questa frase?  Dai piatti che sprizzano creatività ai centrifugati, dai giochi in cucina alle micro porzioni. Ecco 5 trucchi per far mangiare le verdure ai bambini, divertendoli e coinvolgendoli.

continua »
Latte_vegetale

Latte vegetale: le alternative al latte vaccino

Di riso, di soya, di mandorle… Il latte vegetale, consumato da vegani e vegetariani, può diventare un’ottima alternativa al latte vaccino anche per chi vegano e vegetariano non lo è. Particolarmente indicato in caso di intolleranza al lattosio o in presenza di virus gastrointestinali quando latte e latticini andrebbero evitati.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network