10 cose che una mamma non farà mai in spiaggia

Non è facile la vita di una mamma sulla spiaggia. Tutto ciò che per le altre donne è la normalità, per la mamma è l'eccezione, il dono, ciò a cui ambire. Tutto quello che prima era routine diventa utopia. Ecco 10 cose che una mamma non riuscirà più a fare fino a quando i bimbi sono piccoli e non autonomi. 

di Manuela Magri

Bagni di sole. Bagni rigeneranti nell'acqua fresca. Lunghe nuotate solitarie.
Quanti gesti, quante azioni, quanti rituali erano, prima dell'arrivo dei figli, un'abitudine e dopo un sogno sempre più irrealizzabile? Ne abbiamo individuati 10. Eccoli. Ma vi invitiamo a arricchire l'elenco. Tenendo anche conto della vostra personale esperienza.


  1. Rimanere sotto al solleone dalle 11.00 alle 16.00. E va bene che medici e dermatologi lo vietano. Ma quelle ore calde e spesso tranquille a rosolare al sole, quanto erano riposanti e piacevoli da vivere sulla spiaggia?
    L'arrivo di un bimbo le rende impraticabili: i pediatri, infatti, sconsigliano di tenere al solo i bambini, soprattutto quelli più piccoli, nelle ore più calde della giornate.
  2. Arrivare in spiaggia, togliersi il vestito, tuffarsi in acqua e poi lasciarsi abbandonare mollemente sull'asciugamano, la sdraio o il lettino. Una mamma, come minimo, deve: svestiri i pargoli prima che si tuffino in mare vestiti; ungerli, prima che si brucino completamente; impartire i dievieti del caso, prima che vengano arrestati per disturbo alla pubblica quiete; raccogliere giocattoli e ammenicoli vari, disseminati ovunque non appena toccata la sabbia.... 
  3. Immergersi anima e corpo nella lettura del proprio libro preferito. Libro? Lettura? Ma quando mai?
  4. Passare la giornata a chiacchierare amabilmente con l'amica di turno, la vicina di ombrellone, la sorella, la cognata... Provate voi a chiacchierare dovendovi alzare continuamente per chiamare questo o quello, costruendo castelli di sabbia, consolando lacrime, recuperando secchielli... Provate. Poi mi sapete dire!
  5. Arrivare in spiaggia leggera: un paio di occhiali da sole, un cappello, un pareo, l'asciugamano, la crema e pochi spiccioli per il pranzo. Avete presente quei borsoni enormi, modello Ikea? Ecco. Quelli saranno i vostri compagni di spiaggia, da quando il bambino nasce (pannolini, cremine, costumi di ricambio, cappellini...) fino a che il bambino è adolescente (braccioli, secchielli, palette, inniaffiatoi, formine, giochi vari, la borsa frigo.... Ce lo vogliamo portare il tavolo da ping pong? Sia mai che sotto al sole gli venga voglia di fare una partita).
  6. Fare uno snack veloce. Un po' di frutta e via. Come minimo prima o poi arriverà la richiesta della focaccia (e che fai? non vuoi assaggiarla?), poi quella del cornetto se non proprio del bombolone (e vabbè. Per una volta). Poi sarà la volta del gelato (a quello non si riesce proprio a dire di no).... Insomma, sono finite i tempi che la spiaggia era il posto migliore in cui fare dieta. Purtroppo!
  7. Rimanere in spiaggia ben oltre il tramonto. Da sole. A guardare il sole tuffarsi nel mare, per sentirlo fare ciaff.
    Sarebbe bello. Ma se poi bisogna lavarsi in tre o quattro, gestire gli eventuali no, capricci, rifiuti, preaparare la cena, uscire a un'ora decente per la passeggiata serale, tornare a casa e mettere a nanna il pupo.... il sole che tramonta nel mare finisce per andare di traverso. Altro che ciaff!
  8. Organizzare un aperitivo in riva al mare con il proprio compagno/marito o i propri amici. Vedi sopra.
  9. Indossare il costume più costoso e sfoggiarlo come dive di Hollywood. Se tutto va bene, a fine stagione, avrà una bella macchia di catrame proprio sulla chiappa. Avete provato a stare sedute a lungo sul bagnasciuga a fare e disfare torri e castelli?
  10. Dormire. I bambini portano via il sonno della notte, quello della mattina, quello del pomeriggio (per fortuna non da subito) e, sicuramente, quello della spiaggia. Scordatevi i pisolini sotto l'ombrellone. Sono un ricordo che non tornerà fino alla maggiore età dei figli.

Detto questo, e ovviamente è solo un gioco, una giornata in spiaggia con i bimbi, per quanto faticosa, piena, stancante, sempre in movimento, è quanto di più meraviglioso una mamma può regalare ai propri figli. L'importante è essere pronte a ciò a cui si va incontro, preparate e felicie. Di tutto quello che la presenza di un bimbo regala, nonostante le rinunce di cui sopra.


Infine, se è vero che molte delle realtà descritte sopra sono abbastanza inaggirabili, tante possono essere scavallate. Semplicemente con una maggiore flessibilità mentale, un pizzico di libertà in più per i bambini e pazienza se non tutte le regole saranno rispettate. In fondo si è in vacanza. Trasgredire è quasi d'obbligo.

 

  • Commento inserito da Anna il 18 agosto 2015 alle ore 14:02

    ahahahah proprio vero! lo stesso fanno i papà! zero relax, ma tanto divertimento! noi la cena in spiaggia con la pizza e il bagno al tramonto l'abbiamo fatto, pupi di 2 anni e 6 mesi:-)

  • Commento inserito da fedinak il 17 luglio 2015 alle ore 00:29

    Ma il padre in tutto ciò cosa fa??? Ironico

  • Commento inserito da monica il 15 luglio 2015 alle ore 21:50

    Però quanto siamo fortunate ad avere tutto questo bel disturbo!

  • Commento inserito da STELLA il 15 luglio 2015 alle ore 18:54

    Certo SE ANCHE I BABBI DESSERO UNA MANO, fare dei turni sarebbe meglio, ma anche questa è un'utopia, loro si che dormono al sole.... ciao a tutte!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Foliage

Tutti pazzi per il foliage!

Impazza, per lo meno sui social, la moda del Foliage, il fenomeno naturale per cui in autunno le foglie di alcuni alberi cambiano colore e si vestono di giallo, rosso, marrone. Ecco, in Italia, dove si trovano le zone più belle per assistere allo spettacolo.

continua »
Irlanda-Halloween

Halloween: in Irlanda si studia inglese con tutta la famiglia

Una settimana di vacanza-studio con tanto di lezioni di inglese la mattina per tutta la famiglia e accoglienza presso famiglie locali in pensione completa. Un modo diverso di pensare le vacanze autunnali e di vivere il giorno di Halloween. 

continua »
MuMo

MUMO. Il Museo per bambini si mette le ruote

 MuMo (Museo Mobile) è un museo itinerante nato nel 2011 in Francia con lo scopo di avvicinare i bambini all'arte contemporanea mostrandogliela là dove dove loro vivo.

continua »
TRANSILVANIA

Halloween: 6 mete perfette per vacanze in famiglia

Per il ponte del 1° Novembre, sei destinazioni perfette per famiglie in cui vivere e assaporare l'atmosfera di Halloween. Dalla Francia alla Scozia, ecco dove andare.

continua »

Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network