Al cinema: una fiaba di Natale

Tratto dal bellissimo racconto di Charles Dickens arriva al cinema a partire dal 3 dicembre A Christmas Carol, ultimo film targato Disney.

Articoli Correlati




 


LA SINOSSI IN BREVE

Tratto dall'omonimo racconto di Charles Dickens A Christmas Carol è la classica fiaba da leggere (e in questo caso, da guardare) nel periodo natalizio.


La storia è nota: Ebenezer Scrooge (Jim Carrey nella trasposizione disneyana), uomo avido, sorbitico e misogeno, inizia le festività natalizie mostrando il suo solito disprezzo, urlando al fedele impiegato (Gary Oldman) e al gioviale nipote (Colin Firth). Quando, però, gli spiriti del Natale Passato, Presente e Futuro lo portano in un viaggio attraverso le più profonde verità della sua esistenza, il vecchio Scrooge capisce di dover aprire il suo cuore per compensare anni di cattiva condotta prima che sia troppo tardi.
 
A CHRISTMAS CAROL: IL FILM

Realizzato dal vincitore dell'Academy Award(r) Robert Zemeckis, il film coglie l'essenza fantastica del classico racconto di Dickens riuscendo a trasporla magicamente su grande schermo.

La tecnica utilizzata per la realizzazione della pellicola è relativamente recente. Si tratta del RealD 3D che riesce a catturare lo spettatore con immagini nitide, brillanti e ultrarealistiche talmente simili alla vita reale che si ha l'impressione di trovarsi dentro lo schermo.

 
REALD 3D: LA NUOVA ERA DEL TRIDIMENSIONALE

Il RealD 3D ha avuto una funzione pionieristica nell'odierno 3D digitale raggiungendo una profondità di campo impensabile prima. A differenza, poi, del passato rappresentato dagli occhiali di carta, quelli in RealD 3D sembrano proprio degli occhiali da sole, sono riciclabili e ideati per integrarsi bene con tutti gli spettatori, compresi quelli che portano occhiali da vista.

A Christmas Carol sarà in tutte le sale italiane a partire dal 3 dicembre. Per saperne di più visita il sito ufficiale.

 

 

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Livia il 15 dicembre 2009 alle ore 16:13

    Io ci ho portato i miei due bimbi di 6 e 9 anni. A entrambi è piaciuto molto (a dire il vero io continuo a preferire la versione vecchia di quando eravamo piccoli noi). Ma Leda e Lorenzo ne sono rimasti molto colpiti e dopo mi hanno fatto un sacco di domande. Effettivamente, in alcune scene è un po' pauroso. Ma io consiglio comunque di portarci i vostri bambini. É un film molto istruttivo e se ben spiegato non sarà fonte di incubo per i bambini ma di riflessione. L'importante è accompagnarli e spiegare loro tutto per bene.

  • Commento inserito da rene il 9 dicembre 2009 alle ore 23:48

    peccato che ho visto solo ora il tuo commento ! sono già stata al cinema con i miei due bambini (5 e 9anni)e in effetti il film ha dei momenti di vero e proprio terrore e scene abbastanza forti...da tapparsi gli occhi!.. "bambino avvisato mezzo salvato".....

  • Commento inserito da mamma Camilla il 26 novembre 2009 alle ore 14:38

    Attenzione: la visone è consigliabile dai 10 anni in su, a dispetto di quanto suggerisce il titolo e la firma Disney: alcune scene sono forti e possono far paura. Credo sia meglio chiarirlo ai vostri lettori.

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
primosoccorso_cv

Primo soccorso: ferite

Come comportarsi in caso di ferite, tagli, sbucciature... per evitare infezioni.

continua »
pronto intervento_cv

I bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli

Un corso di pronto soccorso chiaro, semplice e certificato per tutti. Presentato a Palazzo Marino, aggiornato secondo le nuove normative europee, torna il video I nostri bambini. Come proteggerli. Come soccorrerli.

continua »
abbautunno_cv

Abbigliamento bimbi: capi must have per l'autunno

8 capi che ogni bambino dovrebbe avere nell'armadio per affrontare l'autunno. Dagli stivali al trench ecco alcuni capi moda indispensabili e il consiglio per gli acquisti.

continua »
meditazione_cv

Meditazione per bambini. Come riscoprire il silenzio interiore

La meditazione è una pratica che, con i dovuti aggiustamenti del caso, è adatta anche ai più piccoli: attraverso la meditazione, infatti, possono imparare a rilassarsi a scoprire il proprio io interiore. 

continua »
Cerca altre strutture