Crescere: un allenamento quotidiano

La dottoressa Chiara Corte Rappis, psicopedagogista clinica, ci parla dell'importanza dell'esperienza diretta per la formazione del carattere in un mondo in cui tutto va verso il virtuale.

Articoli Correlati


COME CI SI PUO' 'ALLENARE' A CRESCERE OGGI?

Per rispondere a questo quesito è fondamentale sottolineare l’importanza dell'esperienza concreta in tutte le fasi di sviluppo dell'essere umano.
Mettere in luce la dimensione dell’esperienza concreta è più che mai necessario, dato che molti bambini e/o preadolescenti si nutrono e crescono circondati da dimensioni ed esperienze virtuali con l’illusione di aver vissuto esperienze reali.


Oggi la grande diffusione e l’utilizzo sconsiderato dei mezzi mass-mediali favorisce la sovrapposizione e la confusione tra ciò che è virtuale e rappresenta il mondo del non reale e ciò che è realtà vissuta e quotidianità di vita.
Questa sovrapposizione, scambio o sostituzione del reale con ciò che è virtuale crea spazi e tempi altri: dove tutto è possibile e peggio ancora reversibile, annullando e trasformando anche l’orizzonte delle responsabilità delle azioni.
I bambini e/o preadolescenti tendono a essere spettatori delle imprese e delle avventure degli altri; si limitano, cioè, a guardare le azioni di altri, proposte da varie fonti: cinema, televisione, videogiochi, navigazioni via web e si illudono di averle vissute.


Da attori e registi della propria vita, in pratica, si trasformano in fruitori passivi di immagini preconfezionate, prestabilite, preordinate che tendono a creare esperienze di saturazione, che annullano qualsiasi stimolo induttore di curiosità.
 
L'IMPORTANZA DELL'ESPERIENZA DIRETTA

Nulla può sostituire l’azione e l’esperienza concreta vissuta in prima persona. Nessun pensiero e nessun immaginario può dare tanto ai bambini in formazione quanto l’esperienza sul campo attraverso il coinvolgimento diretto.
Per esperienza concreta e diretta si intende il fare e l’avventurarsi nella vita quotidiana e nel mondo reale in tutte le sue declinazioni.
Attraverso l’esperienza del fare e della socializzazione reale i bimbi crescono: perché si mettono alla prova, sperimentano le proprie abilità, fanno esperienza di propri limiti e possibilità, cominciano a capire che ogni azione ha un effetto e scoprono pian piano il senso di responsabilità.
Mettendosi in gioco concretamente imparano a conoscersi e a capire chi sono, costruiscono lentamente con il passare del tempo una propria identità e sviluppano un sentimento di autostima in base ai risultati prodotti dalle azioni da loro svolte.
Nel XXI secondo c’è ancora qualcosa dal quale non si può prescindere e che è la fatica del mettersi alla prova nelle situazioni concrete.
Soltanto attraverso l’incontro-scontro con il mondo reale, i bambini attivano la propria intelligenza e sensibilità, sviluppano le proprie potenzialità, scoprono le proprie risorse, accettano e accolgono i propri limiti e incontrano l’altro e gli altri con i quali intrecciano svariate forme di socializzazione.
Facendo, giocando, sporcandosi le mani sollecitano la curiosità, stimolano l’entusiasmo, esercitano la volontà, la capacità di attesa e la capacità progettuale; diventano, quindi fabbricanti di “loro propri desideri” e non fruitori di desideri altrui.

L'articolo è stato redatto da Chiara Corte Rappis, psicopedagogista clinica, da anni impegnata ad accompagnare nel loro percorso di crescita bambini, preadolescenti e adolescenti e da pochi mesi impegnati nello Spazio eterotopico da lei ideato. Si tratta, in pratica, di un posto dove fermarsi, concedersi una tregua dai ritmi frenetici e spesso assordanti per riflettere, ascoltarsi interiormente potendone parlare con una guida esperta. Uno spazio privilegiato viene dato alle donne in gravidanza: all’ascolto delle loro emozioni, dei loro pensieri e delle loro fantasie in relazione al bambino in arrivo e al loro percepirsi come madri.
Lo Spazio eterotopico si trova in via Washington 16 a Milano.


Per scrivere o contattare la dottoressa Chiara Corte Rappis è possibile scrivere all'indirizzo chiara.corterappisATyahoo.it oppure telefonare al numero 349-7898300

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
legionella-Milano

Allarme legionella a Milano: cos'è e come si trasmette

Dopo i casi di legionella segnalati a Milano e che interessano un palazzo abitato da circa 200 persone, ecco il vademecum dell'ATS locale per prevenire il contagio.

continua »
Elenco-paure-bambino

Da 0 a 16 anni come cambiano le paure dei bambini

Un elenco schematico ed esaustivo che racconta come cambino le paure dei bambini in base alla loro età e alla loro percezione di se stessi nella realtà.

continua »
La-pazienza-dei-sassi

Come dire a un bambino che la mamma è molto malata

La pazienza dei sassi è un albo illustrato che racconta la malattia della mamma (un tumore al seno) attraverso gli occhi del figlio di 9 anni.

continua »
Spina-pesce-gola

Spina di pesce incastrata nella gola. Cosa fare?

Cinque metodi, testati da generazioni, per far 'scendere' la spina di pesce rimasta incastrata in gola. Qualora questa provochi solo fastidio e non stia realmente causando un problema al bambino.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network