Il linguaggio segreto dei bambini

Non sempre le parole sono lo strumento utilizzato dai bambini per esprimere ciò che vogliono o pensano. Spesso si servono di un linguaggio “altro”. Che i genitori devono imparare a comprendere.

Articoli Correlati

di Alessia Altavilla

Intorno all’anno e mezzo i bambini sono, generalmente, in grado di utilizzare le parole per esprimere pensieri e richieste semplici. Il loro vocabolario si arricchisce giorno dopo giorno mentre le capacità linguistiche sono all’apice dello sviluppo.
Per i concetti più difficili, però, per raccontare emozioni e sentimenti complessi, le parole e il linguaggio verbale non sono lo strumento privilegiato dai bimbi, che preferiscono, invece, servirsi di un linguaggio segreto fatto di gesti, smorfie… che ogni mamma e ogni papà deve imparare a riconoscere e interpretare.


Per quanto non ci sia una regola generale per decifrare in modo univoco i segni lanciati dai piccoli, tuttavia esistono dei caratteri comuni a tanti bambini che possono mettere i genitori sulla strada della decodifica e della comprensione.

 

  • EVITA IL CONTATTO VISIVO = IMBARAZZO


    Distogliere lo sguardo, abbassare gli occhi, evitare il contatto visivo sono tutti segnali chiari di imbarazzo e timidezza.
    Questo atteggiamento può avere una duplice chiave di lettura a seconda della situazione e dell’età del piccolo: prima dei due anni, infatti, può significare imbarazzo nel sentirsi posto al centro dell’attenzione e bisogno di una pausa; dopo i due anni, invece, quando il bambino ha sviluppato la capacità di provare un’emozione complessa come la vergogna, possono denotare proprio questo stato d’animo. In altre parole, il bambino sa o pensa di avere fatto qualcosa di sbagliato ed evita lo sguardo della mamma o del papà per vergogna.
    Di fronte a un simile atteggiamento, i genitori dovrebbero cercare di capire cosa c’è che non va e spiegare al bambino come porre rimedio a ciò che ha combinato.

     

     

  • DORME CON TUTTI I PUPAZZI E I GIOCATTOLI CHE POSSIEDE = È TERRORIZZTO

    Se il bambino non ha mai avuto problemi a dormire da solo nel suo lettino, senza bisogno di circondarsi di oggetti e giocattoli, e improvvisamente cambia atteggiamento e si circonda di ogni cosa che gli capiti sotto tiro, probabilmente è terrorizzato e non sa come affrontare o spiegare le sue paure.
    Questo comportamento si verifica, normalmente, dopo i 2 anni, quando l’immaginazione prende il sopravvento sulla realtà e le notti si popolano di incubi e mostri cattivi. In questa fase, i sogni sono terribilmente reali e dire al piccolo che non sta succedendo nulla e che ciò che vede non esiste non serve a nulla.
    Il consiglio è quello di porsi allo stesso livello del bambino, aiutandolo a trovare tra le mille cose che si porta a letto quella che davvero potrebbe “salvarlo” in caso di bisogno, investendo questo oggetto di un potere magico in grado di tenere il male lontano da lui.

     

     

  • SI COPRE IL VISO QUANDO INCONTRA UNA PERSONA NUOVA = È ANSIOSO

    Conoscere persone nuove, trovarsi circondato da estranei è una situazione stressante non solo per un bambino (basti pensare al nervosismo che ci assale quando dobbiamo prendere parte a un evento in cui non conosciamo nessuno, parlare davanti ad estranei…). Se, però, gli adulti possiedono gli strumenti razionali per controllare il loro nervosismo, i piccoli ne sono del tutto privi e si servono dell’unico mezzo che conoscono per evitare il problema: cancellare la situazione in modo fisico (se non guardo e nessuno può guardarmi, allora io non esisto e non esistono neppure gli altri). Ecco, dunque, che alcuni bimbi di fronte a estranei si coprono il volto con le mani o infilano la testa sotto la maglietta.
    In questi casi, i genitori devono imparare a tranquillizzare il bambino facendolo sentire al sicuro, mostrandosi a proprio agio nella nuova situazione e dimostrandosi amichevoli e caldi con la persona che si ha di fronte.

     

     

  • CERCA UN LUOGO APPARTATO PER FARE I SUOI BISOGNI NEL PANNOLINO = È PRONTO PER PASSARE AL VASINO

    Esistono dei chiari segnali che dovrebbero allertare i genitori sul fatto che è giunto il momento di togliere il pannolino e passare al vasino. Uno di questi è la ricerca della privacy da parte del bambino nel momento della defecazione. Presto, infatti, i bimbi capiscono che pipì e popò sono, in un certo senso, atti privati e che mamma e papà se ne “occupano” chiusi dentro al bagno. Per emulazione, quindi, e anche per vergogna, i piccoli vi si dedicano quasi in segreto, nascosti dietro ai mobili o accucciati in un angolino remoto.
    In questi casi, il più delle volte, significa che il bambino è pronto ad abbandonare il pannolino per passare al vasino.

     


  • Commento inserito da francesca il 18 settembre 2008 alle ore 14:35

    troppo corto nn e una cosa facilissima passare dal pannolinonal vasino servono consigli PIU forniti.

  • Commento inserito da FLORIANA il 15 settembre 2008 alle ore 13:05

    COMPLIMENTI PER L'ARTICOLO, PURTROPPO TROPPO CORTO MA MOLTO INTERESSANTE SPERO DI TROVARE ALTRI SUGGERIMENTI SUL LINGUAGGIO DEL CORPO. GRAZIE ANCORA

  • Commento inserito da simona il 14 settembre 2008 alle ore 14:05

    salve,a me al contrario mia figlia quando incontra persone mie conoscenti le dice..non mi chiamare,oppure...non mi guardare... arrabbiandosi e non vuole essere salutata!perchè si pone cosi arrabbiata con gli altri eppure io non sono cosi fredda con i passanti, come posso risolvere questa situazione?

  • Commento inserito da Anna il 7 settembre 2008 alle ore 18:55

    Ho trovato utile l'articolo per imparare a fare attenzione a tutti questi segnali. Mi piacerebbe conoscere il vostro parere sui bambini che mordono gli altri bambini. Grazie

  • Commento inserito da Mary il 7 settembre 2008 alle ore 09:54

    Vi ringrazio per questi articoli molto interessanti che mi serviranno nel lungo percorso col mio bambino.
    Ciao a tutti

  • Commento inserito da Babygella il 5 settembre 2008 alle ore 09:22

    sempre un piacere imparare qualcosa di nuovo! ciao a tutte!

  • Commento inserito da Mariateresa il 4 settembre 2008 alle ore 16:37

    Ho trovato l'articolo molto interessante, soprattutto perchè mi ha spiegato tante cose che sto vivendo in questo periodo con mio figlio.

  • Commento inserito da dania il 4 settembre 2008 alle ore 15:02

    sono contenta di aver letto questo articolo

  • Commento inserito da ventura il 4 settembre 2008 alle ore 14:53

    Sono molto affascinata dell'articolo sul linguaggio dei bambini grazie perchè mi è stato di grande aiuto

  • Leggi tutti i commenti

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare

Libri-sotto-albero2017

3 libri stupendi da mettere sotto l'albero di Natale

Si dice che a regalare libri non si sbaglia mai. Se poi i libri, oltre a essere interessanti, sono anche divertenti e belli da sfogliare, ancora meglio. Ecco 3 titoli per bambini dai 5 anni in su da mettere sotto l'albero di Natale.

continua »
Scandinavia

Gli Scandinavi lo fanno meglio

Punto di riferimento per il design, il sistema scolastico, il welfare, la cultura hygge, gli Scandinavi stanno imponendo ovunque anche il modello educativo e genitoriale come il migliore del mondo. Ecco le 6 ragioni per le quali in Nord Europa i bambini sarebbe più felici e i genitori più sereni.

continua »
Troppi-giocattoli

5 motivi per smettere di comprare giocattoli

Il giocattolo è il pane quotidiano del bambino. La maggior parte degli esperti, però, sottolinea come i bimbi che ne hanno pochi crescano meglio e siano più sereni. Ecco come liberarsi del superfluo.

continua »
Alfabeto-Montessori

Attività creative per insegnare a scrivere ai bambini

Seguendo il metodo Montessori, ecco alcune attività ludiche e creative allo stesso tempo da proporre ai bambini per insegnar loro a leggere. 

continua »

Cerca altre strutture








Ricetta della settimana

I piú cliccati

Seguici sui network