Un sonno in apnea

Si parla di apnea ostruttiva notturna in caso di arresto della respirazione durante il sonno per un tempo superiore ai 10 secondi. Ce ne parla il dottor Luca Bolzoni.

Articoli Correlati

Un sonno in apnea


Si definisce apnea ostruttiva notturna (OSA) un problema respiratorio che comporta un arresto della respirazione durante il sonno per un periodo superiore ai 10 secondi con una frequenza di 10 volte nell'arco di un'ora.
Il disturbo, che può colpire tanto gli adulti quanto i bambini in particolare nella fascia di età compresa tra i 2 e i 5 anni, si accompagna spesso al russamento che, in alcuni casi, può diventare anche cronico.


La terapia è differente a seconda della diagnosi, ma, in linea di massima, può consitere in:
 
  1. Norme igienico-comportamentali quali, per esempio, evitare pasti abbondanti la sera, dimagrire, dormire sul lato e, nel caso degli adulti, evitare di bere e fumare e non assumere sonniferi;
  2. Utilizzo di dispositivi CPAP e BiPAP che permettono di insufflare aria nelle vie respiratorie mediante una mascherina facciale;
  3. Intervento chirurgico
  4. Terapia ortopedica-ortodontica che prevede l'utilizzo di dispositivi intraorali notturni, tipo il NAPA;
  5. Acquisizione del metodo E.L.N. (enveloppe linguale nocturne) che consiste in un sistema ideato dal dottor B. Bonnet che educa la lingua a una motricità secondaria trasformandola in una sorta di apparecchio ortopedico naturale della cavità buccale.

Per quanto riguarda l'incidenza dell'OSA tra i bambini, questa si aggira intorno all'1-3% e colpisce prevalentemente, come dicevamo sopra, i piccoli, maschi e femmine indistintamente, con un'età compresa tra i 2 e i 5 anni.


La causa più comune in età pediatrica è l'iperplasia adenotonsillare.
In ogni caso, i meccanismi che entrano in gioco nel determinismo delle apnee ostruttive del bambino spesso risultano diversi da quelli dell'adulto e hanno spesso a che fare con fattori anatomici. Tra questi:
 
  1. funzione anomala dei muscoli dilatatori dell'orofaringe
  2. Stenosi nasale
  3. rinite stagionale
  4. polipi nasali
  5. macroglossia
  6. palatoschisi
  7. malformazioni cranio-facciali legate ad alcune sindromi (Sindrome di Down, Sindrome di Pierre Robin, di Crouzon...)
  8. Obesità (che può essere considerato un cofattore importante sia come causa dell'OSA, sia come condizione peggiorativa di situazione anatomiche presenti).

I bambini che soffrono di OSA possono presentare dei segni e dei sintomi caratteristici rappresentati essenzialmente dal russamento con apnee. La sindrome può essere causa di inappetenza, sonnolenza diurna, problemi cardiovascolari e cognitivi... Per la diagnosi delle OSAS, oltre alla anamnesi, ci si avvale, generalmente, della polisonnografia notturna o del più semplice monitoraggio cardio-respiratorio.
La terapia più spesso praticata nei bimbi che soffrono di OSA è, però, l'adenotonsillectomia la cui efficacia nella risoluzione del problema e del russamento risulta molto alta.
Un ruolo significativo, infine, può assumere la terapia ortopedica-ortodontica nei soggetti in crescita con OSAS e russamento dal momento che, talvolta, i bambini con OSA presentano delle caratteristiche dentoscheletriche peculiari quali, per esempio, retrusione mandibolare associata o meno a morso profondo o palato ogivale associato o meno a morso crociato mono o bilaterale. Tale approccio terapeutico mira al ripristino di un rapporto armonico mascellare-mandibolare e, di conseguenza, tra le arcate dentarie, e consente attraverso l'applicazione di determinate procedure terapeutiche di ottenere dei benefici respiratori non indifferenti.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Neuroblastoma-2021

A sostegno della ricerca contro il Neuroblastoma infantile

Il Neuroblastoma è un tumore che colpisce in età pediatrica circa il 7% dei bambini dagli 0 ai 14 anni. L'Associazione Italiana per la Lotta al Neuroblastoma lotta per donare a questi bimbi un futuro e la speranza di una vita sana.  

continua »
Bambini-Concentrazione

Giochi e attività che aiutano a sviluppare la concentrazione

L'apatia, la fatica a studiare o a dedicarsi a qualsiasi attività, sia essa scolastica e non, sono spesse causate da una scarsa capacità del bambino di trovare la concentrazione. Qualche consiglio.

continua »
Esperienze-autunnali-da-vivere

Esperienze d'autunno

Ogni stagione può diventare l'occasione per far vivere al bambino esperienze che si porterà dietro per sempre. Queste sono quelle che dovrebbe regalare l'autunno a ciascuno bimbo.

continua »
Razze-cani-bambini

Quali sono le razze canine più adatte se in casa c'è un bambino?

Stai pensando di prendere un cane ma non sai quale razza scegliere? I fattori da considerare sono diversi. Innanzitutto il tuo stile di vita. In secondo luogo, la presenza o meno in casa di bambini.

continua »
Cerca altre strutture