Bambini e televisione

La tv inibisce la formazione di schemi di ragionamento complessi. Sì, quindi, ma con moderazione.

Articoli Correlati

Lasciare per troppe ore consecutive i bambini davanti alla televisione nuoce, oltre che alla loro psiche e capacità relazionale, anche alla loro salute. E non è solo la vista a esserne compromessa.
La struttura cerebrale dei piccoli, infatti, è costituita da duecento miliardi di neuroni che agiscono tra loro per comprendere e assorbire i fatti della vita quotidiana. Nei primi anni di vita le vie nervose si creano plasmando quella che sarà la struttura cerebrale definitiva dell'adulto; dopo i dieci anni tutte le cellule non utilizzate muoiono (i bimbi hanno quasi il doppio dei neuroni degli adulti) per non ricrearsi più. È indispensabile, quindi, che le prime esperienze di vita siano significative e vedano il bambino protagonista e non semplice spettatore.


La televisione inibisce, in un certo senso, la capacità del piccolo di crearsi complessi schemi di ragionamento, non consentendogli di vivere in prima persona quanto messo personalmete in scena.

Nonostante questo, però, è chiaramente impossibile proibirne la visione completamente. Anzi, talvolta proprio la televisione permette al bambino di entrare in contatto con un mondo altro, un mondo fantastico che può, se guidato correttamente da un adulto, stimolare la fantasia e accrescere le doti immaginative del piccolo. È necessario, però, stabilire delle regole ben precise per fare in modo che la TV non diventi un rifugio, una mamma, un compagno che esclude qualsiasi altro affetto e qualsiasi altra ricerca di una propria identità.

Ecco, dunque, che tempo fa è stato stilato dalla Società Italiana di Pediatria un decalogo di regolamentazione distribuito ai genitori e fatto circolare nelle scuole e nei centri per l'infanzia. Questi alcuni dei consigli in esso contenuti:


 
  • i bimbi, soprattutto quelli molto piccoli non dovrebbero rimanere incollati davanti alla Tv per più di due ore al giorno.
  • Niente televisione, poi, prima di andare a dormire o la mattina appena svegli.
  • Mamma e papà dovrebbe selezionare i programmi da proporre ai figli discutendone con loro (se non troppo piccoli) e motivando il perché delle scelte, in modo che un'eventuale esclusione non diventi motivo di accrescimento della loro curiosità.
  • La televisione può e deve diventare un momento di crescita e confronto per il bimbo, non una baby sitter non pagata.
  • Mai utilizzare la televisione in termini di premio-castigo per non attribuirle un ruolo e un valore che, in realtà, non possiede.
  • A tutti i bambini dovrebbe, infine, essere data la possibilità di poter scegliere tra la TV e altri divertimenti (attività sportive, passeggiate, giochi con gli amici e i fratelli) mettendoli davanti alla condizione di poter dire anche di no personalmete ai cartoni animati e ai vari altri programmi di cui sono affezionati spettatori.

     

    Per i bambini, poi, che trascorrono molte ore in casa da soli esistono dispositivi che consentono di impedire la messa in onda di programmi non adatti a loro, consentendo ai genitori di controllare, anche a distanza, quanto essi decidono di guardare.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Claudia il 28 dicembre 2018 alle ore 21:26

    2ore al giorno??

    Vuol dire 730 ore in un anno, ben 30 giorni!! mi sembra folle

  • Commento inserito da Lino il 7 marzo 2012 alle ore 10:49

    Ma per che non abbiamo corraggio di dire la verita ?
    La nuova generazione !
    Non possiamo togliere la TV , ivideogiochi ...ecc
    Li tagliamo fuori dall mondo ...vengono isolati dai compagni .
    Tutti guardano la tv e giocano con la ds !

  • Commento inserito da elena il 28 febbraio 2011 alle ore 15:26

    ho due bimbi due anni e cinque. un consiglio....non tenete la tv in cucina. La tv toglie il dialogo anche con i figli. Noi abbiamo una tv in sala e mio figlio puo vedere due cartoni al pomeriggio e due la sera. La mattina la regola e` tv spenta x tutta la famiglia xche ruba tempo prezioso che si puo impiegare in altri modi.

  • Commento inserito da Alessio Padovan il 15 maggio 2009 alle ore 14:25

    penso che il decalogo da voi redato rispecchi in pieno quello che la maggior parte dei genitori fatica a fare per i quotidiani impegni che la vita frenetica ci obbliga a prendere. La soluzione è ottima ma manca, a volte, il modo di realizzare quello che potrebbe essere il sogno di ogni genitore. Ringraziandovi per i sempre utili consigli porgo cordialità

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Tangram

Tangram: fantasia al potere

Il Tangram, antico gioco cinese che prevede la costruzione di figure a partire da 7 pezzi geometrici diversi, è molto più che un gioco per bambini. E aiuta a sviluppare concentrazione e metodo.

continua »
Coding2022

Coding: passatempo estivo

3 consigli per avvicinare i bambini al coding in modo divertente, ludico e veloce. Senza stress e bypassando l'idea che programmare sia un'attività noiosa da nerd.

continua »
Analfabeti-funzionali

Adolescenti analfabeti funzionali

Allarme di Save the Children: un adolescente su due non capisce quello che legge. Lo comunica il presidente dell'Associazione Claudio Tesauro.

continua »
Giochi-senza-frontiere

Come organizzare una giornata 'sportiva' con tutta la classe

Volete organizzare una giornata all'insegna dello sport e del divertimento con tutta la classe? Cercate idee per coinvolgere bambini e genitori in un campionato all'insegna dei giochi senza frontiere? Leggete qui.

continua »
Cerca altre strutture