Creatività infantile: come stimolarla

Scegliere i materiali giusti per stimolare la creatività del bambino e incoraggiarlo a 'fare'. A seconda della sua età, assecondando la sua capacità d'azione.


I bambini sono naturalmente dei creativi e anche se, spesso, la loro creatività non è determinata dalla volontà di 'creare', riescono comunque a dar vita a 'oggetti artistici' che per loro rappresentano la scoperta della sperimentazione. Non esistono regole: sebbene in commercio esistano prodotti studiati ad hoc per stimolare la fantasia, per farlo genitori ed educatori hanno a disposizione un largo ventaglio di possibilità. Non è, quindi, importante circondarli di colori, pennelli, matite, paste modellanti... Piuttosto, è fondamentale continuare a incoraggiarli, lasciandoli liberi di provare, fare e disfare.

Detto questo, tutto quello che viene dato in mano a un bambino deve, in qualche modo, lasciare un segno e deve possedere una qualità capace di mettere in moto sensazioni tattili, visive, motorie, uditive, olfattive...



 

SOTTO I 3 ANNI


I bambini molto piccoli sono affascinati dal segno che riescono a lasciare. Sotto ai 3 anni non si ha coscienza del risultato finale. Conta il gesto che deve essere seguito immediatamente dal segno.
Perfetti, quindi, in questa fase i pennarelli dalla punta grossa, i colori per il corpo, i matitoni.

I colori dovranno essere decisi e accesi. L'impugnatura grossa. I colori atossici e lavabili. Per quanto riguarda, invece, il supporto, da preferire i fogli di carta spessi che non si strappano e non si bucano, le superfici lisce e resistenti.

Genitori ed educatori dovranno aver cura di mettere nella mani dei bambini strumenti che possano facilmente essere gestiti anche con poca energia, senza bisogno di uno sforzo eccessivo o troppa pressione.

 
LA FASE PRE-SCOLARE


Sebbene il piccolo abbia acquisito una maggiore consapevolezza delle sue capacità e i gesti siano spesso determinati da una volontà precisa (durante gli anni della Scuola Materna i disegni dei bambini, infatti, rivelano già una determinazione di soggetto e la volontà di realizzare soggetti ispirati alla realtà), i materiali devono comunque essere facilmente gestibili dal bimbo con poco sforzo dando vita a una corrispondenza immediata tra gesto e segno.

Sì, quindi, ai gessetti, al carboncino, alle tempere, agli acquerelli.

A partire dalla scuola materna, poi, indicate anche le paste modellanti che consentono di realizzare oggetti tridimensionali capaci di suscitare sul bambino una discreta fascinazione.

Parola chiave: Laboratori casalinghi,
 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
COPERTINA come-indossare-le-ballerine-dai-unocchiata-a-un-po-di-idee-di-styling-per-bambine

Come indossare le ballerine? Dai un'occhiata a un pò di idee di styling per bambine

Con l'arrivo della bella stagione, non solo gli adulti, ma anche i bambini sentono il bisogno di abbandonare stivali e scarponcini e di indossare delle scarpe più leggere come le ballerine, un classico intramontabile nel guardaroba di ogni bambina. Con il loro grazioso design e il comfort imbattibile, sono perfette per ogni occasione, dalla scuola alla festa di compleanno. Comode e raffinate, fanno sentire le bambine delle vere principesse. Ecco cinque idee creative per far indossare le scarpe da ballerina alle bambine in modo stiloso e divertente.  

continua »
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
Cerca altre strutture