Dolcetto o scherzetto?

Per tutti i bambini che nei prossimi giorni si cimenteranno nel gioco del Trick or treat (Dolcetto o scherzetto), le 5 regole da tenere sempre presenti.

Articoli Correlati


Trick or treat
Smell my feet
Give me something to eat


Not too big
Not too small

Just the size of Montreal



È la filastrocca che i bambini americani ripetono durante il loro giro delle case alla ricerca di dolci e caramelle il giorno di Halloween.

Per i piccoli di Oltreoceano quella del Dolcetto o Scherzetto è una tradizione irrinunciabile alla quale ben si adattano anche gli adulti. Non solo i genitori che li accompagnano nel tour il più delle volte anch'essi in maschera, ma anche i vicini del quartiere, ben lieti di aprire loro le porte e di riempire i loro cestelli con ogni prelibatezza dolciaria.

Per i bimbi italiani le cose sono un po' diverse. Innanzitutto, quella di Halloween è una tradizione relativamente recente e il rito del tour delle case è poco diffuso. Inoltre, proprio per come sono concepite le nostre città e i nostri paesi, ben pochi bambini hanno la possibilità di aggirarsi tra vie per lo più poco trafficate, suonando il campanello di villette immerse nel verde. Molti piccoli, infatti, vivono in grandi centri trafficati e il loro giro può ridursi al massimo al giro del palazzo.

In ogni caso, proviamo a vedere ugualmente quelle che sono le regole che i piccoli americani rispettano quando si dedicano al Trick or treat e che potrebbero tornare utili anche per i bambini italiani.
 
DOLCETTO O SCHERZETTO: LE 5 REGOLE D'ORO

 


 

  1. Si gira sempre in gruppo e mai da soli. In caso di attraversamento di strade e spostamenti lunghi, è obbligatoria la presenza di un adulto.
     
  2. Non si torna mai a casa dopo le 20.00
     
  3. Non si entra mai nelle case, ma si aspetta fuori.
     
  4. I dolci e le caramelle raccolte devono, prima, essere controllate da mamma e papà. Solo dopo sarà possibile dar il via alla scorpacciata.
     
  5. L'educazione non deve mai venire meno. Qualunque sia la reazione del padrone di casa, questo va sempre salutato e ringraziato.



 
CONSIGLI ORGANIZZATIVI



 

  • Per le prime volte, organizzate il gioco del Trick or treat rimanendo nell'ambito del vostro vicinato. Dal momento, però, che in Italia la tradizione non è molto diffusa, avvisate i vostri vicini del fatto che i piccoli busseranno alla loro porta per chiedere caramelle e dolciumi.
     
  • Il Trick or treat è molto più divertente se i bambini che vi prendono parte sono in costume. Nel caso in cui con loro ci sia un adulto, sarebbe simpatico se anche quest'ultimo si presentasse in maschera.
     
  • Prima di far mangiare ai piccoli le caramelle e i dolci che hanno raccolto, controllate che le confezioni siano perfettamente sigillate. In caso di torte casalinghe, diffidate dei prodotti di cui non conoscete la provenienza.
     
  • Spiegate ai bimbi quelle che sono le regole cui devono attenersi e fate in modo che le rispettino. Soprattutto se è la prima volta che si cimentano nel gioco.

     


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
bambinicibo_cv

Bambini e cibo: nutriamo il cuore dei bambini

La dottoressa Cristina Savatteri ci spiega come molti dei disturbi alimentari dei bambini derivino da una sbagliata interiorizzazione del cibo nella primissima infanzia. 

continua »
Cerca altre strutture