Green Tribe: la tribù dei verdi

Presentato al 50° Salone Nautico di Genova (2-10 ottobre), Green Tribe è il progetto dell'azienda Relight per avvicinare i bambini al tema delle energie rinnovabili.

Articoli Correlati



Green Tribe è il progetto di Relight, azienda leader nel settore dell'energia rinnovabile, presentato a Genova in occasione del 50° Salone Nautico (2-10 ottobre) con lo scopo di avvicinare i bambini al mondo dell'energia rinnovabile perché crescano nella consapevolezza che esistono alternative energetiche più sensibili al problema del rispetto dell'ambiente.


Il progetto, che consiste in un sito internet interattivo, fumetti e cartoon creati ad hoc per l'iniziativa, intende dar vita a una vera e propria tribù di bimbi verdi (la Green Tribe, appunto), con un'età compresa dai 6 ai 10 anni che, attraverso le pagine del sito, potranno interagire tra loro, giocare, guardare i contenuti realizzati da esperti del settore...

Relight City è, infatti, la città popolata da personaggi divertenti, ciascuno rappresentativo di una diversa tecnologia energetica, che fa da sfondo alle avventure dei protagonisti: da Windy Milly, la pala eolica, al suo fidanzato Sunny, il pannello solare, fino a Geo, il saputello, identificabile con il sistema geotermico... Oppure i 'cattivi': Wasty, bulletto consumista con tanto di motorino truccato, Spottik, un maldestro cane-bidone di petrolio manovrato dal perfido Mr. Smoky, che ha le fattezze di un'arcigna fabbrica primo novecento ed è il nemico numero uno di Relight City...



Il progetto Green Tribe - spiega Marina Salerno, responsabile marketing di Relight - è nato pensando ai gusti dei bambini di oggi e all'esigenza di raccontare storie che li facciano crescere anche su un tema così difficile come l'energia. Le generazioni passate hanno avuto Barbapapà grazie al quale tanti bambini di ieri sono oggi genitori attenti all'ecologia. Il nostro progetto è ambizioso, ma, anche in qualità di neomamma, penso sia giusto aggiornare i processi educativi e impegnarsi perché le generazioni future possano assimilare fin dall'infanzia i valori in cui crediamo.

Cuore pulsante del progetto Green Tribe è il sito internet www.thegreentribe.it (per il momento non ancora attivo. Lo sarà a partire dalla metà di ottobre) dove i bimbi potranno giocare, guardare il cartoon realizzato da Riccardo Mazzoli, tra i migliori animatori italiani, e sceneggiato da Maurizio Sangalli, leggere il fumetto e essere informati su tutte le novità del caso.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
COPERTINA come-indossare-le-ballerine-dai-unocchiata-a-un-po-di-idee-di-styling-per-bambine

Come indossare le ballerine? Dai un'occhiata a un pò di idee di styling per bambine

Con l'arrivo della bella stagione, non solo gli adulti, ma anche i bambini sentono il bisogno di abbandonare stivali e scarponcini e di indossare delle scarpe più leggere come le ballerine, un classico intramontabile nel guardaroba di ogni bambina. Con il loro grazioso design e il comfort imbattibile, sono perfette per ogni occasione, dalla scuola alla festa di compleanno. Comode e raffinate, fanno sentire le bambine delle vere principesse. Ecco cinque idee creative per far indossare le scarpe da ballerina alle bambine in modo stiloso e divertente.  

continua »
bambino2 felice_cv

12 cose che rendono felice un bambino

Sottotitolo: senza mettere mano al portafogli. Ossia quali sono le cose che i bambini amano fare e che possono essere proposte loro che non prevedano spese e che non rientrino nella categoria 'vizi'.

continua »
bambino felice_cv

10 cose da dire che rendono felice un bambino

La tendenza è quella di dire al bambino quello che non deve fare. Spesso il suo operato viene messo in discussioni con frasi fortemente negative che minano l’autostima del piccolo. Con i figli si tende a essere più critici che costruttivi. Cosa dire, invece, a un bimbo per renderlo più felice?

continua »
disagicibo_cv

Le difficoltà dei bambini a tavola: disagi o disturbi?

 Disturbi e disagi alimentari non sono la stessa cosa. In entrambi i casi, però, spesso c'è una richiesta di attenzione da parte del bambino che attraverso il cibo manifesta problemi di altro genere.

continua »
Cerca altre strutture