Tutti a scuola con il Piedibus! - Età scolare - Bambinopoli





Tutti a scuola con il Piedibus!

Ovvero, come risolvere il problema del traffico davanti alle scuole. Insegnare ai bambini ad andare a scuola da soli… senza pericoli. E sconfiggere i danni provocati dall’eccessiva sedentarietà dei più piccoli.


Il Piedibus è un bus. Badate bene. Un bus e non un autobus. O meglio: è un autobus, ma un autobus umano, formato, cioè, da un gruppo di “bambini passeggeri” e da due adulti nei ruoli, rispettivamente, di “autista” e “passeggero” che, partendo da un capolinea, attraverso un percorso preventivamente prefissato lungo il quale vengono “raccolti” i passeggeri, consente ai bimbi di andare e tornare da scuola in modo autonomo, ecologico e sicuro.
Il Piedibus, infatti, è anche un progetto. Che vuole diffondere tra i piccoli della scuola elementare e tra i loro genitori l’idea che raggiungere la scuola a piedi non solo è possibile, ma è anche bello, divertente, salutare e sicuro.


Nato in Danimarca e diffusosi in breve tempo nel Nord Europa e negli Stai Uniti, Piedibus da qualche anno è attivo anche in Italia con iniziative e progetti in diverse città organizzati e curati, a seconda dei casi, dai Comuni, dalle Istituzioni pubbliche come le ASL, direttamente dalle scuole o dalle associazioni private.

UN ACRONIMO CHE SOTTENDE UN’IDEA
L’acronimo di Piedibus ci consente di capire che cosa veramente la parola significhi e quali siano le finalità che sottende. Proviamo ad analizzarlo soffermandoci sui diversi aspetti che un progetto simile comporta.


 
  • Per fare movimento
    Trattandosi di un bus formato da persone che camminano lungo un percorso, il Piedibus rappresenta un valido aiuto per abbandonare l’automobile e, finalmente, utilizzare le proprie gambe per spostarsi. Con un notevole beneficio per la propria salute e per la propria linea!
  • Imparare a circolare
    Accompagnati da due adulti ma di fatto autonomi, i piccoli che fanno parte della carovana del Piedibus imparano a muoversi per le strade del loro quartiere intelligentemente, imparando al contempo quelle che sono le regole della strada e i pericoli che la circolazione su strada comporta.
  • Eesplorare il proprio quartiere
    Non c’è modo migliore per scoprire il proprio quartiere che attraversarlo ogni giorno “toccandolo” da vicino senza l’involucro isolante dell’automobile.
  • Diminuire il traffico e l’inquinamento
    Non serve dirlo. Se le persone, bambini e genitori compresi, riuscissero ad abbandonare l’automobile per i loro spostamenti quotidiani e imparassero a utilizzare gambe e piedi per muoversi… le città sarebbero meno inquinate, meno trafficate e più vivibili per tutti.
  • Insieme per divertirsi
    Il Piedibus è, sostanzialmente, una lunga carovana formata da bambini, più o meno della stessa età, che tutte le mattine, prima dell’inizio della scuola, si ritrovano, chiacchierano, si confidano, giocano… Quale modo migliore per trascorrere del tempo con i proprio compagni divertendosi?
  • Bambini più allegri e sicuri di sé
    La conquista di una certa autonomia rappresenta un traguardo importante per ogni bambino che impara, in questo modo, a responsabilizzarsi acquisendo fiducia in se stesso e nelle proprie capacità. Il Piedibus è un valido strumento per ottenere tutto questo. Se da una parte, infatti, i piccoli sono affidati all’attenta sorveglianza di due adulti, un controllore e l’autista, che li accompagnano in giro per la città, dall’altra hanno la percezione netta e vera di essere diventati grandi, in grado di andare e tornare da scuola senza l’aiuto di mamma e papà.
  • Un buon esempio per tutti
    Il Piedibus è un modello di civiltà, rispetto per gli altri, costruzione di una mobilità sostenibile. Come potrebbe, quindi, non essere considerato un esempio per tutti?
  • Svegliarsi per bene e arrivare belli vispi a scuola
    Beh. C’è poco da aggiungere. Dopo una bella camminata è normale che il corpo si svegli, la mente si attivi, il cervello si metta in movimento!

     

    COME FUNZIONA PIEDIBUS
    Il Piedibus funziona come un vero e proprio autobus, con un orario e delle fermate precise e prefissate. É attivo tutti i giorni, con la pioggia e con il sole, secondo l’orario scolastico. È sufficiente che i bambini che aderiscano al progetto si facciano trovare alla fermata per loro più comoda, all’orario stabilito, indossando una pettorina ad alta visibilità. Al suo passaggio, il Piedibus li “raccoglierà” (o, forse, sarebbe meglio dire l’”ingloberà”) e accompagnerà a scuola.
    Durante il loro tragitto da e verso la scuola, i piccoli saranno affidati alla cura di due adulti che ne saranno responsabili e che avranno anche il compito di segnare su una specie di giornali di bordo i presenti e gli assenti.

    Per sapere le città e i comuni dove Piedibus è attivo e, in generale, per saperne di più sull’argomento www.piedibus.it.


Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Back-to-school2018

Calendario scolastico 2018-2019

Reso noto il calendario, regione per regione, per l'anno scolastico 2018-2019. Di seguito le festività nazionali, i ponti e le date di inizio e fine lezioni in tutta Italia.

continua »
Compiti-delle-vacanze-2018

É già tempo di compiti delle vacanze

La scuola è appena finita ed è già tempo di compiti delle vacanze? Per alcuni bambini si. E di seguito ve ne indichiamo le ragioni.

continua »
Redooc-compiti-vacanze-al-mare

Chi ha paura dei compiti delle vacanze?

Sebbene la scuola non sia ancora finita, ecco alcuni consigli per organizzarsi al meglio con i compiti delle vacanze. Redooc, infatti, offre una soluzione a portata di clic per renderli meno “ingombranti” e più divertenti!

continua »
Proteggere-bambini-rete

5 regole per proteggere i nativi digitali

Utilizzano tablet e smartphone ancor prima di imparare a leggere e scrivere e sono perfettamente in grado di usare internet per studio o divertimento. Anche i nativi digitali, però, vanno protetti dai rischi che la rete comporta. Ecco alcuni consigli per farlo. 

continua »
Cerca altre strutture






Ricetta della settimana

I piú cliccati
Seguici sui network