5 segnali di ovulazione

Se stai cercando di avere un bimbo e sei attenta a quelli che sono i giorni fertili per programmare la gravidanza, ecco 5 segnali che ti avvisano che il tuo corpo è pronto e sei in fase ovulatoria. 

Articoli Correlati

5 segnali di ovulazione


 Naturalmente, non si tratta di legge. Esistono, però, dei segnali che il corpo manda per avvisare la donna che sta entrando in fase ovulatoria e che il corpo è pronto ad accogliere un'eventuale gravidanza.
Senza, quindi, fare affidamento su questi segni al 100%, si possono, comunque, prendere in considerazione per aumentare le chance di concepimento qualora si stia cercando un bimbo, programmando la gravidanza.

  1. MAGGIORE SENSIBILITA' DEL SENSO DELL'OLFATTO

    Alcuni studi sembrano aver confermato che nei giorni a cavallo dell'ovulazione le donne abbiano maggiore sensibilità agli odori e siano particolarmente attratte dall'odoro del proprio partner. Questo, favorirebbe l'avvicinamento e il desiderio sessuale, aumentando le possibilità di concepimento.
     
  2. CAMBIAMENTI DEL MUCO CERVICALE

    Il cambiamento nella consistenza e nella quantità di muco cervicale in fase ovulatoria non è un'ipotesi azzardata, ma un fatto scientificamente provato che dipende dall'aumento di estrogeni prodotti dal corpo.
    Sarebbero proprio gli estrogeni, infatti, i responsabili del cambiamento. Il muco diventa, quindi, più consistente, molto simile al bianco d'uovo e, spesso, è facilmente visibile anche a occhio nudo sullo slip.
    Nel giorno dell'ovulazione appare fluido, consistente ed elastico.
    Per maggiori informazioni sull'argomento, clicca qui.
     
  3. MAGGIORE CARICA SESSUALE
    Se, ormai, è assodato che nei giorni dell'ovulazione aumenta il desiderio sessuale, è anche certo che in quel periodo la donna tende a sentirsi più sexi, desiderabile. A essere responsabili del cambiamento ancora gli estrogeni che fanno apparire le labbra più turgide, la pelle splendente e i capelli più lucidi. 
     
  4. CAMBIAMENTI NELLA SALIVAZIONE
    Questo è un segnale non facilmente riscontrabile a occhio nudo, ma è assodato che la maggiore produzione di ormoni luteinizzanti provoca dei cambiamenti a livello della saliva che appare come una patina sulla lingua.
     
  5. MAGGIORE SENSIBILITA' DEL SENO
    Prima e dopo l'ovulazione, il seno è più gonfio, teso, sensibile. Molte donne, durante quel periodo, non sopportano il reggiseno e sono sensibili a qualsiasi sfioramento. Responsabili sempre gli ormoni che lo rendono particolarmente ricettivo e dolorante.

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Emanuela il 3 novembre 2016 alle ore 15:49

    Salve tutti questi sintomi celo anch'io però la questione del muco e normale che da 5giorni si è tolto il ciclo e celo ancora sto da quasi un anno e io e mio marito non riusciamo ad avere un figlio non so più che altro fare

  • Commento inserito da Ale il 26 agosto 2016 alle ore 02:53

    Io non uso mai il reggiseno non lo sopporto!

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Infertilita-maschile-varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
spotting_gravidanza

Come riconoscere lo spotting da mestruazione e le perdite da impianto

All'inizio della gravidanza, non è raro che possano verificarsi delle perdite dovute all'impianto dell'embrione nell'utero. Ecco come distinguerle dallo spotting che segnala l'arrivo delle mestruazioni.

continua »
Smartphone-infertilita

Cellulari e infertilità maschile: 5 regole per evitare problemi

L'utilizzo prolungato degli smartphone è responsabile dell'infertilità maschile? Secondo la Società Italiana di Andrologia no, anche se i dati sono ancora insufficienti per emettere un verdetto finale.

continua »
Vaccinazioni-per-gravidanza

Vaccinazioni in previsione della gravidanza

In previsione di una gravidanza, è necessario che le donne siano protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella. In particolare quest'ultima, contratta nel primo trimestre, può avere conseguenze molto gravi sia per il nascituro che per la salute della mamma.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network