7 cose da fare per rimanere incinta

7 consigli per aumentare le chances di rimanere incinta (qualora non siano stati riscontrati problemi). Dall'alimentazione al sesso, ecco cosa fare.

Articoli Correlati

7 cose da fare per rimanere incinta


Non è così scontato che una vita sessuale attiva porti sicuramente a una gravidanza certa. Spesso occorrono mesi e anni prima che questa si verifichi e, talvolta, alcune cattive (o buone) abitudini possono comprometterne la riuscita.

  1. Alimentazione:
    Mangiare sano, in modo regolare, assicurandosi di assumere tutti i nutrienti necessari per aumentare le chance di rimanere incinta è il primo passo da compiere quando si sta cercando di avere un bambino. In particolare assicurarsi che la propria dieta sia ricca di proteine (da carne, pesce e uova soprattutto), vitamina B, vitamina D, ferro e calcio. In caso di deficit di questi nutrienti essenziali, rivolgersi al proprio medico per farsi prescrivere un integratore alimentare.
  2. Alcolici e caffeina:

    Ridurre la quantità di alcolici e caffeina introdotti quotidianamente nella propria dieta. E' risaputo, infatti, che sia l'alcol che il caffè alternano la produzione ormonale e il livello di estrogeni e possono compromettere l'impianto dell'ovulo nell'utero.
  3. Peso sotto controllo:
    Obesità e sovrappeso, così come eccessiva magrezza, sono fattori che incidono sulla possibilità o meno di avere un bambino. Se, quindi, si state cercando una gravidanza, di fronte a problemi di peso, è bene rivolgersi a un dietologo per farsi prescrivere una dieta adatta a raggiungere il proprio scopo.
  4. Attenzione ai pesticidi e alle sostanze chimiche:

    Presenti ovunque su frutta e verdura, i pesticidi abbassano notevolmente la capacità riproduttiva di una donna. Per chi sta cercando una gravidanza, quindi, il consiglio è di lavare sempre tutto in acqua e bicarbonato e di optare, quando e laddove possibile, per prodotti biologici.
  5. Sigarette:
    Il fumo è tra i peggiori alleati della fertilità. Se state cercando di avere un bambino, smettete di fumare o, quantomeno, riducete il numero di sigarette fumate al giorno. Questo vi sarà utile anche dopo, quando rimarrete incinta, per non soffrire eccessivamente per astinenza da tabacco e nicotina.
  6. Ciclo:
    Ogni donna dovrebbe imparare a riconoscere il proprio ciclo, calcolando quanto è lungo, quando e con quali sintomi avviene l'ovulazione... Naturalmente esistono dei test appositi per calcolare senza margine di errori se l'ovulazione è avvenuta o no. In generale, però, imparare a conoscere il proprio corpo aiuta a individuare i momenti più favorevoli per fare sesso.
  7. Sesso:
    La maggior parte degli studi ha evidenziato che una vita sessuale attiva e regolare aumenta la fertilità femminile e, di conseguenza, le possibilità di avere una gravidanza. Il consiglio è quello di avere almeno un rapporto a settimana poiché gli ormoni sessuali emessi dall'uomo durante il rapporto sembrerebbero influenzare il sistema riproduttivo femminile.

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Infertilita-maschile-varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
spotting_gravidanza

Come riconoscere lo spotting da mestruazione e le perdite da impianto

All'inizio della gravidanza, non è raro che possano verificarsi delle perdite dovute all'impianto dell'embrione nell'utero. Ecco come distinguerle dallo spotting che segnala l'arrivo delle mestruazioni.

continua »
Smartphone-infertilita

Cellulari e infertilità maschile: 5 regole per evitare problemi

L'utilizzo prolungato degli smartphone è responsabile dell'infertilità maschile? Secondo la Società Italiana di Andrologia no, anche se i dati sono ancora insufficienti per emettere un verdetto finale.

continua »
Vaccinazioni-per-gravidanza

Vaccinazioni in previsione della gravidanza

In previsione di una gravidanza, è necessario che le donne siano protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella. In particolare quest'ultima, contratta nel primo trimestre, può avere conseguenze molto gravi sia per il nascituro che per la salute della mamma.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network