8 errori da evitare per le coppie in cerca di un bimbo

L'arrivo di un bimbo non è sempre immediato. Spesso occorrono mesi e mesi di tentativi prima di rimanere incinta. Ecco, però, alcune false credenze che renderebbero più difficile il concenpimento.

Articoli Correlati

8 errori da evitare per le coppie in cerca di un bimbo



1 - FARE POCO SESSO AIUTA A RIMANERE INCINTA
Concentrare i rapporti nei giorni dell'ovulazione non è la migliore strategia per rimanere incinta. Una coppia in cerca di un bimbo dovrebbe semplicemente provare ad avere una vita sessuale normale finalizzata, prima di tutto, al piacere e al soddisfacimento personale. Il sesso a comando non è mai un buon sistema. Anche perché, lunghi periodi di astinenza sessuale, impoveriscono la qualità dello sperma anziché migliorarla.


2 - FARE TROPPO SESSO AIUTA A RIMANERE INCINTA
Al contrario, dedicarsi a infinite maratone sessuali al solo scopo di ottenere una gravidanza non è un buon sistema per rimanere incinta. Vale la regola esposta sopra: il sesso dovrebbe essere un piacere per la coppia e non una missione. Come sopra, poi, se l'astinenza sessuale rovina la qualità dello sperma, anche rapporti sessuali continuativi senza interruzione non aiutano a rendere migliori gli spermatozoi. 


3 - LA POSIZIONE DEL MISSIONARIO È LA PIÙ INDICATA
Non esiste alcuna posizione che favorisca la gravidanza. Il mito che la posizione del missionario sia la più indicata in questo senso è, appunto, solo una falsa credenza. L'eiaculazione, proprio per la meccanica che la presuppone, fa sì che lo sperma entri direttamente nel muco cervicale e, quindi, nelle tube, a prescindere da quella che è la posizione adottata. La regola, quindi, è sempre la stessa: soddisfate il vostro piacere innanzitutto. 

4 - SE LA GRAVIDANZA NON ARRIVA, IL PROBLEMA È DELLA DONNA
La convinzione che le difficoltà di concepimento siano legate, soprattutto, a problemi femminili è falsa oltre che sessista. Esiste un 50% di possibilità che, invece, la causa di infertilità sia maschile, tanto più che gli uomini hanno meno l'abitudine a ricorrere al medico ed effettuare controlli del loro organo riproduttivo. Dopo un anno di tentativi, quindi, è bene che sia l'uomo che la donna si sottopongano a una visita specialistica che stabilisca in modo chiaro dove si nasconde il problema.

5 - ESSERE CONVINTI CHE L'OVULAZIONE AVVENGA SEMPRE IL 14° GIORNO
Molte donne sono sicure che l'ovulazione avvenga sempre e solo nel 14° giorno dal primo giorno di ciclo. In realtà non è così. Ogni ciclo, infatti, è diverso e l'ovulazione, anche nei casi di massima regolarità, può avvenire prima o dopo in modo inaspettato. 
(Qui trovate alcuni consigli per datare correttamente il giorno dell'ovulazione).

6 - FARE SESSO IL GIORNO DELL'OVULAZIONE
Non è necessario concentrare i rapporti sessuali nell'unico giorno di ovulazione. Sappiamo, infatti, che se l'ovulo sopravvive circa 24 ore dal momento del suo rilascio, gli spermatozoi hanno vita più lunga, generalmente 4/5 giorni dal rapporto. Il che vuol dire che è possibile rimanere incinta anche se il rapporto sessuale è avvenuto nei giorni precedenti a quello dell'ovulazione.

7 - USARE LUBRIFICANTI
I lubrificanti non favoriscono la gravidanza perché impoveriscono la qualità dello sperma influenzandone la motilità. Eventualmente, piuttosto che usare lubrificanti sintetici, si può pensare di usare lubrificanti naturali quali olio di oliva.

8 - CORRERE DA UNO SPECIALISTA DOPO POCHI MESI
Non è necessario entrare in panico dopo un paio di mesi di tentativi. Il concepimento è un processo lungo e a volte sono necessari mesi e mesi prima di restare incinta. Se è corretto, dunque, effettuare un controllo dal proprio specialista (sia per la donna che per l'uomo) prima di decidere di avere un bimbo, non occorre correre da uno specialista della fertilità a pochi mesi di tentativi.
Generalmente, si ritiene che una coppia possa avere problemi dopo un anno di tentativi mirati andati a vuoto.

 

Commenta questo articolo

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Infertilita-maschile-varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
spotting_gravidanza

Come riconoscere lo spotting da mestruazione e le perdite da impianto

All'inizio della gravidanza, non è raro che possano verificarsi delle perdite dovute all'impianto dell'embrione nell'utero. Ecco come distinguerle dallo spotting che segnala l'arrivo delle mestruazioni.

continua »
Smartphone-infertilita

Cellulari e infertilità maschile: 5 regole per evitare problemi

L'utilizzo prolungato degli smartphone è responsabile dell'infertilità maschile? Secondo la Società Italiana di Andrologia no, anche se i dati sono ancora insufficienti per emettere un verdetto finale.

continua »
Vaccinazioni-per-gravidanza

Vaccinazioni in previsione della gravidanza

In previsione di una gravidanza, è necessario che le donne siano protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella. In particolare quest'ultima, contratta nel primo trimestre, può avere conseguenze molto gravi sia per il nascituro che per la salute della mamma.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network