Un anno di tentativi

Dopo un anno di tentativi mirati, la gravidanza tanto desiderata non arriva. Come comportarsi. A chi rivolgersi. Quali le possibili alternative. In Italia e all'estero.

Articoli Correlati

Non per tutti il concepimento è un fatto naturale. Sono sempre più numerose, infatti, le coppie che dopo un anno di tentativi mirati andati a vuoto, con la frustrazione, la rabbia, il dolore e lo stress che una situazione del genere inevitabilmente comportano, decidono di affrontare il problema in modo diverso, rivolgendosi, eventualmente, a un centro specializzato per l'infertilità.

Secondo l'OMS (Organizzazione Mondiale per la Sanità), nei paesi industrializzati, circa il 20% delle coppie non riesce ad avere in figlio in modo naturale. E se fino a qualche tempo si pensava che la 'responsabilità' fosse da attribuire esclusivamente alla donna, ora è stato dimostrato che le 'colpe' sono perfettamente divisibili tra uomo e donna (40% infertilità maschile, 40% infertilità femminile) con un 20% di cause sconosciute.



 

A CHI RIVOLGERSI


Centri di infertilità e procreazione medicalmente assistita

Generalmente, si parla di infertilità di coppia quando, dopo un anno di tentativi mirati, il bimbo tanto desiderato non arriva. La mancata gravidanza tende a creare nella coppia tensioni emotive che, certo, non aiutano a migliorare la situazione. Il consiglio, dunque, innanzitutto, è quello di mantenere la calma, per quanto difficile ciò possa essere e pianificare passo dopo passo le mosse future.

Innanzitutto, quindi, è d'obbligo che la coppia si rivolga a un centro di infertilità e procreazione assistita.

L'Istituto Superiore di Sanità ha censito i Centri autorizzati che applicano tecniche di Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) in Italia. Ogni centro viene classificato in base a un livello (I, II e III), ossia in base al tipo di trattamento eseguito all'interno del centro stesso. Più alto è il livello, maggiori e maggiormente specifiche sono le tecniche utilizzate (non è detto, quindi, che un centro classificato come livello I sia peggio di un centro di livello III. Semplicemente, sono diversi i trattamenti).

Naturalmente, esistono numerosissimi centri anche all'estero e poiché la legge 40 che regolamenta in Italia l'utilizzo delle tecniche di fecondazione assistita è decisamente più restrittiva rispetto ad altri Paesi, sono tantissime le coppie che decidono di rivolgersi all'estero (qui l'elenco).

Aiuti per la coppia
L'infertilità di coppia e la difficoltà ad avere un bambino in modo naturale sono problemi che mettono a dura prova la stabilità emotiva e mentale di un uomo e di una donna. Lo stress, la frustrazione, la rabbia (tutte sensazioni assolutamente comprensibili e motivate) che ne derivano rischiano, però, di compromettere ulteriormente la situazione.

Ecco perché oggi si tende ad affiancare le terapie mediche, naturalmente necessarie e imprescindibili, con sedute psicologiche finalizzate al ritrovamento della serenità perduta. È accertato, infatti, che una coppia che arriva con la mente sgombra e l'animo sereno ai trattamenti di procreazione assistita ha maggiori possibilità di raggiungere velocemente l'agognata gravidanza.

Tantissime, a questo proposito, le associazione senza scopo di lucro nate negli ultimi anni per sostenere la coppia, guidandola passo dopo passo fino all'arrivo della cicogna:

 

  • Associazione Cerco un bimbo
     
  • Associazione Amica Cicogna Onlus
     
  • Associazione Madre Provetta

    GLOSSARIO: LE TECNICHE DI FECONDAZIONE ASSISTITA


     

  • IUI: tecnica che consiste nell'introduzione del liquido seminale precedentemente reso idoneo all'interno della cavità uterina.

    Viene praticata nei casi di sterilità inspiegata, moderata infertilità maschile, in caso di patologie che rendono impossibile il rapporto sessuale completo.
     
  • FIVET: tecnica di fecondazione assistita che consiste nel fare incontrare i gameti maschile e femminile all'esterno del corpo della donna, per poi trasferire nell'utero gli embrioni prodotti.

    Viene utilizzata in caso di patologie a carico delle tube, infertilità maschile di grado moderato, endometriosi di III e IV livello, infertilità inspiegata in caso di mancato successo con tecniche meno invasive (IUI).
     
  • ICSI: tecnica che consiste nella fecondazione dell'ovocita tramite iniezione di un singolo spermatozoo all'interno del citoplasma per procedere, una volta avvenuta la fecondazione, al trasferimento degli embrioni nell'utero.

    Viene consigliata in caso di infertilità maschile grave, ridotto numero di ovociti, ovociti scongelati.


     

Commenta questo articolo
  • Commento inserito da lida il 9 settembre 2010 alle ore 13:21

    Gent. dottoressa,
    sebbene in Italia non sia permessa so che molte coppie ricorrono all'estero all'ovodonazione. Può scriverne su questa rubrica? grazie

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Infertilita-maschile-varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
spotting_gravidanza

Come riconoscere lo spotting da mestruazione e le perdite da impianto

All'inizio della gravidanza, non è raro che possano verificarsi delle perdite dovute all'impianto dell'embrione nell'utero. Ecco come distinguerle dallo spotting che segnala l'arrivo delle mestruazioni.

continua »
Smartphone-infertilita

Cellulari e infertilità maschile: 5 regole per evitare problemi

L'utilizzo prolungato degli smartphone è responsabile dell'infertilità maschile? Secondo la Società Italiana di Andrologia no, anche se i dati sono ancora insufficienti per emettere un verdetto finale.

continua »
Vaccinazioni-per-gravidanza

Vaccinazioni in previsione della gravidanza

In previsione di una gravidanza, è necessario che le donne siano protette nei confronti di morbillo-parotite-rosolia (MPR) e della varicella. In particolare quest'ultima, contratta nel primo trimestre, può avere conseguenze molto gravi sia per il nascituro che per la salute della mamma.

continua »
Cerca altre strutture





Ricetta della settimana



I piú cliccati
Seguici sui network