Cause di infertilità maschile

Non sempre le difficoltà di concepimento sono da attribuire alla donna. Talvolta la mancata gravidanza dipende dall’uomo. Ecco, dunque, le principali cause di infertilità maschile e gli esami per rintracciarle.

Articoli Correlati

Cause di infertilità maschile


Che anche l’uomo possa essere causa di infertilità all’interno della coppia è idea recente. Fino a qualche tempo fa, infatti, le cause del mancato concepimento venivano ricercate solo ed esclusivamente nell’apparato riproduttivo femminile, ritenendo erroneamente che virilità e sterilità non potessero camminare accoppiate. In realtà, esattamente come avviene per la donna, anche l’uomo può avere una vita sessuale attiva e soddisfacente pur soffrendo di disturbi (il più delle volte asintomatici) che gli impediscono di concepire un figlio.
Ecco, dunque, quali sono i principali problemi di infertilità maschile, gli esami che consentono di evidenziarli ed, eventualmente, le cure cui sottoporsi.


Va detto, comunque, che qualora una coppia sia in cerca di un bimbo, è bene che entrambi i partner si sottopongano agli esami di routine in modo da poter intervenire il prima possibile in caso di disturbi dell’uno o dell’altro e per evitare che la ricerca della gravidanza, mese dopo mese, si trasformi per la coppia in un incubo.

UN ESAME PRELIMINARE: LO SPERMIOGRAMMA
È un esame non invasivo che consiste nella raccolta, in condizioni sterili, di una piccola quantità di liquido seminale attraverso il quale è possibile determinare la qualità dello sperma, studiandone la consistenza (numero di spermatozoi presenti), la mobilità, la resistenza, la durata.


Dal momento che diverse possono essere le cause di alterazione di questi parametri (febbre, assunzione di farmaci, stile di vita, stress…), l’esame viene generalmente ripetuto 2/3 volte con intervalli di un mese in modo tale da avere un quadro clinico chiaro e completo.
I risultati dello spermiogramma possono evidenziare: 
  • Azoospermia: assenza totale di spermatozoi
     
  • Oligospermia: numero di spermatozoi inferiore a 3milioni/ml
     
  • Astenospermia: insufficiente mobilità degli spermatozoi
     
  • Teratozoospermia: un numero superiore al 50% di spermatozoi mal formati.

    Grazie a questo esame è possibile rintracciare le eventuali cause di infertilità maschile e, in caso, intervenire.  
    1. VARICOCELE
      È un disturbo, abbastanza frequente e che non sempre determina infertilità, che può influire sulla produzione degli spermatozoi. Consiste nella dilatazione varicosa delle vene dello scroto con conseguente innalzamento della temperatura testicolare. Viene riscontrato in seguito allo spermiogramma attraverso una visita specifica cui fa generalmente seguito un Eco-Doppler che permette di valutare l’entità del disturbo.
      Si cura attraverso un semplicissimo intervento chirurgico che permette l’asportazione della vena dilatata attraverso un taglio all’altezza dell’inguine.
      Per maggiori informazioni www.varicocele.it

       

    2. CRIPTORCHIDISMO
      È un disturbo congenito che consiste nella mancata o incompleta discesa di uno o di entrambi i testicoli nello scroto e che potrebbe determinare la mancata produzione di sperma fecondante.
      L’unico intervento possibile consiste in un’operazione chirurgica che permette di riposizionare i testicoli (o il testicolo) nella sede corretta.

     

    TEST DI STAMEY
    È un esame molto particolare articolato in tre fasi che consente di accertare l’eventuale presenza di infezioni che possano influire sulla capacità di fecondazione. La maggior parte delle infezioni, infatti, in particolare quelle a lungo trascurate o croniche, causano un’alterazione della qualità dello sperma che rende, poi, ovviamente difficoltoso il concepimento.
    Tra le infezioni, alcune di quelle provocate da malattie veneree (gonorrea, sifilide…) possono provocare l’ostruzione del canale che dal testicolo va alla vescicola seminale rendendo impossibile la produzione di spermatozoi e, di conseguenza, la fecondazione.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da filomena il 28 ottobre 2008 alle ore 17:21

    ho effettuato una bhcg il giorno prima del ciclo il suo valore era 137
    ma poi mi e' venuto il ciclo come devo comportarmi
    grazie

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
Cercando-gravidanza

5 cose da non dire a una coppia che sta cercando un bimbo

Per alcune donne, la gravidanza è una meta ambita e difficile da raggiungere. Per tante coppie il mancato concepimento è una frustrazione. Ecco cosa non dire e cosa non fare in questi casi.

continua »
Come-riconoscere-ovulazione

5 segnali di ovulazione

Se stai cercando di avere un bimbo e sei attenta a quelli che sono i giorni fertili per programmare la gravidanza, ecco 5 segnali che ti avvisano che il tuo corpo è pronto e sei in fase ovulatoria. 

continua »
spotting_gravidanza

Come riconoscere lo spotting da mestruazione e le perdite da impianto

All'inizio della gravidanza, non è raro che possano verificarsi delle perdite dovute all'impianto dell'embrione nell'utero. Ecco come distinguerle dallo spotting che segnala l'arrivo delle mestruazioni.

continua »
Infertilita-maschile-varicocele

Cause di infertilità: il varicocele

Il varicocele, una dilatazione patologica delle vene testicolari, è tra le principali cause di infertilità maschile. Per diagnosticarlo occorre una visita specialistica dall'andrologo.

continua »
Cerca altre strutture