L'età giusta per diventare genitori? Dopo i 35!

Mamma giovane? No grazie. Secondo una ricerca inglese, l'età giusta per avere un bambino è compresa tra i 35 e i 49 anni. Quando non solo maggiori sono le disponibilità economica, ma più aperta è la mente per accogliere il bebè e prendersene cura.

L'età giusta per diventare genitori? Dopo i 35!



Quand'è il momento migliore per avere un bambino? Secondo una ricerca condotta da Mikko Myrskyl della London School of Economics e da Rachel Margolis della Canada's Western University, portata avanti in collaborazione con la German Institute for Economic Research, l'età più indicata per mettere in cantiere una gravidanza sarebbe tra i 35 e i 49 anni.
Insomma, quelle che un tempo erano considerate 'mamme attempate', improvvisamente, diventano le mamme più indicate per accogliere un bebè e prendersene cura.
Lo studio condotto per otto anni su coppie inglesi e tedesche di diverse età alle prese con i figli non ha dubbi al riguardo: maggiore è l'età dei genitori, migliore è la loro predisposizione alla genitorialità.

Non solo perché aumentano le possibilità economiche della famiglia (fattore non da poco e, certamente, non trascurabile); ma perché, di fatto, aumenta il benessere che il piccolo apporta alla coppia.
Inoltre, sempre secondo gli autori della ricerca, più la coppia è giovane, più la felicità procurata dalla nascita di un bambino è a corto raggio: tra i 23 e 34 anni l'entusiasmo per il nuovo nato scema dopo due anni. Sotto i 22 anni l'entusiasmo cala immediatamente dopo il parto e i primi giorni a casa.


Individuare i motivi non è certo difficile. In una società in cui il proprio piacere viene prima di tutto, in cui i 'sacrifici' sono poco contemplati, edonistica e improntata sull'appagamento di tutte le necessità primarie e non, un figlio rappresenta senz'altro un ostacolo al raggiungimento dei propri obiettivi. Laddove, invece, questi siano stati già ottenuti e consolidati, un bambino si pone come un'occasione in più per reinventarsi, migliorarsi, mettersi alla prova.
Si presuppone, poi, che un figlio arrivato 'tardi' sia stato, nella maggior parte dei casi, consapevolmente cercato e desiderato. Laddove prima potrebbe essere il frutto di un errore, di un pensiero momentaneo, di un gioco poco consapevole.

C'è, poi, la questione dei secondi e terzi figli che lo studio prende in esame. Anche in questo caso, pare che se fino al secondo bambino, la felicità della coppia e il livello di soddisfazione siano massimi, con l'arrivo di un eventuale terzo figlio le cose cambiano. Per quest'ultimo, infatti, sembra esserci meno partecipazione emotiva, meno aspettative, meno entusiasmo.

Gli autori della ricerca, a ogni modo, ci tengono a precisare che il loro studio non intende affatto affermare che sotto i 35 anni i mamma e papà non siano in grado di amare i loro figli o li amino meno di quanto non facciano i genitori over 35. Così come non è intenzione dello studio dire che i terzi figli siano meno amati o desiderati degli altri.
Semplicemente, però, sulla base di indicazioni comportamentali ripetute (e per altro analoghe sia in Germania che in Gran Bretagna), la tesi affermata rimane valida.


Commenta questo articolo
  • Commento inserito da Diocleziano il 5 ottobre 2021 alle ore 01:32

    Certo come no

  • Commento inserito da Selenia il 7 luglio 2021 alle ore 11:12

    Ma non dite cavolate. I figli di fanno da giovani.

  • Commento inserito da Maria Cantarut il 6 giugno 2015 alle ore 21:36

    Gentile , ho 49 anni , io mestruazioni regole , lo spesso perdite muco crema bianco ovulazione . Io vuole in gravidanza. 4 mesi fa , prima volta mio ragazzo e io rapportto sessuale frequenta sperma . Io non avevo avuto mai in gravidanza . Ringrazio spero riposta

Ricetta della settimana

Forse ti potrebbe interessare
gravidanza_medicine_23

Acido folico non solo in gravidanza

Secondo una ricerca GfK Eurisko il 77% delle donne italiane non pianifica la gravidanza esponendo il nascituro a rischi di malformazioni. Solo il 3% sostiene che utilizzerà l'acido folico come forma di prevenzione. L’obiettivo è quello di estendere la finestra terapeutica a tutte le donne in età fertile.

continua »
olulazione_23

Sintomi di ovulazione

Per chi sta cercando un bambino comprendere quando avviene l'ovulazione è fondamentale. Un ciclo regolare, naturalmente, aiuta a prevedere la settimana di ovulazione. Esistono, però, anche dei segnali che il corpo lancia utili in questo senso.

continua »
Preconcepimento

Un bebe' in cantiere

Prima del concepimento, se si ha intenzione di mettere in cantiere un bebè, ecco quali sono i primi passi da compiere, cosa fare e cosa non fare. Per una gravidanza senza problemi.

continua »
Cercando-gravidanza

5 cose da non dire a una coppia che sta cercando un bimbo

Per alcune donne, la gravidanza è una meta ambita e difficile da raggiungere. Per tante coppie il mancato concepimento è una frustrazione. Ecco cosa non dire e cosa non fare in questi casi.

continua »
Cerca altre strutture